Napolitano: “Crisi complessa, ma farò di tutto”

Pubblicato il 07 marzo 2013 da redazione

ROMA  – ”Il prossimo sarà un mese d’inferno”. Uno stretto collaboratore del presidente descrive così l’atmosfera che si respira in queste ore al Quirinale dove il punto finale della crisi politica appare sempre più sfumato. Come avvolto in una ”nebbia” fitta, per usare le preoccupate parole usate anche da Giorgio Napolitano per dare corpo alla propria fatica personale di fronte a questo muro contro muro delle forze politiche che niente sembra poter far vacillare.

– Una crisi complessa – spiega Napolitano, che gli ha impedito anche di compiere una visita alla quale teneva molto, quella all’Europarlamento.

“I tempi stretti e la complessità del processo di formazione di un nuovo governo non mi consentono di intervenire a Strasburgo”, ha spiegato in una lettera al presidente Martin Schulz. Dando bene il senso di come questi siano decisamente giorni difficili di un settennato già complesso.

– Il presidente è molto preoccupato e non a caso ha parlato di una nebbia fitta – confermava ieri in tarda mattinata uno dei consiglieri di Napolitano a dei parlamentari riferendosi allo ‘sfogo’ con il quale il capo dello Stato è sembrato quasi voler condividere – almeno moralmente – il gravoso compito che l’attende.

Lo scenario dell’intervento a sorpresa del presidente è stata la splendida sede dell’Accademia dei Lincei a Trastevere. Dopo un affettuoso ricordo dello ”straordinario” esempio lasciato da Rita Levi Montalcini, Giorgio Napolitano ha preso la parola spiegando tre cose in una: dal Colle la situazione si mostra ben più complessa di quello che si vede; il presidente lavorerà sodo e fino all’ultimo giorno del suo settennato; ‘last but not least’, un mandato al Colle basta e avanza.

Parallelamente il Quirinale lanciava un altro segnale importante a quanti – sia nel mondo della politica che dell’informazione – si esercitano con troppa sicurezza a dare per certi Governi di ogni tipo o a scommettere su incarichi presidenziali già conferiti.

– Attendiamo le consultazioni: prima di allora sono solo fantasie – replicano seccamente fonti del Quirinale a chi chiede se fosse più realistica l’opzione Bersani o quella, ad esempio, di un altro Pd, magari una donna come Angela Finocchiaro.

– A volte si fa fatica a fare luce nella nebbia ed io cerco di fare del mio meglio – ha osservato il presidente. Il ”faro” della Repubblica in questi tempi difficili, lo hanno poco prima definito gli accademici dei Lincei.

– Faro o luce assolutamente normale e umana – si schermisce Napolitano ribadendo ancora una volta che un settennato basta ed avanza:

– Alla vigilia della conclusione del mio mandato voglio sottolineare come essa corrisponda pienamente alla concezione che i padri costituenti ebbero della figura del presidente della Repubblica.

Anche perche’ ”la carta d’identità conta” e bisogna attenersi ”alla legge del succedersi delle generazioni”. Intanto, proprio per fare luce nella nebbia, Napolitano dopo averci a lungo pensato ha deciso di non muoversi da Roma e, a malincuore, ha scelto di rinunciare ad un discorso all’Europarlamento, cuore di quell’Europa chè stata – lei sì – il ”faro” dell’azione e dei pensieri del presidente. E che oggi alcuni non esitano a mettere in dubbio insieme alla Moneta unica. (ANSA)

Ultima ora

00:40Terremoto: tre scosse nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 28 APR - Tre scosse di terremoto si sono susseguite nel giro di mezz'ora nelle Marche. La prima, di magnitudo 3.5 é stata registrata con epicentro a Preci alle 23.09 dai sismografi dell'Ingv. Successivamente sono stati registrati altri due eventi di magnitudo 4 e 4.1 sempre nel Maceratese ma con epicentro a Visso, rispettivamente alle 23.16 e 23.19. Le scosse sono state distintamente avvertite dalla popolazione.

23:53Brexit: May, contro toni duri Merkel serve leader Gb forte

(ANSA) - LONDRA, 27 APR - I toni duri di Angela Merkel verso Londra dimostrano che la Gran Bretagna ha bisogno di un leader fermo per negoziare la Brexit da posizioni forti. Così Theresa May in un comizio elettorale tenuto stasera nella provincia inglese. La premier Tory ha sostenuto che il capo dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, favorevole a una linea negoziale più soft con l'Ue sarebbe troppo "debole" al tavolo delle trattative con Bruxelles. "Abbiamo visto oggi parlare la cancelliera Merkel, ne abbiano ascoltato le dichiarazioni e abbiamo visto come, in effetti, ci saranno momenti in cui i negoziati potranno essere duri", ha sottolineato May. Per questo ha chiesto anche agli elettori laburisti di votare per lei affinché il Regno Unito abbia "la mano più forte possibile". Dalle elezioni dell'8 giugno possono uscire solo due premier alternativi, ha insistito: "e la scelta è fra cinque anni di leadership forte e stabile con me e una coalizione del caos con alla guida Jeremy Corbyn, un leader debole nel negoziare la Brexit".

23:49Francia: Macron con giovani banlieue, ‘Le Pen qui non viene’

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - Costretto ieri alla svolta del bagno di folla nella fabbrica di Amiens, Emmanuel Macron gioca adesso d'anticipo e incalza Marine Le Pen. Questo pomeriggio, in una visita nella banlieue parigina di Sarcelles, è rimasto a lungo fra i ragazzi di un club di sport. I giovani di un'associazione per l'inserimento nello sport, dove si è recato in visita l'aspirante presidente, hanno attorniato Macron facendogli domande sulle sue proposte per l'inserimento di chi vive in banlieue. "E' insopportabile che si venga discriminati a parità di meriti - ha risposto Macron firmando autografi e stringendo mani - voi dovete però sapere che la preparazione è importantissima". Poi la stoccata a Marine Le Pen, in comizio a Nizza: "Il programma per i giovani di banlieue è una delle tante differenze con Marine Le Pen", ha detto Macron. "Lei qui non viene, non può venire. Perché lei dice solo che quelli come voi se ne devono andare".

23:49Venezuela, proteste, denunciato l’arresto di 14 giornalisti

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - Il sindacato nazionale dei giornalisti venezuelani (Sntp) ha denunciato che negli ultimi 25 giorni sono stati arrestati 14 cronisti o tecnici dei media audiovisivi mentre coprivano le proteste di piazza convocate dall'opposizione contro il governo di Nicolas Maduro. Secondo un comunicato del Sntp, dall'inizio della nuova ondata di manifestazioni si sono registrati 90 attacchi contro la libertà di informazione, con 106 cronisti o tecnici vittime di aggressioni che sono attribuibili all'80% alla Guardia Nazionale, la principale forza antisommossa usata dal governo contro la protesta. I relatori per la libertà di stampa dell'Onu e della Commissione interamericana per i diritti umani, David Kaye ed Edison Lanza, hanno esortato il governo di Caracas a "liberare immediatamente tutti coloro che sono stati detenuti perché svolgevano il loro lavoro di giornalisti" e "rispettare il diritto alla libertà di espressione e di opinione".

23:45Gb: regina senza corona a cerimonia inaugurazione Parlamento

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Per la prima volta in oltre 40 anni la regina Elisabetta II non indosserà la corona imperiale di stato e vestirà in modo informale, senza mantello e strascico, in occasione della cerimonia di inaugurazione del Parlamento britannico che si terrà a fine giugno dopo le prossime elezioni generali. Lo scrive il Telegraph, precisando che la prima volta che la sovrana non portò la corona in tale occasione avvenne nel marzo del 1974, mentre nel 1984 venne anche cancellato il servizio dell'ordine della Giarrettiera, l'ordine cavalleresco più importante del Regno Unito. Il cambio di programma, annunciato oggi da Buckingham Palace, prevede che l'apertura del Parlamento avverrà il 19 giugno. Secondo alcuni analisti la scelta della data permetterebbe alla regina di partecipare ad Ascot che si tiene dal 20 al 24 giugno.

23:45Usa: United patteggia con passeggero trascinato da volo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 APR - Il medico del Kentucky, David Dao, che era stato trascinato via da un volo United lo scorso nove aprile dopo essersi rifiutato di cedere il suo posto ad un membro dell'equipaggio, ha raggiunto un accordo con la linea aerea, il cui ammontare non e' stato rivelato rimarrà confidenziale. Lo hanno annunciato gli avvocati di Dao. Le immagini di Dao trascinato con forza fuori dall'aereo erano diventate immediatamente virali sul web, suscitando una marea di critiche e scandalizzando il mondo intero.

23:40Francia: ‘Né Le Pen, né Macron’, la protesta degli studenti

(ANSA) - PARIGI, 27 APR - 'Ni Marine, ni Macron, ni patrie, ni patron', 'Né Marine, né Macron, né patria, né padrone': lo slogan degli studenti delusi dai vincitori del primo turno delle elezioni presidenziali, Marine Le Pen del Front National ed Emmanuel Macron di En Marche!, è eloquente. La protesta non è stata solo verbale ma oggi si sono mobilitati una ventina di licei di Parigi con momenti di tensione con le forze dell' ordine, come anche a Rennes, in Bretagna. Le entrate di alcuni licei di Parigi bloccate da picchetti di protesta. Gli studenti, tramite social network, si sono dati appuntamento a place de la République per manifestare soprattutto contro il Front National: erano circa 500 e si sono diretti nella vicina place de la Bastille. La tensione è ben preso salita: c'é stato un lancio di oggetti con tafferugli e la polizia è intervenuta con i gas lacrimogeni.(ANSA).

Archivio Ultima ora