Conclave, non c’è accordo, slitta la data

Pubblicato il 07 marzo 2013 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO  – Tra i cardinali non c’è ancora accordo. Non si trovano le fila per produrre candidature ”forti” con un serbatoio già consistente di voti. Anche per questo slitta ancora la decisione della data, e quindi anche l’inizio del Conclave per l’elezione del nuovo Papa. Neppure ieri, al quarto giorno di congregazioni generali, in cui si sono svolte la quinta e la sesta sessione, è stata definita e messa ai voti la data dell’ingresso in Sistina, nonostante tutti i 115 ”elettori” attesi siano ormai giunti a Roma. E’ il dato principale di una giornata in cui al Collegio cardinalizio sono state riferite, tra l’altro, le informazioni sullo stato patrimoniale ed economico della Santa Sede, ma in cui sono proseguite anche le tensioni tra i due blocchi: quello dei Curiali e degli italiani da una parte, che vorrebbero tempi accelerati per l’apertura del Conclave (anche per evitare che si saldino alleanze loro opposte e dagli effetti imprevedibili), e quello che vede al centro i cardinali americani, ”obbligati” a una maggiore riservatezza con uno stop alla loro abitudine di convocare giornalmente conferenze stampa, ma protagonisti soprattutto di una manovra ad ampio raggio, diretta a portare sul soglio di Pietro un non europeo. Di fatto, al momento la situazione produce una sorta di ”stallo”, in cui la fissazione della data continua a slittare, poichè neanche il decano del Sacro Collegio, Angelo Sodano, può effettuare forzature di alcun tipo, neanche quella di porre un limite all’esigenza mostrata dai cardinali di ”riflettere” e ”approfondire”, prima di arrivare a una decisione così importante come la scelta del successore di Ratzinger. Anzi, è stata anche smentita dal portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, la notizia circolata l’altra sera che sia stata ”prenotata” la basilica vaticana per la messa per l’elezione del pontefice per lunedì pomeriggio.

Tra l’altro, ha spiegato, una ”missa pro eligendo Pontifice” è una messa che tutti i sacerdoti possono celebrare in questi giorni. La decisione per fissare quella di inizio Conclave, comunque, non spetta certo ai cerimonieri pontifici, ma al Collegio cardinalizio. Intanto ieri anche l’ultimo ”elettore” atteso, il vietnamita Jean-Baptiste Pham Minh Man, è arrivato a Roma e ha giurato nella congregazione pomeridiana. Il quadro di tutti e 115 cardinali attesi per l’ingresso in Sistina è completo. Con il sorteggio dei cardinali Bechara Rai (ordine dei vescovi), Laurent Monsengwo Pasinya (presbiteri) e Velasio De Paolis (diaconi) sono stati rinnovati dopo i primi tre giorni gli assistenti che affiancano il camerlengo Tarcisio Bertone nelle congregazioni particolari, quelle più operative. Al centro delle discussioni di ieri c’e’ stata la situazione economica e patrimoniale della Santa Sede, su cui, in ottemperanza alla costituzione apostolica ”Pastor bonus”, hanno riferito i capi dei tre dicasteri economici, Giuseppe Versaldi per la Prefettura degli Affari economici, Domenico Calcagno per l’Apsa e Giuseppe Bertello per il Governatorato. I porporati vogliono vederci chiaro sullo stato economico del Vaticano e hanno chiesto anche il prospetto sullo Ior: si tratta, è evidente, di notizie cruciali per decidere l’elezione del nuovo Papa. Resta, intanto, la situazione di scontro ”freddo” con i porporati Usa sul tema della riservatezza, anche se, a differenza del Conclave 2005, non è stato posto un diktat che impedisse anche di rilasciare interviste. In molti tra i cardinali, inoltre, si vuole arrivare al Conclave con idee più precise sulla linea da seguire. Per questo emerge sempre più l’idea di una ”preparazione lunga” per avere poi un Conclave ”corto”.

Tra i molti interventi in aula, anche quelli sul ”profilo” che deve avere il nuovo Papa in base alle necessità della Chiesa nel mondo.

”Quello che vedo è un reale desiderio di conoscere e quindi di valutare i papabili in base ai criteri di qualità richiesti dalle situazioni che si descrivono”, afferma su Twitter il cardinale sudafricano Wilfrid Fox Napier, al suo secondo Conclave. Per un porporato discusso come l’americano Roger Mahony, invece, ”i giorni delle congregazione generali stanno raggiungendo la conclusione – dice sempre sul suo account Twitter -. Si avvicina la fissazione della data del Conclave”. Tra la decisioni di oggi del Collegio cardinalizio, l’invio di un messaggio di cordoglio, a firma del card. Sodano, al governo del Venezuela per la morte del presidente Hugo Chavez.

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora