M5S: Grillo, scontro con l’Espresso

Pubblicato il 08 marzo 2013 da redazione

ROMA  – A poche ore dallo ‘sbarco’ dei primi parlamentari del M5S in Parlamento, è lo scontro tra Beppe Grillo e L’Espresso ad infiammare la cronaca ‘a cinque stelle’. Il settimanale, dopo le anticipazioni dell’altro giorno, pubblica un servizio nel quale chiama in causa Walter Vezzoli, autista del camper di Beppe Grillo nello Tsunami Tour e compagno della cognata di Grillo, Nadereh Tadjik.

L’inchiesta dell’Espresso fa riferimento a ”tredici società aperte in Costa Rica, per compiere operazioni immobiliari e investimenti, compreso un resort di lusso”. Sottolinea, inoltre, che quattro di queste societa’ ”risultano immatricolate con la formula della ‘sociedad anonima’, uno schermo giuridico che consente di proteggere l’identità degli azionisti”. E, tra l’altro, in un Paese ”inserito nella black list dei paradisi fiscali dal Tesoro italiano”.

La reazione dello staff di Grillo arriva attraverso il blog. Il leader ‘a cinque stelle’ respinge le critiche, più o meno velate, di aver usato il suo autista come prestanome per operazioni illecite in Costa Rica. Pubblica un’intervista di Vezzoli al Fatto Quotidiano:

”Mi indicano come l’uomo delle società anonime all’estero ma io all’estero vivevo. In Costa Rica è cresciuto mio figlio, ero il proprietario di una discoteca: dove avrei dovuto registrarle?”, è la sua difesa. ”A parte che non ho un centesimo, ma non c’era niente da scudare. Perché lì lavoravo e avevo progetti. Beppe Grillo? Non é mai stato in Costa Rica. Investimenti di Grillo? Ma di cosa stiamo parlando?”.

Poi, spiega che il ”resort non esiste e non doveva esistere” perchè nel suo progetto c’erano ”30 abitazioni autosufficienti” ed ecosostenibili. Le tredici società, quindi, sarebbero frutto dei suoi tentativi imprenditoriali.

Vezzoli – raccontano all’Ansa fonti a lui molto vicine – ”ha vissuto 15 anni in Costa Rica, dove aveva deciso di stabilirsi definitivamente”. Durante questi anni si sarebbe cimentato in svariate attività imprenditoriali: la maggior parte non è stata fortunata.

”Un modo – raccontano – per sbarcare il lunario non andato a buon fine, sino alla decisione di fare rientro in Italia”

Sul suo blog, Grillo ‘attacca’ L’Espresso.

”Consultare Wikipedia e scoprire che per Sociedad An¢nima in Costa Rica – scrive – si intende quella che in italiano viene denominata Società per Azioni”. Non basta. ”Verifica delle fonti – aggiunge – La Costa Rica non è paradiso fiscale già dal 2011”.

A stretto giro arriva la replica del settimanale. ”Contrariamente a quello che sostiene il blog di Grillo – si legge in una nota – non abbiamo mai parlato di ‘societa’ anonime’. In Costa Rica per ‘sociedad anonima’ non c’è trasparenza su azionisti e bilanci. Proprio come in Svizzera”. ”Fino al 2009, quando vennero create le 13 società di Vezzoli, il Costa Rica era anche inserito nella lista nera dell’Ocse e dell’Agenzia delle Entrate come paradiso fiscale”.

Sul blog di Grillo, la maggior parte dei militanti difende il leader ‘a cinque stelle’ e parla di ”falso scoop”. Non manca, però, chi chiede ”maggiore trasparenza” a Grillo e al suo staff. Il polverone alzato dal ‘caso Costa Rica’ sposta l’attenzione dall’ingresso dei neoeletti M5S in Parlamento. Lunedì si apriranno loro le porte ma già domenica è in programma una Assemblea degli eletti a Roma. Per il momento, tutti si stanno preparando al meglio. Alcuni parlamentari stanno lavorando all’ipotesi di una commissione parlamentare d’inchiesta sulla Tav. Progetto vagamente annunciato in passato che, però, a breve potrebbe concretizzarsi.

Ultima ora

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

14:10Calcio: Pescara, Zeman “l’1 settembre mi ero dimesso”

(ANSA) - PESCARA, 16 DIC - "L'1 settembre scorso mi ero dimesso da allenatore del Pescara perché c'erano troppi giocatori in rosa, 42. Non erano arrivati i calciatori che avevo richiesto. Poi sono stato convinto a restare dalla società". La clamorosa notizia è stata rivelata dallo stesso tecnico biancazzurro Zdenek Zeman questa mattina nel corso della consueta conferenza stampa per la presentazione della gara di domani all'Adriatico (ore 17.30) con il Novara. Il boemo ha poi parlato dei rapporti con il patron Sebastiani: "Con il presidente mi trovo bene a tavola. Calcisticamente abbiamo delle idee diverse. Il rapporto con lo spogliatoio? I giocatori cercano un allenatore amico. Io sono venuto qui a Pescara per lavorare".

14:05Calcio: Serbia,in carcere teppisti croati per violenze derby

(ANSA) - BELGRADO, 16 DIC - Un tribunale di Belgrado ha disposto la detenzione per 30 giorni a carico di 5 teppisti croati responsabili dei violenti scontri di mercoledì scorso allo stadio della capitale serba dove si giocava il derby di calcio fra Partizan e Stella Rossa. Un sesto imputato, anch'egli croato, si trova in ospedale. Nell'interrogatorio davanti ai giudici, i 5 hooligan sono rimasti in silenzio. Secondo la stampa belgradese, a organizzare gli incidenti e a pagare il gruppo di teppisti croati per la 'trasferta' a Belgrado -coprendo tutte le spese logistiche e di soggiorno- sarebbe stato Filip Korac, boss criminale alla guida dell'organizzazione cosidetta 'Skaljaski Klan'. Alcuni giornali hanno parlato di 10 mila euro sborsati da Korac per scatenate il caos durante il derby. Una ventina di persone erano rimaste ferite, una in modo grave, negli scontri di mercoledì sera allo stadio del Partizan la cui dinamica resta ancora poco chiara. La polizia ha effettuato in tutto 26 arresti, compresi i sei croati 'agitatori'.

14:05Sicilia: deputato Udc fa vedere voto a Miccichè, è caos

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Caos in aula. Il deputato dell'Udc, Giovanni Bulla, dopo avere votato ha mostrato la scheda a Gianfranco Miccichè prima di metterla nell'urna e a sala d'Ercole, dove è in corso la votazione per l'elezione del presidente dell'Assemblea regionale siciliana, è esplosa la polemica. Miccichè ieri non è riuscito per due volte a essere eletto: nell'ultima votazione gli è mancato un voto.

14:04Stalking: investe sorella della ex, arrestato nel Potentino

(ANSA) - POTENZA, 16 DIC - Al culmine di diversi episodi persecutori nei confronti dell'ex fidanzata e della sua famiglia, ha investito la sorella, che ha riportato lievi ferite: con l'accusa di tentato omicidio, un giovane di 28 anni, di Rionero in Vulture (Potenza), con precedenti penali, è stato arrestato dalla Polizia. Nei confronti del giovane il Questore di Potenza aveva già emesso un provvedimento di ammonimento orale per stalking.

Archivio Ultima ora