Venezuela, elezioni presidenziali: 14 aprile

CARACAS – Tempi stretti, forse troppo stretti. Ieri, dopo aver ricevuto la banda presidenziale e aver giurato sulla Costituzione, il nuovo capo dello Stato (Ad Interim), Nicolàs Maduro, chiedeva al Consiglio Nazionale Elettorale di stabilire la data delle prossime elezioni per dare al paese un nuovo presidente della Repubblica; il capo dello Stato che riceverà la difficile eredità del presidente Chàvez.

Chiamato in causa, il Cne non perdeva tempo. E dopo una lunga riunione, rendeva nota la decisione: le elezioni per eleggere il successore del presidente Chàvez, deceduto il 5 marzo, si realizzeranno il 14 aprile. Le “comunali”, previste per il 14 aprile, verranno invece rimandate a una data che sarà resa nota nei prossimi giorni.

Stando al cronogramma stabilito dal Cne, gli aspiranti alla poltrona di Miraflores avranno 30 ore appena per iscrivere la propria candidatura. La campagna elettorale sarà la più breve nella storia del Venezuela: appena 10 giorni (dal 2 all’11 aprile)

Sebbene il Psuv ha in Nicolàs Maduro il suo candidato (lo stesso presidente Chàvez, prima del suo ultimo viaggio a Cuba per la quarta operazione, lo aveva designato come “il candidato”) non si ha la certezza sulla candidatura della “Mesa de la Unidad”. Infatti, pur avendo fatto il nome di Capriles Radonski (il candidato che aveva affrontato il presidente Chàvez nelle ultime presidenziali, ottenendo un ottima votazione) questi non si ha ancora decise se accettare o no la nuova sfida.