Il Nunzio Parolin: “Una scelta che onora e impegna l’America Latina”

Pubblicato il 13 marzo 2013 da redazione

Anna Maria Tiziano

 

CARACAS.- Le porte della Cappella Sistina si sono chiuse il pomeriggio del 12 marzo 2013, dopo che tutti i 115 Cardinali elettori hanno prestato il giuramento d’osservare fedelmentela Costituzione Apostolicariguardante l’elezione del Romano Pontefice. Quattro fumate nere, quella del pomeriggio di martedì e le prime tre di mercoledì 13 marzo … poi, alle 19.08 comincia ad uscire fumo bianco dal famoso comignolo e le campane di San Pietro a suonare allegramente, tra le acclamazioni della folla che gremisce la piazza in una sera fredda e piovosa.

 

Le dimissioni del Papa Benedetto XVI hanno creato sorpresa e attesa all’interno del mondo cattolico e non.  Qualche giorno fa, com’è ormai  consuetudine per il nostro Giornale, abbiamo chiesto al Nunzio Apostolico in Venezuela, Mons. Pietro Parolin, di aiutarci a fare lumi su una vicenda che segna una svolta nella storia della Chiesa.  Mons. Parolin ci riceve con la gentilezza di sempre e, mentre varchiamo la soglia della Nunziatura, ci sentiamo inondati da una pace che diventa tanto più significativa se messa a confronto con la durezza dell’esterno.

 

Nel sottolineare la grande fede del popolo latinoamericano, chiediamo al Nunzio di offrirci una lettura del gesto del Papa Benedetto XVI, un gesto inatteso e senza dubbio foriero di un cambiamento.  Mons. Parolin ci risponde quasi d’immediato e conferma:

– La decisione di Papa Benedetto XVI ha colto di sorpresa e colpito profondamentela Chiesae il mondo. È stato un atto di profonda umiltà e di grande coraggio.

-Porterà ad un rinnovamento della Chiesa?

-Erano tanti secoli che ciò non accadeva. È stato un gesto innovatore, ispirato da un sincero amore versola Chiesa– autenticamente innovatore come lo è tutto ciò che viene dall’amore.  Lo stesso amore che Benedetto XVI ha mostrato, otto anni fa, quando accettò il Pontificato mettendo da parte le proprie aspirazioni a concludere il suo servizio di Prefetto della Congregazione perla Dottrinadella Fede per dedicarsi alla preghiera, alla riflessione, allo studio, all’indagine teologica, ecc.  e, molto probabilmente, a ciò che gli piaceva, soprattutto alla musica.  Allora, disse immediatamente “sí”, un “sí” generoso e totale. E allo stesso modo, quando ha capito che le forze gli mancavano per continuare a portare avanti l’arduo compito di guidare i fedeli di tutto il mondo, ha compiuto un altro gesto d’amore, ha fatto un passo indietro per fedeltà alla Chiesa.

Poi Mons. Parolin aggiunge: – Come lui stesso ha ricordato nel suo ultimo discorso a Castelgandolfo è stato un gesto d’amore non soltanto versola Chiesa, ma verso l’umanità intera. Affinchéla Chiesasempre più risponda alla sua vocazione di servizio all’uomo, a tutti gli esseri umani.

“Amarela Chiesa– ha detto il Papa – significa anche avere il coraggio di fare scelte difficili, sofferte, avendo sempre davanti il suo vero bene e non se stessi.” È in quest’ottica che si colloca il significato profondo della scelta del Pontefice Benedetto XVI.

– Cosa può farela Chiesain questi momenti tanto difficili per mantenere forte il suo messaggio nel mondo?

– Deve diventare sempre piú “trasparenza” di Gesú e del suo Vangelo, in pratica deve essere Chiesa, vivere senza paure e con fiducia la sua identità.  La Chiesaè il “corpo” attraverso il quale continua, nel tempo e nello spazio, la presenza salvatrice di Gesú risorto, in cui si trasmette e si testimonia il suo messaggio di vita in abbondanza, messaggio che solo risponde alle attese più profonde del cuore degli uomini.

– Cosa possiamo fare noi per affrontare al meglio le sfide del futuro?

– Lo dico per i cattolici … amare un po’ di piùla Chiesa. Sentirlacome la propria madre, colei che, sulle sue ginocchia, ci ha generati alla fede – e ciò soprattutto in questo Anno della fede –, avere il coraggio di difenderla, così come ciascuno di noi difenderebbe la propria madre e non permetterebbe a nessuno di umiliarla.  E poi non abbandonare mai un atteggiamento di umiltà, di conversione e di rinnovamento.

Abbiamo fatto questa intervista prima che il Conclave esprimesse il nuovo Pontefice e, quasi in previsione di ciò che è poi accaduto, abbiamo chiesto a Mons. Parolin:

– Potrebbe esserci la possibilità di un Papa latinoamericano? Ed in tale caso, quale sarebbe l’impatto sui vari Paesi che compongono l’America Latina?

– L’America Latina ha tutti i titoli per poter esprimere un Papa.  Non dimentichiamoci che è il Continente dove vive la maggioranza relativa dei cattolici del mondo.  Si tratta di una Chiesa viva, presente nella società, cosciente della sua vocazione di discepola/missionaria. Credo che l’elezione di un Papa latinoamericano potrà imprimere un impulso forte all’evangelizzazione del nostro tempo e al contributo chela Chiesaè chiamata a dare alla soluzione dei grandi problemi attuali, come la povertà, la giustizia sociale, la convivenza pacifica, ecc.

 

Dopo la notizia dell’elezione di Papa Francesco I, il Card. Argentino Jorge Mario Bergoglio, abbiamo immediatamente sentito telefonicamente il nostro Nunzio mons. Parolin che si è vivamente rallegrato e si è congratulato con l’America Latina per questa scelta che la onora e la impegna nello stesso tempo, invitando tutti a pregare per il nuovo Pastore della Chiesa universale e riprendere, in comunione con Lui e sotto la sua guida, il cammino verso il Regno di Dio ¡Que Dios bendiga a Papa Francisco!

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora