India: Niente immunitá per il nostro Ambasciatore

Pubblicato il 18 marzo 2013 da redazione

NEW DELHI – L’ambasciatore a New Delhi Daniele Mancini sta pagando in prima persona le conseguenze per la decisione presa dalla Farnesina di non far rientrare in India i marò accusati di aver ucciso due pescatori mentre evitavano un attacco dei pirati. La Corte Suprema presieduta dal suo Presidente Altamas Kabir ha deciso che il diplomatico non può lasciare il paese, restrizione imposta lo scorso giovedi e riconfermata ulteriormente.

Alla Farnesina che chiede di rispettare la Convenzione di Vienna, in materia di immunità dell’ambasciatore, la Corte indiana ha risposto che il diplomatico avrebbe perso questo diritto dal momento che non è stata rispettata la dichiarazione giurata che aveva sottoscritto a garanzia del rientro in India dei due fucilieri al termine del permesso di quattro settimane conferito per permettere loro di partecipare alle elezioni italiane. “Ho perso ogni fiducia nell’ambasciatore Mancini” ha detto il presidente della Corte suprema”.

Al termine di una tesissima udienza durata 45 minuti in un’aula affollatissima, i giudici hanno sostenuto che ”in linea di principio Latorre e Girone non hanno ancora materialmente infranto il loro impegno di ritornare entro il 22 marzo”, e hanno aggiornato la seduta al prossimo 2 aprile. In questo modo, secondo gli analisti, la Corte ha di fatto lasciato quattro giorni a Italia e India per trovare una soluzione prima di dover ammettere che le dichiarazioni giurate di Mancini e dei marò hanno effettivamente perso di valore. E, se si vuole, anche un periodo di tempi supplementari di un’altra decina di giorni per avvicinare le posizioni e instradare la crisi su un percorso praticabile.

Nel corso del suo briefing settimanale poche ore dopo l’udienza della Corte, il portavoce del ministero degli Esteri, Syed Akbaruddin, ha ammesso che effettivamente ”esiste un conflitto di giurisdizioni” sulla questione dei marò che ”deve essere esaminato”, rifiutandosi di confermare la possibile esistenza di discussioni in corso fra Roma e New Delhi. Con un maggiore senso di apertura per l’ipotesi, invece, l’Unione europea ha ripetuto di aver ”preso nota delle discussioni in corso”, sperando che ”una soluzione consensuale possa essere trovata attraverso il negoziato ed il rispetto delle regole internazionali e soprattutto della Convenzione di Vienna”. Nulla di più però, dal momento che il portavoce della Ashton ha affermato che l’Ue ”non fa parte della disputa legale” tra Italia e India e “perciò non può prendere posizione nel merito degli argomenti legali”.  

G.T.

 

Convenzione di Vienna: come funziona l’immunità
ROMA – Ruota attorno alla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche la disputa di questi giorni tra la Corte suprema indiana e il ruolo dell’ambasciatore italiano a New Delhi Daniele Mancini che ”come rappresentante della Repubblica italiana” si è fatto garante con una dichiarazione giurata del rientro dei due marò in India al termine della licenza elettorale. Il trattato internazionale, adottato nel 1961 ed entrato in vigore nel 1965, regola infatti i rapporti diplomatici tra Paesi, l’immunità del personale diplomatico e l’inviolabilità delle ambasciate. Secondo la Convenzione, l’ambasciatore o l’agente diplomatico rappresenta lo Stato ”accreditante” presso lo Stato ”accreditatario”, cura gli interessi del proprio Paese e dei suoi cittadini nel Paese straniero, ha il potere di negoziare accordi con lo Stato ospitante e promuove le relazioni amichevoli tra i due Paesi. In questo quadro, gode di immunità assoluta per gli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, poichè il diritto internazionale considera le sue attività non dell’individuo ma dello Stato di cui è organo. Secondo l’art.29 della Convenzione dunque ”la persona dell’agente diplomatico è inviolabile. Egli non può essere sottoposto ad alcuna forma di arresto o di detenzione”. Gode ”dell’immunità dalla giurisdizione penale dello Stato accreditatario” (art. 31). L’art.32 prevede che ”lo Stato accreditante puà rinunciare all’immunità giurisdizionale degli agenti diplomatici” e che tale ”rinuncia deve essere sempre espressa”. Il paragrafo 3 – quello su cui poggerebbe la posizione della Corte Suprema indiana – stabilisce però che ”un agente diplomatico, che promuova una procedura (in questo caso, sostiene l’India, la dichiarazione giurata dell’ambasciatore, ndr), non può invocare questa immunità per alcuna domanda riconvenzionale connessa con la domanda principale”. La convenzione precisa inoltre con l’art.30 l’inviolabilità della residenza e della sede diplomatica, dove lo Stato accreditatario non può compiere arresti, perquisizioni, sequestri. L’inviolabilità si estende anche alla corrispondenza. Le immunità diplomatiche sono riconosciute agli ambasciatori dal momento in cui entrano nel territorio dello Stato accreditatario fino al momento in cui ne escono. E si estendono al personale amministrativo e tecnico della missione, ai familiari e ai domestici che non siano cittadini dello Stato ospitante (art.37).

 

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora