Iraq, a 10 anni dall’invasione

Pubblicato il 19 marzo 2013 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT  – Dieci anni dopo la caduta del regime di Saddam Hussein, non c’è pace per l’Iraq. Mentre il Paese si prepara a ricordare in sordina oggi l’anniversario dell’invasione anglo-americana, quasi 60 persone sono rimaste uccise e circa 200 ferite in una nuova ondata di attentati che ha visto almeno 15 autobomba o altri ordigni esplodere in povere aree sciite di Baghdad, nella provincia di Babilonia a sud della capitale e a Mosul, nel nord. Nessuno ha ancora rivendicato l’ondata di attacchi, alcuni dei quali compiuti da attentatori suicidi e altri con l’attivazione degli ordigni mediante dispositivi a distanza. Ma normalmente sono Al Qaida – ancora forte nel Paese – o altre organizzazioni terroristiche sunnite ad addossarsi la responsabilità dei più gravi attentati contro gli sciiti.

Le tensioni tra la maggioranza sciita, di cui fa parte il primo ministro Nuri al Maliki, e la minoranza sunnita si sono andate via via aggravando dal ritiro delle ultime truppe americane, nel dicembre del 2011, al punto che ieri il governo ha annunciato la decisione di rinviare per un massimo di sei mesi le elezioni locali del 20 aprile prossimo in due delle 18 province del Paese: quella occidentale di Anbar e quella settentrionale di Ninive, dove più gravi sono i problemi della sicurezza.

Secondo fonti sanitarie e degli apparati di sicurezza, almeno 42 persone sono state uccise negli attentati avvenuti ieri in varie zone di Baghdad, in particolare nei quartieri sciiti di Sadr City, Husseiniya, New Baghdad e Zaafaraniya. Ad essere presi di mira sono stati i civili, in alcuni casi lavoratori che di prima mattina stavano facendo colazione in modesti ristoranti prima di cominciare la giornata. Una bomba piazzata a bordo di un autobus è esplosa uccidendo o ferendo 12 persone mentre il mezzo passava accanto alla moschea sciita di Muhsin Husseiniya. Nella provincia di Babilonia sono esplose tre autobomba che hanno provocato almeno dieci morti e una cinquantina di feriti. A Mosul, invece, nella provincia di Ninive, un attentatore suicida si è fatto saltare in aria in un ristorante del centro uccidendo cinque persone e ferendone nove. Quella di ieri è la giornata più sanguinosa in Iraq dopo quella del 9 settembre dell’anno scorso, quando 76 persone furono uccise in una serie di attentati. La settimana scorsa un attacco compiuto da terroristi con tre autobombe e un attentatore suicida contro il ministero della Giustizia, in una delle aree più protette di Baghdad, aveva provocato 30 morti e 50 feriti.

Ieri la Zona Verde, il quartiere altamente protetto dove sono situati molti uffici governativi e ambasciate, è stata chiusa dopo che una delle autobomba era esplosa vicino ad uno dei suoi ingressi. Dal giorno dell’invasione delle truppe americane e britanniche, il 20 marzo del 2003, sono almeno 112mila gli iracheni, in gran parte civili, che hanno perso la vita nelle violenze. Ma l’ex premier britannico Tony Blair, in un’intervista alla Bbc in occasione dei dieci anni dal conflitto, ha comunque difeso la scelta di affiancare l’allora presidente Usa George W. Bush nonostante le tante critiche: senza l’intervento armato guidato da americani e britannici – ha sostenuto – in Iraq ci sarebbe stata una rivolta popolare più sanguinosa di quella che è in corso in Siria.

– Come ci si può pentire di aver rimosso un mostro responsabile di molti massacri? – ha chiesto l’ex premier riferendosi a Saddam Hussein. Tiepido invece il messaggio di Barack Obama, che ha tuttavia voluto ricordare le 4.500 vittime del conflitto tra le fila dell’esercito Usa.

– Si è trattato di un sommo sacrificio – ha afferma il presidente Usa in una nota – per dare al popolo iracheno l’opportunità di forgiare il proprio futuro dopo molti anni di avversità”

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora