La crisi di Cipro, equivoci e doppio gioco

Pubblicato il 20 marzo 2013 da redazione

ROMA  – Una girandola di equivoci, allarmi inascoltati e scaricabarile, con l’aggravante di un rischio-contagio e dei rapporti con Mosca utilizzati come arma per costringere l’Europa a capitolare. Sembra l’accusa a uno stato-canaglia, ma è quello che emerge dalla ricostruzione degli eventi che hanno portato il governo di Cipro a dover chiedere il salvataggio, poi bocciato dal Parlamento per ricominciare dal punto di partenza. E’ sotto gli occhi di tutti il danno subito dai cittadini ciprioti, che si vedono trascinati dentro un tornado finanziario a causa dell’ennesimo crack che coinvolge le banche (e che l’Europa, pur con armi spuntate, avrebbe dovuto gestire prima). Eppure, mettendo in fila i fatti, salta agli occhi come i ciprioti rischino il default per responsabilità imputabili ai loro stessi governi. E i cittadini europei di trovarsi a dover pagare integralmente non tanto per solidarietà con i risparmiatori ciprioti. Ma, piuttosto, nell’interesse politico di Nicosia a mantenere quella stessa bolla bancaria e finanziaria che ha provocato la crisi del Paese.

– L’EURO, l’offshore, la Grecia –. Cipro entra nell’euro nel 2008. Lo scorso anno aveva un prodotto interno lordo di 18 miliardi di euro. E un sistema bancario cresciuto a dismisura sotto l’ombrello dell’euro: gli attivi bancari (investiti massicciamente anche nella vicina Grecia) superano i 126 miliardi. Sette volte il valore dell’economia, uno squilibrio peggiore di quello dell’Irlanda pre-crisi, anni luce dagli standard europei.

I depositi (circa il 30% di cittadini e aziende russi) valgono quattro volte il Pil. Un terzo delle filiali di Bank of Cyprus (maggiore azionista il russo Dmitry Ryblovlev) sono in Russia. Per fare da ‘calamita’ ai capitali esteri, Cipro offre opacità sui conti ed elevatissimi tassi d’interesse per remunerare i depositi: in media il 4,45%, un livello così elevato da assicurare, nel giro di un paio d’anni, rendimenti superiori a quelli delle banche tedesche anche dopo aver pagato la discussa tassa sui depositi.

La crisi in Grecia, dal 2010, inceppa il meccanismo: Cipro deve far fronte a 4,5 miliardi di perdite delle sue banche sulla sola Grecia, e ricapitalizzarle.

– GLI AIUTI, le banche, la Russia –. Ancora lo scorso giugno, dopo numerose avvisaglie e il pressing della Bce per ricapitalizzare le banche cipriote, la Commissione Ue si diceva ”fiduciosa” che Cipro ce la facesse. A stretto giro, arrivano i tagli del rating, l’austerity. Il lungo negoziato sfocia nel pacchetto di salvataggio dello scorso weekend: 10 miliardi di prestiti da Ue e Fmi. Cipro s’impegna ad un aumento della tassa sugli utili aziendali e a contribuire con 5,8 miliardi derivanti da una tassa una-tantum sui depositi bancari, bocciata dal suo Parlamento nazionale. Ma (come dichiarato ieri in una nota della Commissione Ue) è stato il governo di Cipro, non i partner europei, a pretendere di tassare anche i depositi sotto i 100.000 euro: l’alternativa c’era, era un’aliquota del 15% sui soli grandi depositi che sarebbe stata sufficiente, ma al costo di far infuriare i grandi capitali, nazionali ed esteri (la Russia, con cui Cipro sta trattando dopo aver detto no all’Europa, ha fatto subito la voce grossa) parcheggiati nelle sue banche. Non finisce qui.

Il debito del Paese supera i 15 miliardi di euro: volerà a 25 miliardi (il 140% del Pil) già con il prestito da 10 miliardi negoziato con Bruxelles, ma supererebbe addirittura il 170% del Pil, un livello insostenibile, senza i 5,8 miliardi provenienti dal prelievo sui depositi (il salvataggio si avvicinerebbe al valore del Pil, come se l’Italia ricevesse 1.600 miliardi di prestiti). Infine, la partecipazione del settore bancario alle perdite appare inevitabile, trattandosi di una crisi provocata da una bolla bancaria.

Il Fmi ha già proposta una soluzione alternativa: ristrutturare le due banche maggiori, infliggere perdite ai (pochi) obbligazionisti senior e far scattare l’assicurazione sui depositi sotto i 100.000 euro: sopra quella soglia i depositi, non essendo assicurati, perderebbero fra il 30 e il 40% del loro valore. Di fronte a una sproporzione così grande fra asset bancari ed economia reale, la via delle perdite private è dunque obbligata. L’alternativa è il default, o ristrutturazione del debito ‘ordinata’ che avrebbe costi sociali ben più alti. A meno che Cipro decida di giocare fino in fondo la carta russa, affidando a Mosca le sorti della propria economia.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora