Obama in Israele: “Fieri di essere vostri alleati”

Pubblicato il 20 marzo 2013 da redazione

TEL AVIV  – ”E’ nostro interesse essere al fianco di Israele” e gli Usa sono ‘fieri di essere i vostri migliori alleati”: cosí Barack Obama ha esordito al suo arrivo all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv – nella sua prima visita da presidente nello Stato ebraico – rivolgendosi al presidente, Shimon Peres, e al premier, Benyamin Netanyahu, che subito prima l’aveva ringraziato per voler ”difendere senza ambiguità il diritto d’Israele di esistere”.

– Sono fiducioso che l’alleanza con Israele sia eterna – ha quindi insistito il capo della Casa Bianca, inaugurando la tappa piú importante (e delicata) di un viaggio nella regione che rappresenta il debutto diplomatico del suo secondo mandato. Obama si è poi espresso in ebraico per un saluto accolto dagli applausi. E non è sfuggito a un momento di scherzo, quando Netanyahu ha detto al presidente di aver preparato per lui ”un paio di baffi finti” in modo che potesse aggirarsi non riconosciuto fra la gente comune di Tel Aviv: cosa che Obama, prima del viaggio, si era rammaricato di non poter fare per motivi di sicurezza salvo mascherarsi.

L’Air Force One con Obama è atterrato poco prima delle 12.30 locali: ad attenderlo sulla pista, una folla di dignitari ed esponenti politici israeliani, capeggiati dal presidente Peres (abbracciato calorosamente dall’ospite) e dal premier Netanyahu (appena confermato nell’incarico alla guida di un nuovo governo a trazione di destra e salutato con una più sobria stretta di mano). Tutti e tre avevano – forse per caso – la stessa cravatta azzurra, uno dei due colori della bandiera israeliana.

A Obama, Netanyahu ha presentato uno per uno i ministri del nuovo governo: da Gideon Saar (Interni), a Tizpi Livni (Giustizia e coordinamento del comatoso negoziato con i palestinesi), a Moshè Yaalon (Difesa), fino ai protagonisti emergenti del mondo politico israeliano come Yair Lapid (Finanze) e Naftali Bennett (Economia). Obama – che durante la visita a una batteria Iron Dome, scudo antimissile usato da Israele durante l’operazione ‘Colonna di nuvola’ a Gaza, si è tolto la giacca per il caldo, seguito in questo da Netanyahu – è infine partito in elicottero per Gerusalemme.

Nel frattempo a Gaza è partita la prima protesta palestinese contro quello che è stato denunciato come ”il sostegno unilaterale” Usa a Israele; seguita dall’innalzamento di un avamposto di tende in Cisgiordania contro la recente requisizione israeliana di terre per l’espansione delle colonie nella zona E-1 fra Gerusalemme e Maleeh Adumim.

  • wavettore

    I media spianano la strada al Piano Sionista ma chi paghera’ in ultimo il caro prezzo di questa grande menzogna?

    Mai nella storia tante armi di distruzione di massa sono state in mano di cosi’ tanta gente che stava provando ad eseguire un Piano cosi’ pericoloso per l’intera Umanita’.
    E’ la prima volta.

    In normali circostanze non ci sarebbe il bisogno di preoccuparsi di un gruppo di Sionisti che ha pianificato il collasso finanziario Mondiale ed una Guerra di Religioni per schiavizzare miliardi di persone, ma, quando l’arma della menzogna lavora in sincronismo contro un Umanita’ che e’ cosi’ mista e cosi’ robotica e che include anche gli ultimi figli dell’Eta’ della Pietra il problema sorge quando “in buona fede” troppa gente cade vittima nella trappola di quei pochi.

    Il loro motto “Divide et impera” e’ anche la strategia in Iraq, Siria, Iran e Korea per arrivare in ultimo a Cina e Russia.
    Questi governi sono costantemente nel mirino di servizi segreti Inglesi, Israeliani ed USA che instigano le genti di quei Paesi mentre in ogni luogo TV media controllati dagli stessi Sionisti demonizzano i governi di quei Paesi destabilizzati.

    Popolazioni Inglesi, Israeliane ed USA non hanno niente a spartire con i loro servizi segreti che lavorano esclusivamente per i Sionisti e non per il beneficio dei loro propri Paesi.

    Senza un Risveglio, un qualsiasi cambiamento sarebbe improbabile anche se le genti sapessero esattamente cosa faranno i cospiratori:

    Scaglieranno le pietre e veloci nasconderanno la mano

    Colpiranno l’uno per incolpare l’altro e dividere le genti

    Istigheranno il Conflitto in nome delle nostre differenze

    Il concetto di un “popolo scelto” di Israele e’ incompatibile con la Pace, l’Uguaglianza ed il Rispetto Umano.

    La prossima Guerra Mondiale e’ gia’ stata pianificata alle spalle di tutte le genti che saranno forzate a combattere per i loro Paesi nel loro obbligo di cittadini

    La posta in palio e’ un Nuovo Ordine del Mondo.

    E l’alternativa alla piu’ Grande Menzogna puo’ essere soltanto Una.

    http://www.wavevolution.org/it/index.html

    http://www.wikinfo.org/Multilingual/index.php/Wavevolution

Ultima ora

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

Archivio Ultima ora