Con e senza l’accento

Pubblicato il 21 marzo 2013 da redazione

La data piú importante di questa settimana di fine inverno é stata sicuramente il 19 marzo: c’é stato l’insediamento ufficiale del nuovo papa Francesco, l’argentino sí di origini italiane ma dall’inconfondibile accento ‘porteño’, comune un po’ a tutti gli argentini che parlano la nostra lingua. Un accetto imitato da molti e riconosciuto come originale, e generalmente simpatico, soprattutto dalle persone di lingua spagnola, ritenuto simile all’italiano per le sue espressioni quasi ‘cantate’.

Tale notizia ha stravolto le scalette di tutte le tv ed i giornali mondiali, evidenziando delle indubbie doti di comunicazione che questo pontefice possiede, in maniera inequivocabile. Ebbene, papa Francesco ha volutamente deciso di insediarsi ufficialmente come vescovo di Roma nel giorno in cui i cristiani celebrano la festivitá di San Giuseppe, evidenziando sicuramente il carattere mite, buono ed obbediente del santo. Ma la data del 19 marzo tocca anche tutti i laici, in Italia e non solo: é la ricorrenza della festa del papá.

Nulla di tutto questo ci sorprende. Il fatto straordinario é invece che in una scuola di Roma, la Ugo Bartolomei, quest’anno si sia deciso di abolire la festa del papá, in quanto ritenuta discriminatoria nei riguardi di un bimbo che attualmente frequenta tale scuola e che vive con una coppia omosessuale. In un mondo occidentale in cui si susseguono i riconoscimenti degli stessi diritti per le coppie omosessuali rispetto a quelle etero, é normale che una polemica del genere fosse sorta: non é la prima e non sará, di certo, l’ultima volta. E’ il segno dei tempi che stiamo vivendo (non ovunque) nel mondo occidentale. Pur non argomentando su tale questione, credo peró opportuno fare delle considerazioni di carattere ‘naturale’, nel senso piú scientifico del termine. Al di lá dei diritti di ogni singolo Paese, esiste una realtá alla quale tutti devono attenersi: quella realtá stessa per la quale in una coppia omosessuale manca, fisicamente, una mamma o un papá, cosí come in una coppia etero manchi un altro individuo dello stesso sesso di uno dei due genitori. Sembra ridicolo puntualizzare l’ovvio ma, a volte, credo sia utile. Non credo pertanto si possa parlare di discriminazione in quanto si tratta semplicemente di un qualcosa di diverso che manca in un caso o in un altro: una coppia etero potrebbe sentirsi discriminata se un giorno (probabilmente succederá) si festeggerá la festa della famiglia omosessuale. In Francia, come probabilmente in altri Paesi, si arriverá all’abolizione del termine mamma e papá, a favore dei termini ‘genitore 1’ e ‘genitore 2’ (anche qui si potrebbe litigare sul primato dei due). Inoltre, utilizzando come unico discriminante l’amore, parola della quale spesso se ne fa un uso improprio, si potrebbe arrivare ad ‘allargare’ il concetto di famiglia, includendo altre tipi di unioni: é infatti possibile innamorarsi di due persone contemporaneamente oppure amare a tal punto un consanguineo tanto da voler arrivare ad avere una unione permanente (le combinazioni possono essere tante), arrivando ad avere anche dei genitori 3 e 4 magari: sembra assurdo e provocatorio, ma forse non lo é.

Non importa se un papá sará chiamato genitore 1 (o molto probabilmente 2, in realtá!). Quello che é importante notare, da un punto di vista meramente biologico e fisico, é che non si puó essere qualcosa e qualcos’altro allo stesso tempo, con tutto ció che ne consegue. La coscienza, in ogni caso, é individuale. I bimbi, per fortuna, sanno perfettamente in quale situazione si trovano, senza bisogno di tante spiegazioni.

Personalmente considero che nessun padre, cristiano o ateo che sia, voglia vedersi negato quel senso di appartenenza alla schiera dei papá migliori del mondo per i rispettivi figli. Non c’é padre che non si senta orgoglioso, fiero e gioioso nel ricevere una letterina semplice ma intrisa d’amore da un figlio o da una figlia: quanto piú le lettere sono sgangherate tanto piú fa piacere custodirle con cura, conservando quella tenerezza dei bimbi che non ha prezzo (‘tenerezza’, leitmotiv di questa settimana a quanto sembra!). Non credo che nessuno possa sentirsi offeso da una tale ricorrenza semplicemente per il fatto di non essere un papá. Da parte mia, i piú cari ed affettuosi auguri, con e senza l’accento.

Andrea De Vizio

www.andreadevizio.com
Twitter: @andreadevizio

 

 

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora