Paura e ansia per le sorti di un altro connazionale sequestrato

Pubblicato il 21 marzo 2013 da redazione

ACARIGUA: – Erano le 7 del mattino di mercoledì scorso quando l’italo-venezuelano Juan Blasi Di Pietro di 57 anni è arrivato in via Las Lágrimas de Acarigua per seguire i lavori di un piccolo Centro Commerciale che sta costruendo in quella cittá.

Juan Blasi Di Pietro è un agricoltore che risiede nella capitale dello stato Portuguesa, uno stato che è considerato il granaio del Venezuela per la fertilità delle sue terre. La savana è una delle zone più affascinanti del paese e vi risiedono molti italiani che al loro arrivo in Venezuela si sono dedicati all’attività agricola.

Purtroppo in questi ultimi anni i casi di espropri e sequestri ai danni di connazionali si sono moltiplicati e questa volta è toccato a Juan Blasi Di Pietro essere vittima di malviventi.

Secondo le testimonianze di alcune persone presenti, l’italo-venezuelano era da poco arrivato al cantiere quando da una Ford Explorer Eddy Bauer rossa bordeaux sono scese tre persone armate di pistole automatiche che, dopo aver bloccato ogni reazione degli operai, hanno minacciato di morte l’italo-venezuelano e l’hanno obbligato a seguirli e ad entrare nel loro suv.

Subito dopo si sono allontanati a gran velocità e i presenti hanno immediatamente avvertito la polizia.  Sono arrivati sul posto funzionari della Polizia dello Stato Portuguesa, del CIPC (Corpo di investigazioni scientifiche, penali e criminali) di Acarigua, del Gruppo Antiestorsione e Sequestro (GAES) e del Sebin-Araure.

In questo momento il caso è seguito dai funzionari della sub delegazione di Acarigua della Polizia Scientifica che stanno portando avanti accurate indagini.

Siamo certi che si è già attivato anche il nostro esperto antisequestro, l’ispettore Gianluca Rotatori che ha già dato prova in varie occasioni della sua bravura e serietà professionale.

Blasi Di Pietro vive nella zona residenziale Mamanico di Acarigua e si dedica alla coltivazione del riso e ad altre attività commerciali.

I familiari profondamente addolorati sono molto preoccupati perchè il connazionale soffre di una patologia cardiaca e ha bisogno di prendere urgentemente alcune medicine.

Non resta che augurarci che le forze dell’ordine coadiuvate dal nostro esperto antisequestro riescano a liberare al più presto Juan Blasi Di Pietro e a riportarlo tra i suoi familiari.

Il problema dei sequestri in Venezuela è diventato davvero allarmante. Nessuna città, nessuna fascia oraria, nessuna zona, può essere considerata sicura.

Le modalità sono quelle del sequestro lampo o del sequestro prolungato, come in questo caso. Secondo il criminologo Fermìn Màrmol Garcìa il Venezuela si colloca all’ottavo posto tra i primi 10 paesi per numero di sequestri e questo senza contare i tantissimi casi in cui soprattutto i sequestri lampo non vengono denunciati e si risolvono con il pagamento del riscatto.

Il sequestro, soprattutto quello lampo, è utilizzato da bande di delinquenti che in questo modo riescono a guadagnare moltissimo e quasi sempre eludono la giustizia e i controlli della polizia.

Ciò li rende di gran lunga più pericolosi dei sequestratori di professione perchè generalmente agiscono sotto l’effetto di stupefacenti e quindi diventano molto più pericolosi e aggressivi.

Si stima, secondo il criminologo venezuelano, che solamente in Caracas si verifichino ogni settimana cinque casi di sequestro di cui quattro lampo e uno prolungato.

Ma ciò che è ancora più grave, secondo Marmol Garcìa è che solo uno su cinque dei sequestrati denuncia il caso alle autorità competenti.

Gli italiani e italo-venezuelani spesso sono rimasti vittime di sequestri di entrambe le tipologie tanto che, a seguito anche di una intensa campagna fatta attraverso le pagine della Voce, è stato assegnato alla nostra Ambasciata un esperto antisequestro che è di grande aiuto per i connazionali che restano vittime di un delitto tanto grave.

 Giuditta Tazzi

Ultima ora

19:58Nuoto: Europei, Sabbioni argento nei 100 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Argento di Simone Sabbioni nei 100 metri dorso agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. L'azzurro con il tempo di 49"68 ha stabilito il record italiano in vasca corta, migliorando il proprio 49"96, ottenuto agli assoluti di Riccione. L'oro è andato al russo Kliment Kolesnikov (48"99), il bronzo al rumeno Robert-Andrei Glinta (49"99).

19:47Banche: Zoggia, chiediamo audizione Boschi in Commissione

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il calendario delle audizioni alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche è chiuso, come deciso alcuni giorni fa. Tuttavia, se il presidente Casini decidesse di riaprirlo, pare evidente e urgente la necessità di ascoltare la Sottosegretaria Boschi. Se il presidente valuterà l'opzione, noi formalizzeremo subito la richiesta di audire Boschi". Lo dichiara il deputato Davide Zoggia (Mdp-LeU), membro della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche.

19:46Mafia:sciolto comune Lamezia, ‘illecita acquisizione voti’

(ANSA) - CATANZARO, 15 DIC - "Fonti tecniche di prova hanno attestato come la campagna elettorale per il rinnovo degli organi elettivi sia stata caratterizzata da un'illecita acquisizione dei voti che ha riguardato, direttamente o indirettamente, esponenti della maggioranza e della minoranza consiliare". E' uno dei passaggi della relazione al Presidente della Repubblica fatta dal ministro dell'Interno Marco Minniti che ha portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme, terza città calabrese con i suoi 70 mila abitanti, decretato il 22 novembre scorso. Minniti afferma che la relazione del Prefetto alla luce dell'accesso antimafia effettua un "raffronto tra le risultanze dell'accesso attuale e quelle che diedero luogo agli scioglimenti nel 1991 e nel 2002 rinvenendo, in assoluta continuità, la persistenza delle medesime dinamiche collusive e dell'operatività degli stessi personaggi di spicco delle organizzazioni criminali dominanti". L'accesso era stato disposto dal Prefetto di Catanzaro nel giugno 2017.

19:41Milan: Uefa respinge Voluntary Agreement

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - La Uefa ha respinto la richiesta di Voluntary Agreement del Milan. Lo annuncia la stessa Uefa con un comunicato pubblicato sul proprio sito. ''Il consiglio - si legge - ha deciso di non approvare la richiesta del club perché ci sono ancora delle incertezze in relazione al rifinanziamento del debito in scadenza nell'ottobre del 2018 e alle garanzie finanziarie del principale azionista''.

19:39Nuoto: 200 farfalla donne, argento a Ilaria Bianchi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ilaria Bianchi ha vinto l'argento nella finale dei 200 metri farfalla agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 2'04"22, record italiano. L'oro è andato alla tedesca Franziska Hentke (2'03"92), il bronzo alla francese Lara Grangeon (2'04"31).

19:35Nuoto: Europei, bronzo Panziera nei 200 dorso donne

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Margherita Panziera ha vinto il bronzo nella finale dei 200 metri dorso, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. La 22enne di Montebelluna - allenata a Roma da Gianluca Belfiore - con il tempo di 2'02"43 è stata preceduta dal'ungherese Katinka Hosszu (2'01"59) e dall'ucraina Daryna Zevina (2'02"27). Panziera ha migliorato il primato italiano che lei stessa aveva stabilito a Riccione due settimane fa in 2'03"15.

19:33Corea Nord: Guterres offre buoni uffici soluzione pacifica

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres ha offerto i suoi "buoni uffici" per evitare che l'"allarmante" programma nucleare della Corea del Nord finisca accidentalmente per provocare un conflitto dalle conseguenze devastanti. Parlando in Consiglio di Sicurezza, Guterres ha detto che l'Onu mette a disposizione i suoi assett strategici in tre aree chiave: imparzialità, valori e principi per soluzioni diplomatiche pacifiche e canali di comunicazione con tutte le parti: "Le Nazioni Unite sono un luogo dove tutte le sei parti sono rappresentate e possono interagire per ridurre le differenze e promuovere misure di costruzione di fiducia reciproca".

Archivio Ultima ora