M.O. Obama a israeliani: “Guardate il mondo da occhi palestinesi”

Pubblicato il 21 marzo 2013 da redazione

GERUSALEMME – Spingete i vostri leader alla pace. Con un discorso travolgente e ispirato di quasi un’ora all’Università di Gerusalemme, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è rivolto ieri direttamente ai giovani israeliani per dire loro che ”la pace è necessaria, è giusta, è possibile”. Ma anche per avvertirli – con un’inedita ‘invasione di campo’ quasi a scavalcare l’attuale vertice politico d’Israele – che talora occorre spronare e magari forzare i governanti: poiché ”i capi politici non assumono rischi se non è il popolo a invocarli”.

– Voi – ha scandito Obama parlando a una generazione di giovani che di recente ha animato una forte protesta sociale e che nelle ultime elezioni ha portato alla ribalta partiti nuovi – dovete forgiare il cambiamento che volete vedere.

Un discorso – tenuto al ritorno da Ramallah, dopo un incontro con il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen, durante il quale lo Stato di Palestina era stato evocato come un diritto e le colonie ebraiche nei Territori come un ostacolo – che appare di implicita dissociazione dalla leadership a trazione nazionalista di Benyamin Netanyahu. Con quest’ultimo che ha preferito evitare polemiche, ma ha comunque riservato un ringraziamento piuttosto freddo al presidente limitato al sostegno ”incondizionato” dell’alleato americano a Israele e al suo impegno verso una pace che garantisca ”la sicurezza dei cittadini” dello Stato ebraico.

Per un verso quello di Obama è stato in effetti, secondo alcuni analisti, il discorso più appassionato a favore di Israele mai pronunciato dal presidente degli Usa. Ma d’altra parte l’inquilino della Casa Bianca – che aveva scelto di non parlare alla Knesset – non ha mancato di spargere, delicatamente, sale sulle ferite aperte del conflitto. Gli studenti, in ogni modo, ne sono rimasti trascinati e si sono alzati decine di volte in piedi ad applaudire entusiasti, anche per sottolineare i passaggi più spinosi. In un solo momento un giovane (un arabo-israeliano dell’Universita’ di Haifa) ha osato dargli sulla voce.

– Liberi la Palestina! – ha esclamato.

Obama, serafico, ha replicato:

– Ora sì che mi sento come a casa mia…

Alla ricerca delle radici comuni tra Stati Uniti e Israele, Obama ha scavato in profondità. Nell’imminenza della Pasqua ebraica, che ricorda la fuga degli ebrei dalla schiavitù d’Egitto e la loro ritrovata libertà nella Terra Promessa, ha rilevato che quel racconto è sempre stato fonte di ispirazione per l’umanità e in particolare per gli afro-americani. Nella sua narrazione è balenato anche il suo maestro di pensiero Martin Luther King, ”che come Mosè non è riuscito a raggiungere la Terra Promessa”, ma ha affidato la missione a un successore.

Obama ha assicurato alla platea che gli assilli sulla sicurezza d’Israele gli sono ben noti. Ma lo Stato ebraico è una potenza regionale, ha aggiunto, e poi in ebraico ha gridato: ”Atem lo-Levad !”, ossia, ‘non siete soli!’. Perche’ il sostegno degli Stati Uniti non verrà mai meno. Ma Obama ha poi chiarito di aver attraversato l’Oceano per chiedere a quei giovani di ”guardare il mondo anche con gli occhi dei palestinesi”, di mettersi ”nelle loro scarpe”.

– Perchè il punto è: quale futuro volete? – ha chiesto -. Già, perche’ la potenza militare e i sistemi di difesa non bastano mai. Occorre dunque realizzare la pace: non solo poichè è necessaria, ma anche perchè è giusta. Perchè i palestinesi hanno diritto all’autodeterminazione, a essere un popolo libero nella loro terra. Perchè le colonie sono controproducenti. Perchè la violenza dei coloni va punita. Perchè dietro l’angolo c’è un futuro di prosperità, per tutti i popoli della regione. Occorre solo avere coraggio: come Menachem Begin e Yitzhak Rabin, che firmarono accordi di pace coi loro vicini. Ed imparare anche dal fondatore di Israele, David Ben Gurion, secondo cui “in questa terra, per essere realisti, bisogna credere nei miracoli”. Niente blandizie, niente minacce.

Quarantacinque minuti a cuore aperto per dire alla nuova generazione d’Israele che ormai si trova a un bivio: vuole proseguire lungo la strada difensiva indicata da Benyamin Netanyahu, oppure è disposta a seguire gli insegnamenti d’intellettuali come David Grossman, capace di credere alla pace anche davanti allo strazio di un figlio morto in guerra?

– Solo voi – è stato il suo messaggio – potete determinare quale genere di democrazia avrete.

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora