La crisi di Cipro, Ok di Putin al piano Ue

Pubblicato il 25 marzo 2013 da redazione

MOSCA  – Putin ‘sdogana’ il nuovo piano della Ue per salvare Cipro dalla crisi finanziaria ordinando al governo di un riottoso Medvedev di ristrutturare il prestito di 2,5 miliardi di euro concesso nel 2011 all”’isola del tesoro” dove molti oligarchi ed esponenti dell’establishment economico tengono il loro denaro.

– Tenendo presente le decisioni prese dall’Eurogruppo, il presidente Vladimir Putin crede sia possibile sostenere gli sforzi fatti dal presidente di Cipro e dalla Commissione europea per superare la crisi nell’economia e nel sistema finanziario e bancario di Nicosia – ha spiegato il portavoce del capo dello Stato, Dmitri Peskov.

Per Putin il piano B è il male minore, perchè risparmia dalla scure le filiali delle banche russe, a partire dalla Vtb. E poi perchè non tutti i mali vengono per nuocere: il presidente ha lanciato recentemente una campagna per la de-offshorizzazione dell’economia russa, auspicando un rientro dei capitali. La crisi che colpisce Cipro, gli ha fatto eco il vicepremier Igor Shuvalov, ”è un buon segnale per quelli che sono pronti a rimpatriare i loro capitali: il sistema bancario russo è di per sè più affidabile di molte banche europee”.

Ma se Putin fa buon viso a cattivo gioco, il suo premier continua la crociata lanciata contro Bruxelles.

– A mio giudizio, continuano a rubare ciò che è già stato rubato – ha osservato, con evidente sarcasmo sull’intenzione attribuita agli europei di mettere a frutto i controversi depositi russi nell’ isola, considerata un paradiso fiscale. Una frase che riecheggia quella pronunciata da Lenin nel 1918 per giustificare gli espropri bolscevichi, ossia ”rubiamo quello che è stato rubato”.

Duro anche il presidente della commissione affari esteri della Duma, Alexiei Pushkov:

– Un salvataggio fatto derubando i depositanti è qualcosa di nuovo.

Sulla stessa lunghezza d’onda Iuri Pianikh, presidente dell’associazione dei businessman russi a Cipro, che secondo Moody’s detengono 31 miliardi di dollari, circa un terzo di tutti i depositi.

– Unn furto legalizzato – ha commentato, ventilando una valanga di ricorsi giudiziari. Nè il governo nè gli imprenditori russi sono in grado finora di quantificare le possibili perdite. Ingenti, secondo alcuni analisti. Non troppo, secondo altri, perchè le banche cipriote erano sull’orlo del baratro da tempo e chi aveva fiutato l’aria si era già lasciato l’isola alle spalle. Gli altri, invece, starebbero preparando i bagagli, decretando la fine della fortuna di Cipro. Non è un caso forse che la tv russa abbia paragonato l’approccio di Bruxelles alla crisi cipriota ad un racconto di Cechov: quello di Varka in ”Voglia di dormire”, una balia di 13 anni che finisce con l’uccidere il neonato di cui doveva prendersi cura perchè non la lasciava dormire.

Comunque la sfuriata di Putin e Medvedev, contro le previsioni del piano A e il mancato coinvolgimento di Mosca, sembrano aver dato i loro frutti e il recente faccia a faccia con Barroso deve essere servito a trovare un compromesso non sgradito alla Russia. Riluttante ad una sovraesposizione finanziaria e geopolitica, Mosca aveva chiuso le porte la scorsa settimana ad una partecipazione nelle traballanti banche di Cipro e nelle sue ancora incerte riserve di gas offshore, ma ora può alleggerire le condizioni del prestito chiedendo qualche contropartita ancora ignota.

 

 

Cosa prevede l’accordo

 

L’accordo messo a punto nella notte a Bruxelles tra Ue-Bce-Fmi e Cipro per evitare il fallimento e l’uscita dall’euro di Nicosia prevede, in cambio di un aiuto da 10 miliardi di euro da parte dell’Ue, il drastico ridimensionamento del settore bancario dell’isola. Come ha dichiarato il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem Cipro s’impegna anche ”ad un programma di consolidamento dei conti, riforme e privatizzazioni”.

In particolare verrà chiusa la seconda banca del paese la Laiki che sarà divisa in una bad bank e in una good bank, e quindi scomparirà. Gli asset buoni finiranno nella Bank of Cyprus, così come la liquidità d’emergenza della Bce (Ela), che deve essere restituita. I depositi sotto i 100mila euro della Laiki saranno garantiti. Ad essere duramente colpiti saranno i detentori di azioni e obbligazioni della banca e i correntisti con depositi superiori ai 100.000 euro, per un ammontare di 4,2 miliardi di euro.

La Bank of Cyprus, la prima banca del paese in cui hanno i depositi molti investitori russi, non scomparirà. Ma anche in questo istituto i depositi superiori ai 100.000 euro subiranno perdite importanti che saranno decise in seguito. Le altre banche non saranno toccate dai provvedimenti. Le misure messe a punto non avranno bisogno di passare al vaglio del parlamento di Nicosia che nei giorni scorsi aveva bocciato il piano che prevedeva una tassa sui depositi bancari. Il versamento della prima tranche di aiuti verrà effettuato all’inizio di maggio.

Ultima ora

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Archivio Ultima ora