Prandelli carica i suoi: “A Malta contano solo i punti”

Pubblicato il 25 marzo 2013 da redazione

FIRENZE – Il vento di Malta. Le astuzie di Ghedin. I dubbi dell’ultima ora. Archiviata la serata di spettacolo e rimpianti col Brasile, l’Italia di Cesare Prandelli va al sodo: a Malta “contano soprattutto i punti”, c’é l’assoluta necessità di evitare il pur minimo rischio di lasciarsi sfuggire l’occasione. Solo così si spiega la dimensione che il ct azzurro dà all’avversaria, a suo dire “meglio organizzata del Brasile”. “Quando ho detto così, non volevo offendere la nazionale brasiliana né prendere in giro Malta: semplicemente, loro sono come una squadra di club, molto organizzati e chiusi”, spiega Prandelli. Pensare che a impensierire una nazionale composta per intero dai blocchi Milan e Juve e che a frenare il duo d’attacco Balotelli-El Shaarawy siano i semi-dilettanti agli ordini di Pietro Ghedin, onesto faticatore delle difese di serie A anni ‘70 e ora combattente delle panchine, puo’ sembrare esagerato.

Eppure l’Italia è specialista nel complicarsi la vita, come confermano l’ultimo successo in terra maltese (uno striminzito 2-1 nel ‘92 ai tempi di Sacchi) o precedenti come quello di Donadoni alle Far Oer. “Sono partite facili se sei bravo a renderle tali…”, ammonisce Prandelli, cui rimane un’unica incertezza di formazione, sulla carta. Con Abate al posto di Maggio, Di Sciglio confermato in difesa e Marchisio rientrante a posto dello squalificato De Rossi, dovrebbe essere Giaccherini il preferito a Cerci, dietro ai due attaccanti milanisti: “Il dubbio è tra i due moduli: sul 4-3-3 penso che non siamo ancora prontissimi”, la convinzione di Prandelli, che vuole andare sul sicuro.

Tra Malta oggi e Repubblica Ceca il 7 giugno, la nazionale ha fissato una tabella di marcia chiara: sei punti, per arrivare all’estate in posizione di classifica privilegiata e chiudere la qualificazione già a settembre, per poi sviluppare tutti gli esperimenti del caso.

“Non pensate al 6-0 subito dai nostri avversari a Sofia – raccomanda Prandelli – Ogni partita fa storia a sé: quella è contrassegnata da due errori clamorosi, la neve e un vento fortissimo”. Quello a dire il vero lo troverà anche l’Italia a Malta, tanto da metter paura per un attimo al ct sulle chanche di atterraggio (“il mio collaboratore Viscidi controlla il sito dell’Aeronautica”, diceva Prandelli prima di esser rassicurato dall’aeroporto di La Valletta): resta il probabile condizionamento sulla partita del maestrale, che pure è dato in calo.

“Quando un allenatore parla di queste cose, c’é sempre chi sorride. E’ vero, il vento c’é anche per l’avversario. Ma è una questione di abitudine: succede che ti si asciuga il sudore addosso, pensi di non faticare e perdi la concentrazione”.
Tra mille dettagli da non tralasciare, emergono le due carte su cui punta per domani Prandelli: una nazionale consolidata sul doppio blocco rosso-bianconero (6 juventini e 5 milanisti in campo) e le promesse del duo Balotelli-El Shaarawy.
“Sono felice di aver i due blocchi: conoscersi bene aiuta in campo, si fatica di meno a far passare certe conoscenze. Tra loro poi – é la convinzione del ct – non c’é problema di amalgama tra due schemi: il segreto è mantenere corta la squadra”.

Quanto ai giovani attaccanti azzurri, “loro due hanno ampio margine di miglioramento: mi aspetto di più di quanto hanno fatto vedere finora”.

Certo, il Balotelli che confessa di sentire l’azzurro come qualcosa di “speciale” lo conforta, “ma in fondo – chiosa Prandelli – lo sapevo, perché questo è lo spirito che la nazionale ha da sempre: la maglia azzurra unisce”.

In ogni caso, a Malta più che di poesia si tratterà di prosa. “Accontentarmi dell’1-0? Dipende da come arriva, diciamo che se sarà così con le occasioni create contro il Brasile, mi sta bene”. Va bene non sottovalutare Malta, ma senza esagerare.

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora