Terzi si dimette: sui maró, dissenso con il Governo

Pubblicato il 26 marzo 2013 da redazione

ROMA. ”Mi dimetto, in dissenso con il Governo”. Le parole pronunciate in aula alla Camera dal ministro degli Esteri Giulio Terzi spiazzano tutti. La decisione di lasciare la Farnesina per non essere stato ascoltato sul delicatissimo dossier dei maró – che lui avrebbe voluto tenere in Italia – non é stata concordata né con il premier, né con il Quirinale. E l’irritazione con la quale viene accolta dal Colle e da Palazzo Chigi è lì a dimostrarlo.

Il diplomatico Terzi questa volta ha deciso di andare dritto per la sua strada, senza avvertire nessuno. Neppure i più stretti collaboratori. Neppure i vertici della Farnesina. Scegliendo una strada definita ”irrituale” dal Quirinale: annunciare cioè in aula, alla Camera, durante un’informativa, la decisione di mollare tutto, in aperta polemica con il governo. Sorprendendo anche chi sin dall’inizio ha seguito accanto a lui il dossier, il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, che non ha nascosto il suo dissenso.

– Sarebbe troppo facile dimettersi ora, io non abbandonerò la nave!.

Ora potrebbe aprirsi per lui un futuro da politico, visti gli apprezzamenti raccolti da tutto il centrodestra per un gesto definito ”coraggioso e dignitoso” e il ”mai dire mai” con il quale l’ex ministro della Difesa Ignazio La Russa ha risposto ad una domanda su una sua possibile candidatura. Il duro attacco di Terzi al governo, l’annuncio a sorpresa, lo stupore di Di Paola e poi, con il passare delle ore, quello di Monti, mostrano nell’aula di Montecitorio quello che alcuni deputati definiscono ”l’otto settembre del governo tecnico”, mettendo platealmente in scena la fragilità e le divisioni dell’esecutivo nella gestione di questa vicenda. E la sua debolezza. Una scena che ”sconcerta e stupisce” anche Napolitano, che ha seguito molto da vicino il dossier, soprattutto negli ultimi giorni, quelli in cui si è deciso di rimandare i due fucilieri in India per rispettare la parola data.

La lunga giornata di Terzi, l’ultima alla guida della Farnesina, inizia con una riunione con Monti e Di Paola, proprio per preparare l’informativa da leggere in aula. Riunione nella quale Terzi ribadisce tutte le sue perplessità sull’accaduto e, in particolare, sulla decisione di farli ripartire per New Delhi. E inizia a ”consolidare” la decisione di lasciare. Saltando però tutti i passaggi di rito in questi casi. Quando il ministro entra in Aula accanto a Di Paola, nessuno, nel governo, si aspetta di sentirgli pronunciare queste parole:

– Mi dimetto in disaccordo con la decisione di rimandare i marò in India. Le riserve da me espresse non hanno prodotto alcun effetto e la decisione è stata un’altra. La mia voce è rimasta inascoltata.

Il premier parla di ”stupore” per una decisione non preannunciata nonostante la riunione della mattina. E sale al Colle per confrontarsi con Napolitano, che gli affida l’interim agli Esteri. La bufera in aula è immediata, il centrodestra si schiera con Terzi e chiede a gran voce che sia Monti a ”metterci la faccia”. Annuncio che arriva poco dopo dallo stesso Monti:

– Domani riferirò alla Camera e al Senato sull’intera vicenda.

Ma ormai contro il premier e l’interno governo, da deputati vecchi e nuovi, arriva un fiume in piena di critiche, mentre la notizia delle dimissioni di Terzi diventa breaking news su tutti i siti indiani e dalle tribune di Montecitorio la moglie di Girone urla un disperato ”Riportate a casa mio marito!”.

– Il ministro degli Esteri si è dimesso, quello della Difesa si è scusato. Speriamo che Monti domani sia assolutamente chiaro perchè il fallimento della credibilità internazionale è sotto gli occhi di tutti – tuona il segretario del Pdl Angelino Alfano, mentre dalle fila del suo partito in molti chiedono che Di Paola e Monti seguano l’esempio di Terzi.

E anche dalla Lega Nord arriva la richiesta di dimissioni del premier, mentre Ignazio La Russa (Fdi) attacca il premier perchè, spiega, aveva ”il dovere di considerare il dossier marò una priorita’ ”. I neodeputati del M5S vogliono più ”trasparenza sulla vicenda”, chiedono che vengano rese pubbliche le garanzie fornite dall’India e si domandano se ci sono stati ”riferimenti diretti o indiretti con la vicenda Finmeccanica” nella trattativa sui marò. E se il segretario Pd Pierluigi Bersani si rimette ”alle parole di Napolitano”, il democratico Lapo Pistelli, durissimo, parla di ”8 settembre del Governo tecnico”.

Ultima ora

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

Archivio Ultima ora