Una emigrata la “decana dell’umanità”

Pubblicato il 26 marzo 2013 da redazione

ROMA: Dina Manfredini, nata il 4 aprile 1897 a Sant’Andrea Pievelago (Modena), morta nel dicembre del 2012, è l’italiana che con i suoi 115 anni e 257 giorni, ha vissuto più a lungo, tanto da essere definita “decana dell’umanità”. Era un’italiana all’estero, negli Stati Uniti, per la precisione: insomma, una lunga vita spesa tra Umberto I e Barack Obama. Oggi, la nonnina d’Italia è Maria Redaelli, nata il 3 aprile 1899 ad Inzago, in provincia di Milano. I suoi 113 anni ne fanno anche la signora più anziana d’Europa. Di sicuro, è la più fedele e “antica” tifosa dell’Inter: fin dal 1908, in pratica, dall’inizio della storia della squadra. Un amore ricambiato: al suo ultimo compleanno, Beby Moratti le ha regalato una maglia con il numero 113. Poco più giovane, 110 anni, Arturo Licata, nato ad Enna il 2 maggio 1902, anche lui è nonno d’Italia e d’Europa.

Solo alcuni dati a conferma dei risultati di una ricerca resa nota dalla rivista Lancet, che definisce gli italiani tra i più longevi d’Europa e del mondo intero. A quanto pare, i risultati di questa ricerca hanno letteralmente sconvolto gli anglosassoni che proprio non riescono a capacitarsi di questo “miracolo”: “come è possibile – pare stiano a chiedersi – che proprio gli italiani, fumatori, buone forchette, poveri, con una spesa sanitaria ridotto all’osso e una situazione economica la cui gravità è fin troppo nota, riescano a sopravvivere ben 18 mesi in più di noi?” Se la nostra età media è infatti di 81 anni e mezzo, gli inglesi riescono a raggiungere “appena” i 79 anni e 9 mesi.

Ancora una volta il merito di questa longevità è da ricercarsi nella miracolosa dieta mediterranea: olio extravergine di oliva, legumi, frutta e verdura fanno la differenza in fatto di salute, ed anche quella dose di vino gustata durante i pasti aiuta a ridurre il consumo di alcolici lontano dalla tavola. Gli esperti non si fermano al cibo, pur importantissimo, ma tendono ad analizzare tutta una serie di altri fattori che vanno dalla genetica all’umore. A quanto pare, siamo un paese di felici, o per lo meno, capaci di sdrammatizzare, di tendere al sorriso anche nelle situazioni più critiche, amare, difficili. E se lo dicono gli esperti…

Già nel 2008 i dati di Eurostat (Ufficio statistico dell’Unione Europea) davano l’Italia ai primi posti, sempre tra i paesi più longevi, anche per i prossimi decenni. A darci filo da torcere, i giapponesi: non è un caso se, oggi, l’uomo più anziano del mondo è Jiroemon Kimura, nato il 19 aprile 1897, e quindi di 115 anni. Il giapponese vanta anche il record di maschio più longevo da… quando hanno inventato queste rilevazioni. Fino a qualche anno fa, studi sempre mirati a scoprire il mistero della lunga vita, raccontavano che il popolo più longevo al mondo sono gli Hunza che con i loro 120-130 anni (in media) di età, possono mettere in dubbio ogni altro dato. Gli Hunza vivono in Pakistan e sembrano essere immuni da malattie di noi mortali, come il cancro, e pare che la loro “pozione miracolosa” sia da ricercare nell’acqua e nei digiuni.

Per tornare in Italia, sono sempre più frequenti studi, indagini, ricerche, test proprio per scoprire l’origine di questa longevità: una vera e propria  caccia all’elisir di lunga vita. Diversi i paesi che sembrano custodire strani “segreti”, come Limone sul Garda, definito, il “paese più longevo d’Italia”, appunto. Il suo segreto, sembra essere l’olio che, grazie ad un’alchimia di clima e terra, vanta particolari qualità organolettiche, mentre nel DNA degli abitanti di Limone sul Garda è stata rilevata un’apolipoproteina, ovvero una proteina contenuta nel sangue, che protegge dagli infarti e dall’aterosclerosi.

L’ambita definizione di paese più longevo d’Italia, è spettata anche a Campodimele, un piccolo centro in provincia di Latina, che con le sue mille anime è stato oggetto di una ricerca da parte dell’Università La Sapienza di Roma. Gli studi hanno individuato un gene all’origine dell’elevata età dei suoi abitanti e delle scarse malattie. Anche in questo caso si tratta di una proteina che fa da scudo al colesterolo e, di conseguenza, alle malattie di origine ischemica legate all’aterosclerosi.

Per quanto riguarda invece le regioni, sembra che il primato spetti alla Toscana che con i suoi 80 anni di media per gli uomini ed 84 per le donne, è la terra con l’aspettativa di vita più alta del mondo.

Al di là delle “fortune” genetiche, ci sono altri fenomeni alla portata di tutti che possono contribuire ad allungare la vita. Il matrimonio, ad esempio, ma questo dato riguarda solo gli uomini perché le donne, sposate o non, vivono comunque più a lungo, ed il sesso. In questo caso, stranezze della “scienza”, la regola vale più per le donne.

Anche lo stress, più dell’apatia e della pigrizia, può rappresentare uno stimolo per allungare la vita, così come, ben risaputo, una sana, puntuale attività fisica. Amare, qualsiasi cosa, ci permette di non perdere questo primato, mentre i buoni propositi, secondo gli esperti, andrebbero evitati, soprattutto perché le reiterate promesse a noi stessi che riguardano la dieta, lo smettere di fumare, cercare un lavoro più gratificante, il più delle volte non vengono mantenute creando solo disagio e senso di sconfitta. E, per tornare al cibo, mangiare fa bene…mangiare ciò che si vuole, ciò che piace, purché in piccole quantità. Insomma, poche ma gustose calorie che ci permetteranno di raccontare tante fiabe ai figli, dei figli, dei figli dei nostri figli.

In sintesi, al di là di studi, analisi, proiezioni e statistiche, il vero segreto della longevità è da ricercare, come sempre, nella saggezza popolare…ovvero, nel detto “mangia, bevi e fregatene”, che suona più musicale in dialetto abruzzese, così come usato da Mario Gigli, esperto in tradizioni e autore di opere in vernacolo, ma rende bene anche in italiano.

Giovanna Chiarilli

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora