Governo, Bersani in bilico. Secco ‘no’ del M5S

Pubblicato il 27 marzo 2013 da redazione

ROMA – Si chiude, di fatto, con l’ennesimo no da parte del Movimento Cinque Stelle, il giro di consultazioni che Pier Luigi Bersani, dopo il pre-incarico affidatogli da Giorgio Napolitano, ha fatto con parti sociali e forze politiche. Oggi vedrà le delegazioni della sua coalizione ma, soprattutto, si attende di ricevere le risposte che chi gli ha chiesto tempo (Pdl e Lega in primis) si è riservato di dargli. Poi in serata (o al più domani mattina), salirà al Quirinale per riferire al capo dello Stato l’esito dei suoi colloqui. Lo farà, assicura il leader del Pd, ”senza diktat” ma per ”valutare insieme al Presidente della Repubblica” il da farsi. A quel punto, in base al quadro che il segretario del Pd gli prospetterà, Napolitano farà le sue scelte. E deciderà se mandare Bersani alle Camere per la fiducia o mettere in campo un’ipotesi B, quella dell’incarico a un altro, una personalità ‘terza’, autorevole e lontana dalla politica. Ipotesi, quest’ultima, che pare non essere del tutto sgradita ai ‘grillini’.

– Se Napolitano – dice il capogruppo M5s al Senato, Vito Crimi (salvo poi precisare) – fa un altro nome è un’altra storia.

Parole che vengono bollate dal Pd come l’ennesima provocazione a Cinque Stelle. Del resto Bersani sul tema è tranchant:

– Non so cosa voglia dire governo del presidente e credo che non lo sappia nessuno. Io sto a questo tracciato, al mio, e non penso ad altro e il mio tentativo non credo sia fazioso.

Il segretario del Pd, in ogni caso, non demorde e restano in piedi contatti perchè Pdl e Lega non impediscano la nascita di un esecutivo targato Pd a fronte, in primis, di una scelta condivisa del nuovo capo dello Stato.

– Le forze parlamentari – dice Bersani – si stanno prendendo le loro ore di riflessione. Attendo una risposta conclusiva.

Le diplomazie sono al lavoro e qualche segnale di apertura si registra sul fronte della Lega.

– E’ verosimile – si chiede il segretario leghista Roberto Maroni – che Pdl e Lega non si oppongano alla nascita del governo? Non so quanto probabile ma è possibile a certe condizioni e l’abbiamo detto a Bersan.

Dal Pdl, invece, i segnali sono al momento di chiusura, anche se sembrano ancora schermaglie tattiche.

– La vicenda è chiusa – attacca Angelino Alfano – e l’ha chiusa Bersani che ora si trova nel vicolo cieco in cui si è infilato. Sta a lui, ora, rovesciare la situazione.

Replica secca dal Pd:

– Se il Pdl vuole una trattativa sul Quirinale noi non ci stiamo.

Ciò che appare ormai appurato è l’impossibilità della ‘via grillina’ per la nascita del governo Bersani. Dopo il no dei due capigruppo Crimi e Roberta Lombardi al segretario in diretta streaming, Beppe Grillo (se il messaggio non fosse già chiaro), ci mette il carico definendo Bersani e il Cav, ”padri puttanieri” che verranno presto ”mandati a casa” dai cittadini.

Auguri ai salvatori della patria – è la replica ironica del segretario Pd -. Pensare di fermare l’intelligenza con gli insulti – chiosa poi – è  come fermare l’acqua con le mani…si può insultare se si sta fuori dal Palazzo, quando si sta dentro si deve decidere che cosa si vuole fare per il Paese”.

 Consultazioni in streaming diventano reality
Le consultazioni per formare il nuovo governo scoprono un nuovo format, quello del ”reality”, in cui gli interlocutori parlano non tanto l’uno a l’altro, quanto si rivolgono allo spettatore, che è il vero protagonista. Questa ”prima” per la politica italiana c’è stata ieri alla Camera per l’incontro tra Pier Luigi Bersani e la delegazione di M5S, avvenuto in ”streaming” sulla Web Tv della Camera a cui si sono collegate numerose televisioni.

La presenza dell’ex ”gieffino” Rocco Casalino nella delegazione a 5 Stelle ha sancito il nuovo mix tra politica e fiction. Come ogni evento in cui lo spettatore è protagonista, la scenografia ha svolto un ruolo.

Pier Luigi Bersani si presenta accompagnato, come nei precedenti incontri, dal suo vice, Enrico Letta e si siede alla sinistra del tavolo predisposto nella sala del Cavaliere, al primo piano di Montecitorio. Sulla destra i due capigruppo a Cinque stelle, Vito Crimi e Roberta Lombardi, e alle loro spalle sette-otto parlamentari grillini, muti testimoni che danno la sensazione di dover controllare i due ‘capi’.

Nella delegazione i giornalisti riconoscono pure ”Rocco del Grande Fratello” ora nell’ufficio stampa di M5S. La telecamera fissa è l’unica cosa che ricorda gli ”streaming” del blog di Grillo: infatti la qualità di immagine e audio è altissima, tanto che riprendono il segnale di Montecitorio le televisioni collegate (Rainews24, La7, Tgcom24, Sky, ecc).

La diretta fa sì che l’esito dell’incontro sia già scritto, con il ‘no’ dei M5S alla ”proposta indecente” di Bersani. Lo streaming lo hanno voluto entrambi: i grillini per l’ossessione dell’inciucio e per eliminare l’alone di sospetto verso la delegazione che potrebbe nascere nella base. E l’ha chiesta Bersani per non farsi scavalcare dai grillini sulla trasparenza e per avere la possibilità di parlare direttamente al Popolo a Cinque stelle (20.000 i contatti diretti alla Web Tv). Insomma l’incontro non serve a convincersi. Il clima, come si lascia sfuggire Roberta Lombardi, sembra rimandare a Ballaro, ai talk show: ovvio quindi che Bersani sia più a suo aggio, e i grillini siano tesi.

Il segretario del Pd dice subito che di ”governissimi” lui non ne vuol sentire parlare, e poi spiega la sua teoria del doppio registro, con l’invito al Movimento a far nascere un governo ”del cambiamento” che vari alcune riforme, tra cui la madre di tutte le leggi, quella sul finanziamento ai partiti. La risposta di Crimi e Lombardo è identica.

– Sono venti anni che sentiamo queste parole. Sono venti anni che voto e che sento parlare delle stesse cose e non vengono mai realizzate – sferza la capogruppo alla Camera. E il suo collega del Senato rincara la dose:

– Respingiamo questa assunzione di responsablità sulla mancata partecipazione al governo, perchè siamo gli ultimi a doverci sentire responsabili.

Bersani spiega che non è vero ”che tutti i partiti sono uguali” e che ”purtroppo non siamo a Ballaro’, il governo è una roba seria”; infine chiede a M5S almeno di ”consentire” la nascita del suo governo, magari uscendo dall’aula del Senato. Crimi chiude: i 5 stelle voteranno ”no”. Punto. I passaggi successivi, come il dibattito interno al gruppo di M5S, e gli ultimi tentativi di Bersani per far decollare la sua creatura non avverranno in diretta streaming.

Questa mattina, intanto, Bersani, oltre ai Cinque Stelle, ha incontrato l’Upi che ha valutato con favore la sua ipotesi della convenzione per le riforme.

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora