L’ira di Monti contro Terzi: “Ha altri fini”

Pubblicato il 27 marzo 2013 da redazione

ROMA  – ”Il vero obiettivo di Giulio Terzi è un altro e si vedrà presto. Sono stupefatto da quello che ha fatto e da quello che non ha fatto”. Mario Monti va in Parlamento a riferire sui marò e sulle dimissioni del ministro degli Esteri e non nasconde tutta la sua irritazione per quel gesto ”inconsueto” piovuto come un macigno sull’ultima coda, già non facile, del suo mandato.

Ma anche e forse soprattutto sul suo ‘dopo governo’. Un mandato dal quale ”non vede l’ora di essere sollevato”, è lo sfogo del Professore alle Camere di fronte al fuoco di fila del centrodestra che chiede anche le sue dimissioni dopo quelle dell’ormai ex responsabile della diplomazia.

“Rispondo solo alla mia coscienza”, replicherà poco dopo Terzi, postando su Facebook la sua difesa che suona come un contrattacco: ”Non c’è nessuna finalità personale” nelle mie dimissioni, scrive sul social network, rinviando ”al mittente” quella frase del Professore che interpreta il suo gesto come una prossima discesa in politica interna. Ma non solo: l’ambasciatore, sparito dai radar il giorno dopo il clamoroso gesto in aula, smentisce anche le ”accuse di aver informato la stampa con eccessivo anticipo” sulla decisione – poi revocata – di non rimandare i marò in India. E, ancora, rivendica la sua decisione di annunciare l’addio in Parlamento: un atto ”irrituale”, lo aveva bollato il Quirinale; un ”atto che ritengo legittimo in democrazia”, è invece la lettura di Terzi.

Quello che già l’altro ieri era apparso come un vero e proprio strappo con il premier ed il governo diventa così battaglia in Parlamento. E non solo tra Mario Monti e Giulio Terzi, ma anche tra il governo dimissionario e quel centrodestra che per un anno lo aveva sostenuto: molti i banchi pidiellini vuoti sia alla Camera che a Palazzo Madama (dove erano assenti anche molti senatori M5S) durante l’informativa del Professore. Mentre l’attacco più virulento lo sferra Renato Brunetta.

– Lei ora può anche dimettersi visto che lo avrebbe fatto se non l’avesse dissuaso il Capo dello Stato pur di occupare lo scranno più alto del Senato –  tuona il capogruppo azzurro a Montecitorio, parlando di una ”tragedia”, quella dei maro’, ”figlia del tradimento morale di un mandato che questo Parlamento aveva affidato al suo governo”.

E Maurizio Lupi rincara la dose con la frase ”chiedendole di far rispettare il regolamento” contro ”parole sconvenienti”. Anche Ignazio La Russa – l’esponente di Fratelli d’Italia che ieri aveva aperto uno spiraglio a una candidatura di Terzi – attacca a testa bassa.

– La conduzione del caso dei due fucilieri, culminata con le dimissioni del ministro, credo sia la goccia che fa traboccare il vaso – afferma -. Monti dovrebbe interrogarsi non solo sulla necessità di dimettersi da premier ma anche da senatore a vita.

Dai banchi del Pd, invece, Enrico Letta stigmatizza il gesto di Terzi che ”ha fatto macerie delle nostre istituzioni”.

– Non hanno guadagnato nulla i due marò, le loro famiglie, il prestigio e l’orgoglio del nostro Paese e i militari italiani – commenta. Un copione girato in una giornata gia’ difficilissima sul fronte politico delle consultazioni, mentre le famiglie dei marò insistono sulla necessità di far rientrare i due fucilieri.

– Preferiamo non entrare nel merito delle questioni politiche, noi vogliamo che tutto venga focalizzato sulla collaborazione per riaverli a casa – implora la moglie di Salvatore Girone, Vania Ardito. Un obiettivo che, torna a ripetere Monti, è quello del governo, la cui priorità è la loro ”dignità, incolumità e sicurezza”.

Il premier non si sbilancia – la ”prudenza deve accompagnare qualsiasi valutazione” – ma spiega alle Camere che ”negli ultimi giorni è stato avviato un dialogo politico e un percorso verso una soluzione rapida”. Con un paese, l’India, che aveva mostrato chiusure e con il quale decisioni diverse da ”quella presa avrebbero comportato contrapposizioni frontali”.

Anche sul piano economico e di ”isolamento internazionale”, aggiunge riferendo di aver avuto notizia da Staffan De Mistura (nominato insieme a Marta Dassù, viceministro alla Farnesina) che i Brics – di cui Delhi fa parte – stavano già prendendo in considerazioni misure contro l’Italia. La decisione di rimandare i due fucilieri a New Delhi, con le necessarie ‘rassicurazioni’ sul loro trattamento e sull’esclusione della pena di morte, è stata ”difficile ma necessaria” per la ”credibilità dell’Italia, dell’uniforme che indossano con giusto orgoglio e per consentire di riportare il caso nell’alveo della controversia tra due Stati sovrani”. Ma niente ”scambi o accordi riservati”, assicura, ”respingendo con forza anche qualsiasi illazione su possibili interessi economici” che abbiano ”influenzato” il governo.

Ultima ora

20:48Ucciso a coltellate in autoporto Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 10 DIC - Un uomo è stato ucciso a coltellate durante una rissa nell'autoporto di Fernetti, sull'altopiano carsico, a pochi chilometri da Trieste, a ridosso del confine con la Slovenia. Lo si apprende da fonti del servizio di emergenza sanitaria 118. I sanitari sono intervenuti su richiesta delle forze dell'ordine, ma al loro arrivo l'uomo era già morto.

20:40Università: robot inaugura anno accademico S.Anna Pisa

(ANSA) - PISA, 10 DIC - Per la prima volta un robot ha inaugurato l'anno accademico di un'università. E' accaduto stamani al teatro Verdi di Pisa dove Doro (acronimo di robot domestico), automa progettato dagli allievi della Scuola Sant'Anna, ha concluso la cerimonia inaugurale dell'anno accademico dell'Ateneo pisano. Il robot è entrato sul palcoscenico nel finale porgendo un mazzo di fiori alla presentatrice della giornata, la giornalista del Tg1 Alma Grandin per poi scandire con voce metallica la formula inaugurale del'anno accademico che oggi coincide con il trentesimo compleanno della Scuola pisana di studi universitari superiori.

20:30Calcio: cinquina Bayern Monaco, aggancia Lipsia in vetta

(ANSA) - MONACO, 10 DIC - Il Bayern Monaco ritrova il primato in Bundesliga. La squadra di Carlo Ancelotti ha travolto il Wolfsburg rifilando una cinquina alla squadra della Volkswagen: a segno Robben, Lewandowski (doppietta), Müller (non segnava in campionato da 999 minuti) e Douglas Costa. Grazie alla contemporanea sconfitta (1-0) del Lipsia sul campo dell'altra matricola Ingolstadt, con il team della Red Bull per la prima volta a secco, ora al vertice a quota 33, dopo la 14/a giornata, c'è la coppia formata dai biancorossi bavaresi e dalla squadra della ex Germania Est. L'Hertha Berlino, che oggi ha pareggiato 0-0 con il Werder Brema, è terzo con 28 punti. Avvincente la sfida tra Colonia e Borussia Dortmund, con i gialloneri che hanno pareggiato (1-1) con Reus al 90'.

20:16Mattarella, paese ha bisogno di governo in tempi brevi

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Nelle prossime ore valuterò quello che emerso da questi colloqui e prenderò le iniziative necessarie per la soluzione della crisi di governo". Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. "Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni. Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interni, europee e internazionale", ha aggiunto. "C'è l'esigenza generale - ha proseguito - di una armonizzazione delle due leggi elettorali di Camera e Senato. Questa è condizione indispensabile per le elezioni". Il Presidente si è quindi augurato che "il clima possa articolarsi e svolgersi con un rapporto dialettico, come è necessario, per la nostra democrazia, ma sereno e costruttivo".

20:09Brasile: scampato ad agguato,’per due ore pensato di morire’

(ANSA) - VENEZIA, 10 DIC - "Appena ho visto Roberto al suolo sono stato subito accerchiato e preso in ostaggio. Da quel momento la storia è terribile, fino a quando mi hanno miracolosamente rilasciato, dopo circa due ore mezzo in cui ho pensato di morire". Sono le parole con cui Rino Polato, il turista salvatosi nell'agguato dell'8 dicembre nella Fevelas Prazeres, a Rio de Janeiro, racconta i momenti seguiti alla uccisione dell'amico Roberto Bardella da parte di una banda criminale. "Io e Roberto - spiega dopo il suo rientro in Italia - eravamo rientrati dalla visita al Cristo Redentore a Rio e stavamo uscendo dalla città, verso la costa, quando, seguendo le indicazioni del navigatore, siamo entrati nel quartiere, poi dimostratosi luogo pericolosissimo". "Sono bastati pochi secondi in cui Roberto, davanti a me in moto - aggiunge -, si è introdotto nelle strade del quartiere che, una banda probabilmente di delinquenti comuni ci ha attaccato, forse scambiandoci per poliziotti, facendo fuoco su Roberto".

20:07Pd a Colle, sostegno per soluzione che ritiene opportuna

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo registrato un larghissimo rifiuto da parte delle opposizioni a un governo di responsabilità nazionale e abbiamo assicurato al capo dello Stato tutto il sostegno del Pd alla soluzione della crisi che riterrà più opportuna". Lo afferma Luigi Zanda, capogruppo del Pd al termine delle consultazioni. "L'obiettivo - ha aggiunto - è sempre quello di andare al voto in tempi il piu' rapidi possibile". "Avevamo chiesto un Governo di responsabilità nazionale con l'obiettivo di portare Paese il prima possibile alle elezioni.

20:06Atletica: domani Europei cross a Chia, sfida Turchia-Spagna

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - La Sardegna ospita domani a Chia (Cagliari) la 23/a edizione degli Europei di corsa campestre. 498 atleti iscritti in rappresentanza di 33 Paesi, 12 titoli in palio (6 individuali e 6 a squadre). Nella gara senior donne, assente la campionessa uscente Sifan Hassan, tra le 82 iscritte è in pole position Yasemin Can, oro europeo in carica di 5000 e 10.000 metri. Nata in Kenya (Vivian Jemutai all'anagrafe del suo paese), dal 2015 ha acquisito la cittadinanza turca. Proverà a rovinarle la festa una specialista delle corse sui prati come l'irlandese Fionnuala McCormack, già 2 volte oro europeo di cross. Attenzione anche alla spagnola di origine etiope Trihas Gebre. L'azzurra Veronica Inglese ha dovuto rinunciare perché influenzata. Nella gara maschile forfait del campione uscente Ali Kaya, ma la Turchia mette in campo una formazione al top, con il capitano Polat Kemboi, Aras Kaya e Kaan Kigen Ozbilen. La Spagna si affida a Ilias Fifa, mentre per l'Italia Stefano La Rosa sarà all'11/a presenza nella rassegna.

Archivio Ultima ora