Buona Pasqua… nonostante tutto

Pubblicato il 27 marzo 2013 da Mariza Bafile

La Pasqua ormai è alle porte ma la primavera tarda ad arrivare. E non parliamo solo del clima che in molti paesi europei e nordamericani ricorda più un inverno duro a morire che i tepori dei primi caldi. In realtà la Pasqua che ci accingiamo a ricevere è tra le più grigie della storia sia del Venezuela che dell’Italia.

La situazione politica qui e in Italia è realmente preoccupante. Forse mai come ora il dibattito politico in entrambi i paesi aveva toccato livelli così bassi. Ogni giorno sembra che siano arrivate all’apice scorrettezza, ignoranza e volgarità ma ogni volta appare qualcosa di nuovo che ci sorprende negativamente.

Stridono ancora nelle nostre orecchie le parole di Battiato, un poeta della musica che tanto abbiamo amato e che continua ad emozionarci con le sue canzoni, dette mentre indossa le vesti della politica in qualità di assessore al turismo della Regione Sicilia. Il noto cantautore usando una terminologia da bettola apostrofa con un insulto tutto femminile, “troie”, le donne e gli uomini che in Parlamento dovrebbero raddrizzare le sorti di un paese in affanno come l’Italia.

Al tempo stesso alcuni tra i nuovi parlamentari dimostrano un’ignoranza profonda su tematiche che conoscono anche persone poco avvezze alla politica ma abituate a seguire un qualsiasi telegiornale. Il vento della cafoneria ha spazzato ogni minimo gesto di gentilezza e, nella boria di chi crede ormai di essere arrivato, diventano liquidi (e non ce ne voglia Bauman per usare termini che ben altro significato assumono nei suoi scritti) i confini tra maleducazione e posizione politica.

Odiamo chi ripete che i tempi passati sono sempre migliori di quelli presenti, ma quando ci guardiamo intorno e vediamo con desolazione quanto sia scaduto il livello di alcune tra le persone che dovrebbero portare l’Italia verso un porto sicuro e verso posizioni di prestigio a livello internazionale, vorremmo far resuscitare i Berlinguer, i Moro, gli Spadolini, i Pertini. A prescindere dalla diversità di opinioni, a prescindere anche dal fatto che proprio per la loro capacità politica e preparazione intellettuale potevano diventare machiavellicamente pericolosi, non si può evitare di ricordare i loro interventi in aula che erano delle vere e proprie lectio magistralis.

Oggi ci troviamo invece a dover combattere con ragazzi pieni di prosopopea che si permettono di non stringere la mano ad un collega, sia esso anche di diverso colore politico, o di lasciarsi andare ad affermazioni come quella fatta da Roberta Lombardi, capogruppo alla Camera per il M5S che per esprimere il proprio dissenso con Bersani ha affermato: “Neanche se si butta ai miei piedi e mi implora di dargli un lavoro.. gli daremo la fiducia”.

E allora ecco che l’Italia tutta, anche quella che chiede a gran voce un rinnovo generazionale, si aggrappa disperatamente alla giacca di un Presidente, tutt’altro che giovane, che è il nostro unico, solido, rispettato punto di riferimento.

Chissà se un giorno saremo in grado di sottoporre i neo eletti ad un piccolo esame, così, tanto per verificare se conoscono la Costituzione, i regolamenti parlamentari, le funzioni e i nomi dei più importanti organismi interni e internazionali, un po’ di storia e di geografia. Solo un esamino ma non so quanti lo supererebbero!

Povera Italia e povero Venezuela perché anche da questa parte dell’oceano le cose non vanno meglio. Gli insulti cercano di coprire il vuoto delle proposte, il realismo magico mescola la vita con la morte e i candidati si alternano tra cielo e terra. Nel frattempo sia qui che in Italia le persone che non hanno la responsabilità di dirigere un paese ma solo quella di portare avanti sé stesse e le proprie famiglie sentono l’affanno crescente dei problemi che minuto a minuto devono risolvere.

Ma forse dovremmo essere capaci tutti di approfittare della pausa Pasquale per staccare un po’ la spina e goderci una pausa in famiglia.

E’ quello che augura lo staff della Voce a tutti voi e ai vostri cari. Il giornale riprenderà la sua normale attività da mercoledi 3 aprile anche se non mancheranno gli aggiornamenti sulla pagina web.

BUONA PASQUA!

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora