Corea del Nord alza il tiro: riavvia reattore nucleare

Pubblicato il 02 aprile 2013 da redazione

TOKYO  – La Corea del Nord alza ancora il tiro e annuncia il riavvio della centrale nucleare di Yongbyon, fermata nel 2007 dopo un faticoso negoziato maturato al tavolo a Sei. Una decisione per nulla gradita dalla Cina, il più stretto alleato di Pyongyang, che, invitando ”tutte le parti in causa” a ”esercitare la calma e la moderazione”, non ha nascosto il fastidio per l’evoluzione della crisi e ha mobilitato le truppe al confine. Condannano anche gli Stati Uniti. ”E’ una violazione degli obblighi internazionali”, accusa la Casa Bianca, secondo cui tuttavia tra l’annuncio e il riavvio effettivo del reattore nucleare “la strada è lunga”.

La centrale fu chiusa nell’ambito dei negoziati a Sei (di cui fanno parte le due Coree, Cina, Usa, Russia e Giappone), lanciati nel 2003 per ”invitare” Pyongyang ad abbandonare le sue ambizioni atomiche in cambio di aiuti.

– Chiediamo la ripresa di dialogo e consultazioni quanto prima in modo da cercare insieme modi per risolvere adeguatamente il problema – ha commentato il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Hong Lei. La Cina ha allertato le truppe sul confine con la Corea del Nord, temendo che lo sgretolamento del regime porti al massiccio afflusso di profughi sul suo territorio: secondo fonti Usa, negli ultimi giorni si sono avuti forti movimenti di soldati.

L’insofferenza di Pechino è in crescita, così come si sono moltiplicati i segnali per riportare l’imprevedibile vicino alla ”ragionevolezza” dopo il terzo test nucleare del 12 febbraio. Non solo il voto favorevole della Cina alla stretta delle sanzioni in seno al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, ma anche lo stop all’export a febbraio di 30-50.000 tonnellate di greggio e, da ultimo, il blocco – secondo la tv sudcoreana Ytn – dei visti di lavoro ai cittadini nordcoreani.

Lo stop prolungato potrebbe costare molto a Pyongyang, dato che ogni lavoratore (30.000 circa quelli ora impegnati negli impianti al confine) percepisce 2-300 dollari al mese, riscossi direttamente dallo Stato. Il rilancio di Yongbyon, a circa 90 chilometri a nord di Pyognyang, permetterà al Nord l’estrazione di plutonio dalle barre di combustibile esaurito, aumentando lo stock che, secondo le ultime valutazioni fatte dall’ex segretario di Stato Usa Hillary Clinton, è sufficiente allo stato per fabbricare dai sei agli otto ordigni.

Alla centrale, ha riferito l’agenzia ufficiale Kcna citando un portavoce del Dipartimento generale per l’energia atomica, ”saranno adottate tutte le misure per riavviare il reattore e per ristrutturare gli impianti associati”. Per altro verso, la scelta è ”coerente” con i propositi di ”rafforzare l’arsenale atomico in termini di qualità e quantita”’ ed è funzionale a risolvere la ”grave” carenza d’energia elettrica, malgrado gli ingenti lavori dopo che la torre di raffreddamento nel complesso di fabbricazione sovietica fu demolita nel 2008 con l’esplosivo, nel rispetto dell’accordo raggiunto nel negoziato a Sei.

Secondo la Russia, la priorità nella Penisola coreana è di ”evitare uno scenario militare”, mentre il segretario generale dell’Onu, il sudcoreano Ban Ki-moon, ha parlato di crisi politico-diplomatica ”andata troppo oltre”: è necessario tornare al negoziato. Dure critiche alla riapertura di Yongbyon sono state espresse da Corea del Sud e Giappone ”per la violazione dei colloqui a Sei e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu”.

Sul fronte Usa, la Marina ha spostato il cacciatorpediniere antimissili Fitzgerald, dotato di standard Aegis, intorno alla penisola coreana, dopo i superbombardieri B-52, i caccia F-22 e gli ipertecnologici B-2, coinvolti a vario titolo nelle manovre militari congiunte tra Washington e Seul.

– Il loro schieramento pensiamo abbia ridotto le chance di errori e provocazioni – ha detto Jay Carney, portavoce della Casa Bianca.

– Oltre il 38/mo parallelo, nonostante la retorica, non ci sono segnali rilevanti di movimenti militari – ha assicurato in serata il ministero della Difesa di Seul.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora