Il M5S, il nostro voto e il silenzio complice

Pubblicato il 02 aprile 2013 da Mauro Bafile

Ignoranza o razzismo? Non sappiamo. Ma, certo, nell’uno o nell’altro caso non c’é di che essere orgogliosi. Il Movimento 5 Stelle ha fatto irruzione nella vita del Paese. E, oggi, non solo ne condiziona la stabilità politica, la governabilità e l’equilibrio istituzionale ma, con le dichiarazioni e la condotta dei suoi leader, pone l’economia sull’orlo del baratro. Così facendo, infligge un duro colpo alla credibilità del Belpaese nell’ampio contesto dello scenario internazionale; quella stessa credibilità che, nell’ultimo decennio, era stata gravemente danneggiata, e che il Governo Monti, non senza chiedere sacrifici agli italiani – e quindi anche a noi all’estero – era riuscito a ricostruire lentamente.

Non c’é dubbio. Il M5S deve il successo alla sua capacità di capitalizzare il malcontento degli italiani. Come l’ex premier Berlusconi, anche gli esponenti del “movimento” hanno detto e garantito ciò che gli elettori volevano ascoltare e sentirsi promettere. Non importa se poi, nel fondo, tutti sapevano che erano promesse impossibili. Ad esempio, la minaccia dell’uscita dell’Italia dalla zona Euro, senza meditare le conseguenze che anche la sola dichiarazione di principio in tal senso ha sull’economia e la qualità di vita degli italiani; o la riduzione del costo della politica, come se questo fosse l’unico problema dell’Italia. Nel fondo, siamo sicuri che gli italiani sarebbero ben contenti di moltiplicare il costo della politica se poi a sedere negli scranni del parlamento ci fossero politici onesti, capaci e non sprovveduti che, interrogati su argomenti banali come ad esempio le istituzioni europee – argomenti che si studiano poi a scuola – non sanno cosa rispondere. E’ accaduto, purtroppo, a qualche 5Stelle.

Ma non é questo ciò che realmente preoccupa gli italiani all’estero. Ad impensierire le nostre Comunità é l’atteggiamento degli eletti del M5S nei confronti di chi oggi vive l’Italia fuori l’Italia. E’ evidente che la maggioranza di chi milita nel M5S, e molti di coloro che oggi occupano gli scranni del Parlamento, non conoscono la nostra realtà. E’ sufficiente, a mo’ di esempio, la sterile diatriba sul nostro voto; voto che alcuni esponenti del M5S hanno insinuato non fosse valido ai fini del premio di maggioranza. Affermazione che assomiglia molto a quella della volpe di Esopo che, non potendo arrivare all’uva in quanto troppo alta nel vigneto, si limita a commentare tra i denti, con sdegno e delusione: “Troppo acerba per i miei gusti”. O, se vogliamo rispolverare un vecchio proverbio persiano: “il gatto che non può raggiungere la carne dice che ha cattivo odore”

Affermare che il M5S è il primo partito in Italia perché i nostri voti non contano, e quindi non possono sommarsi a quelli degli altri elettori, é un gesto di presunzione e di disprezzo verso le nostre Comunità. In altre parole, é considerare gli italiani all’estero cittadini di “serie B”. E’ una forma di discriminazione e di razzismo che, fortunatamente, la nostra Costituzione, redatta da uomini con una profonda cultura e coscienza democratica e umana, non contempla. Ma ciò dovrebbe essere chiaro in chi ha l’aspirazione di rappresentarci in Parlamento.

Altrettanto grave, comunque, é il silenzio quasi totale che ha accompagnato tali dichiarazioni. Ad esempio, quelle che il senatore del M5S, Airola Alberto, ha pubblicato sulla sua bacheca Fb.

“Continuo a ricevere lamentele perché il M5S si dichiara la prima formazione politica in Italia per numero di voti mentre invece il Pd ne avrebbe presi di più – scrive il senatore -. La questione é semplice: se diciamo che siamo la prima formazione politica per voti in Italia é corretto se però si considerano le circoscrizioni estere  il pd ha preso più voti. Peccato che i voti delle circoscrizioni estere non contino al fine  del premio di maggioranza e quindi tecnicamente in Italia siamo la prima formazione per numero di voti…!

Poche le voci di dissenso, le proteste contro tale discriminazione e menzogna. Troppo poche. Alcuni tra i nostri parlamentari ed anche qualche giornalista ma è ovvio che in casi come questi sarebbe necessario far ascoltare la voce corale delle nostre comunità. E per farlo sarebbe necessaria una vera e propria mobilitazione promossa dai rappresentanti dei vari Comites e CGIE. E’ a loro in ogni parte del mondo che ci rivolgiamo. Poco, ad essere sinceri, ci aspettiamo dai nostri rappresentanti del CGIE e del Comites di Caracas che, con le dovute eccezioni a cui va riconosciuto il merito del dissenso, sembrerebbero preferire lo studio di strategie in vista, purtroppo, di probabili nuove elezioni o l’organizzazione di riunioni carbonare fatte in gran silenzio forse per evitare che qualcuno possa fare domande scomode o semplicemente esprimere il proprio dissenso.

Atteggiamenti che devono iniziare a far riflettere i giovani e la parte migliore della nostra collettività anche in funzione delle prossime elezioni proprio di Comites e CGIE.

Ma nel mondo così come anche da noi ci sono altri Comites e altri esponenti di spicco che possono ricordare ai 5 Stelle non soltanto che gli italiani all’estero sono cittadini di serie A ma che spesso è grazie a loro, al lavoro e alle posizioni che si sono guadagnati in ogni dove, se il nome dell’Italia nel mondo riesce a brillare con lo splendore che merita nonostante le penose scivolate di alcuni rappresentanti politici italiani.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora