Bersani insiste: “No al voto e no al governissimo”

Pubblicato il 02 aprile 2013 da redazione

ROMA  – Parte il lavoro dei ‘saggi’ del Quirinale su riforme ed economia. I gruppi di lavoro svolgeranno il loro tentativo per 8-10 giorni, fa sapere il capo dello Stato che risponde anche alle polemiche di questi giorni sulla sua scelta. Altri nomi, anche di donne, potevano essere fatti, ma, dice Giorgio Napolitano, ”sabato ho proceduto in condizioni di particolare urgenza e difficolta”’. Il loro lavoro si preannuncia, comunque, in salita data l’alta tensione che resta tra i partiti.

Il Pd, da una parte, infatti, apre alla condivisione sul nuovo nome per il Quirinale ma chiude a governissimi e al ritorno alle urne. Il Pdl manda un altolà ai Dem: se vogliono anche la presidenza della Repubblica non c’è posto per il dialogo e se lo stallo permane meglio il ritorno subito alle urne. La messa in campo dei dieci saggi da parte del capo dello Stato è un percorso che il Pd è intenzionato ad ”accompagnare” pur ribadendo che ”l’unica pista” è quel ‘doppio registro’ governo-riforme rilanciato più volte da Pier Luigi Bersani.

Il segretario del Pd torna a Roma dopo la pausa pasquale e convoca una conferenza stampa nella quale ribadisce la linea. No a governissimi ma anche no al voto anticipato. Ma la determinazione a provare a trovare ”ampia condivisione” sul nome del nuovo inquilino del Colle più alto. Bersani considera il suo pre-incarico ”assorbito” dal lavoro dei saggi, ma si considera ancora in campo (”non vado al mare”).

– Certo – aggiunge -, se sono da ostacolo sono pronto a farmi da parte. L’ho detto ai miei interlocutori: se c’era qualche problema che riguardava me ma non l’ho sentito.

Comunque, al momento, Bersani punta allo snodo che ormai considera chiave, quello dell’elezione del nuovo inquilino del Quirinale perchè, evidenzia, ”mi pare che la ripartenza sia in mano al nuovo capo dello Stato”. Nonostante l’apertura bersaniana a una ‘corresponsabilità’ sul nuovo capo dello Stato, alle parole del segretario segue immediato un altola’ del Pdl.

– Se Bersani vuole occupare tutte le istituzioni – è l’avvertimento di Angelino Alfano – non c’è alcuno spazio per il dialogo.

E ancora:

– Se lo stallo prosegue perchè il Pd pensa più alla fazione che alla nazione, c’è solo la strada delle urne già a giugno prossimo.

Insomma i due partiti continuano a rimpallarsi le responsabilità con i grillini che al momento restano alla finestra. La scelta di Napolitano di formare le due commissioni di ‘saggi’, secondo il capogruppo Cinque Stelle al Senato Vito Crimi, ”non e’ altro che un’ulteriore conferma della cecità che ha colpito la classe politica: ancora non ha compreso il risultato di queste elezioni”.

Crimi che in ieri in una battuta aveva definito meglio un Bersani ‘sfiduciato’ dalle Camere che un Monti.

– Almeno – aveva detto – sarebbe stato rappresentativo di una maggioranza relativa e non di una strettissima minoranza come il governo Monti in regime di prorogati.

Parole, però, subito corrette da Beppe Grillo.

”Bersani – attacca il comico – non è meglio di Monti, è semplicemente uguale a Monti, di cui ha sostenuto la politica da motofalciatrice dell’economia”.

”Dovrebbero fare una bella direzione in streaming…”, ironizza il segretario Pd Bersani. Che, comunque, va all’attacco dei Cinque Stelle.

– Da parte loro – afferma -, c’è un disimpegno conclamato, hanno avuto otto milioni di elettori e a quanto pare intendono metterli in frigorifero perchè così la legislatura non va avanti e non c’è insulto né acrobazia che può cancellare questo.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora