Rossi a caccia del riscatto in questa stagione

Pubblicato il 02 aprile 2013 da redazione

ROMA – La prima gara del mondiale 2013, il Gp del Qatar, è anche un anniversario. Sono infatti 10 stagioni che la pista alle porte della capitale, Doha, viene utilizzata per una gara mondiale. Il 2 ottobre del 2004, il primo GP sui 5.380 metri di asfalto di Losail. Allora di giorno, la vittoria fu dello spagnolo Sete Gibernau, su Honda. Quell’anno Gibernau provò a contrastare Valentino Rossi al suo primo anno in Yamaha, ma non riuscì nell’impresa e il Dottore portò così a casa il suo primo mondiale con la casa giapponese. Oggi Rossi è di nuovo in Yamaha. Davanti a lui non un solo rivale spagnolo, ma tre: Jorge Lorenzo (che è anche il suo compagno di squadra) ed i due piloti della Honda Dani Pedrosa e Marc Marquez. Con i suoi 34 anni, Valentino può contare su esperienza, tecnica e astuzia, contro ragazzi meno che trentenni (Marquez ha appena 20 anni) che hanno nella resistenza e nell’incoscienza i loro punti di forza. Dal 2008, la gara di Losail si svolge di notte e inaugura la stagione della MotoGP.

Le condizioni climatiche proibitive della fine dell’estate desertica in ottobre, hanno convinto gli organizzatori a cambiare date (in aprile anziché in ottobre) e parte della giornata. L’illuminazione della pista è assicurata da generatori della Pramac, l’azienda toscana che schiera nella MotoGp Andrea Iannone e l’americano Ben Spies in sella a due Ducati satellite. Si consumeranno 5,4 milioni di watt, sufficienti ad illuminare 3.000 abitazioni. Uno sforzo energetico immane, ma il Qatar è e rimane una delle potenze economiche dell’energia e poco importa se l’affluenza in pista sia la più esigua dell’intero circus. Honda e Yamaha sul tracciato di Losail sono praticamente alla pari.

Lo scorso anno vinse Casey Stoner con la Honda, nel 2010 vinse Rossi con la Yamaha, dopo che l’australiano con la Ducati cadde mentre era primo e solitario davanti a tutti. La casa italiana (ora di proprietà dell’Audi), in Qatar ha detto la sua per ben tre volte andando a segno dal 2007 al 2009 sempre con Casey Stoner, poi più nulla. Nei due anni con Rossi (2011 e 2012) un settimo posto di Valentino e un sesto di Nicky Hayden. Poche soddisfazioni, dunque, e difficilmente potrà accadere qualcosa di differente in questa prima gara del mondiale 2013.

La Ducati sta lavorando per recuperare un pesante svantaggio tecnico nei confronti dei giapponesi ed i primi frutti di questo lavoro arriveranno solo a giugno. Nel frattempo, Andrea Dovizioso e Hayden dovranno difendersi non solo dai colleghi con le moto giapponesi, ma anche dalle CRT, in crescita rispetto allo scorso anno. Qualche speranza nel veder sventolare il tricolore sul podio c’é nelle classi minori.

Nella sua gara d’esordio al mondiale in Moto3, lo scorso anno, Romano Fenati, pilota della Federazione italiana, arrivò terzo, vincendo poi il suo primo GP nella gara successiva: a Jerez de la Frontera (Spagna). Occhi puntati su di lui dunque, e su Niccolò Antonelli, giovane talento schierato dal team Gresini.

Nella Moto2, con Marquez passato in MotoGP dopo il titolo conquistato nel 2012, il favorito è l’altro spagnolo Pol Espargarò (Kalex). Tra gli italiani c’é Simone Corsi (SpeedUp) autore di test discreti a poter sperare in un podio insieme con il compagno di squadra, il pilota di San Marino Alex de Angelis.

Ultima ora

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

Archivio Ultima ora