Lo sprint finale: 10 giorni di passione

Pubblicato il 03 aprile 2013 da redazione

CARACAS – Lo sprint finale. Non saranno i “Ten Days that Shook the World”, descritti nel 1919 dalla raffinata penna di John Redd, ma, per chi vive in Venezuela, saranno certamente 10 giorni di passione.

I candidati alla presidenza della Repubblica avranno poco più di una settimana per convincere l’elettorato che la loro é la migliore offerta. Ma, soprattutto, avranno una manciata di giorni per sconfiggere il “partito dell’astensione”. Sarà un “tour de force” che metterà a prova la resistenza dei candidati e la pazienza di noi elettori.

Nicolás Maduro, il candidato del partito di governo, ha iniziato una campagna elettorale “sui generis”, diversa; una campagna elettorale che forse non ha precedenti nella storia democratica del Paese. Mentre in passato i candidati del partito di governo, per evitare si potessero addossare anche a loro le responsabilità per gli errori attribuiti all’esecutivo, prendevano le dovute distanze dalla gestione precedente; Maduro preferisce percorrere il cammino contrario. Può sembrare un paradosso ma, in fondo, non lo é. Maduro, indicato dallo stesso estinto capo di Stato quale suo successore, ha impostato la campagna elettorale sull’immagine del presidente Chávez. Stesso programma, con la promessa di approfondirne alcuni aspetti; stesso stile e linguaggio, aggressivo e a volte dai toni offensivi; e stesso impiego dei mass-media e delle trasmissioni a reti unificate.

Maduro sa di non essere un leader con il carisma del presidente Chávez. Sa anche di non avere la personalità esplosiva dell’estinto capo di Stato. E sa altrettanto bene che la sua candidatura, indicata dal presidente Chávez prima del suo ultimo viaggio a Cuba, è tollerata dai compagni di partito ed accettata con riserva dall’elettorato. E’ assai probabile, quindi, che tanti “chavistas” decidano di disertare le urne. E Maduro è cosciente del pericolo che ciò rappresenta per le sue aspirazioni.

Dal canto suo, Enrique Capriles Radonski, candidato dell’Opposizione, affronta, in questa campagna elettorale, il fantasma del presidente Chávez e il timore, nella popolazione più umile e negli strati meno abbienti, che un suo trionfo possa rappresentare l’eliminazione di tutti gli ammortizzatori sociali; quegli stessi ammortizzatori sociali  – leggasi, “misiones” -, che hanno contribuito a migliorarne la qualità di vita.

La strada di Capriles Radonski, quindi, è tutta in salita. Ed infatti, al timore dei venezolani meno agiati bisogna sommare lo sconforto dell’elettorato “antichavista” da oltre 10 anni sconfitto ad ogni appuntamento elettorale.

Per ora sia Capriles sia Maduro si affrontano quotidianamente con un linguaggio duro e a volte anche offensivo, attenti entrambi alla “spada di Damocle” di una crescita del “partito dell’astensione” e con la preoccupazione di semplificare quanto più possibile il proprio discorso elettorale; semplificazione che però trasforma l’offerta elettorale in ritornelli e semplici slogan. Insomma, in discorsi tanto superficiali quanto addirittura banali.

La lotta alla criminalità, la crisi dell’industria, le precarie condizioni dei centri pubblici di assistenza sanitaria; il deterioramento dell’infrastruttura dell’industria statale; la debolezza crescente della holding petrolifera; l’inefficienza dei servizi pubblici, la carenza dei prodotti di prima necessità sono argomenti proposti e riproposti. Il “leit-motive” dei candidati alla presidenza. Ma nessuno si intrattiene su ogni argomento, per spiegare all’elettore le soluzioni che propone.

Ad esempio, sia Maduro sia Capriles Radonski riconoscono la necessità di porre argine alla crescente criminalità, che ogni settimana provoca dolore e lutto in decine e decine di famiglie venezolane. Ma non hanno mai spiegato nel dettaglio con quali strumenti sperano di combattere la micro e la macro criminalità. Dotare la polizia della tecnologia d’avanguardia  e dell’armamento moderno, adeguati alla difficile sfida? Incremento del numero degli agenti di polizia offrendo loro un salario che possa  ripagarli per il rischio che rappresenta la lotta alla criminalità? Creazione di accademie di polizia moderne e funzionali alle esigenze del Paese? Costruzione di scuole nei “quartieri a rischio” per strappare gli adolescenti alla malavita? Finanziamento delle Ong che si dedicano al recupero degli elementi violenti per inserirli nel mercato del lavoro e in una vita decente? Aumento della prevenzione e della repressione? Costruzione di nuove carceri con particolari caratteristiche e tempi d’attesa meno lunghi per una sentenza? Sono tematiche che nessuno dei candidati, fino ad oggi, ha affrontato se non superficialmente. Ma, forse, l’elettorato vorrebbe saperne di più.

Nei prossimi giorni l’attività degli aspiranti alla Presidenza si farà più intensa. Chissà se troveranno il tempo per trasformare gli slogan e gli enunciati di principio in proposte concrete, ben articolate e, soprattutto, credibili. Ce lo auguriamo.

Aurelio Perna

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora