Corea del Nord sposta missili sulla Costa Est: test imminente

TOKYO  – La Corea del Nord continua a puntare al rialzo e, dopo il via libera definitivo all’esercito per un ”attacco nucleare” contro gli Stati Uniti, l’escalation prende forma con il posizionamento di un missile a medio raggio sulla costa orientale in vista di un test imminente o di un addestramento militare. Il ministro della Difesa di Seul, Kim Kwan-jin, ha svelato l’ultima mossa del Nord in un’audizione dinanzi alla commissione Difesa del parlamento, precisando che non sembra finalizzata a colpire il continente americano, smentendo l’ipotesi di un KN-08 capace di coprire i 10.000 chilometri.

Senza specificarne la tipologia, il ministro ha osservato che si ritiene sia in grado di coprire una ”distanza considerevole”. Anche se vi è ”una piccola possibilita”’ che la retorica del Nord possa sfociare in un conflitto su larga scala, Kim ha messo in guardia da altre provocazioni, tra scontri di confine e attacchi informatici

Poco prima dell’intervento del ministro, un ‘falco’ nei rapporti con il Nord, ex generale ed ex capo di Stato maggiore, i media di Seul avevano diffuso altre stime dei servizi di intelligence secondo cui il missile in questione sarebbe uno della serie Musudan, capace di coprire 3-4000 chilometri, fino a includere nel suo raggio la base americana di Guam, malgrado non sia stato ancora testato. Da confermare l’opzione sul montaggio di una testata, ma fonti citate dall’agenzia Yonhap prevedono che Pyongyang possa effettuare il lancio a metà aprile, per i festeggiamenti solenni del compleanno del fondatore dello Stato, Kim Il-sung.

Del Musudan si hanno notizie dall’ottobre 2010, quando fu fatto sfilare a Pyongyang in una parata militare. Nel posizionare il missile sulla sua costa orientale, il Nord ha spinto gli Usa a spostare a Guam i sistemi anti-missile THAAD (Terminal High-Altitude Area Defense) e a far alzare l’allerta in Giappone, mentre nelle Filippine è in corso lo spiegamento di una decina di aerei da combattimento F/A-18, caccia supersonici che parteciperanno a esercitazioni militari.

Secondo la Russia, la decisione nordcoreana di proseguire sui piani nucleari ”ostacola, se non chiude” le chance di ripresa dei negoziati a Sei, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri russo Aleksandr Lukashevich. Mentre la rappresentante per la politica estera europea, Catherine Ashton, ha rimarcato la ”chiara violazione” delle risoluzioni Onu e degli ”impegni presi nel 2007”da Pyongyang, assicurando che ci sarà ”una risposta sempre più unita della comunità internazionale”.

Proprio al sito nucleare di Yongbyon, secondo lo Us-Korea Institute della John Hopkins University, sarebbero ricominciati i lavori al punto che, in base allo studio delle immagini satellitari, il complesso potrebbe ripartire ”nel giro di settimane, piuttosto che di mesi”. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, si è detto ”profondamente preoccupato” per l’escalation della situazione in Corea del Nord, mentre il premier britannico David Cameron ha affermato che la vicenda dimostra come ”oggi più che mai abbiamo bisogno di un deterrente nucleare”.

A Kaesong, intanto, anche oggi è stato bloccato per il secondo giorno di fila l’ingresso di lavoratori, merci e mezzi sudcoreani alla zona industriale a sviluppo congiunto, malgrado le pressanti            richieste di Seul per il ritorno alla normalità. Mentre Pyongyang, attraverso un portavoce del Comitato per la riunificazione pacifica della Corea, ha ventilato l’ipotesi che il ritorno alla normalità possa non maturare a breve.

Condividi: