Marquez domina in Qatar, Rossi quarto nelle prove

LOSAIL – Il terzo turno di prove libere della MotoGP ha visto Marc Marquez (Honda) firmare il miglior tempo in 1’56.084, ottenuto sotto la bandiera a scacchi. Il debuttante di casa Honda, dunque, si conferma uno dei piloti più in forma del lotto, in grado di stare davanti a tutti senza timori reverenziali. Secondo a solo un millesimo di distacco, il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo (Yamaha). Terzo l’inglese Cal Crutchlow (Yamaha), molto costante nei tempi con la moto privata del Team Tech3, che ha girato in 1’56.326, lontano solo 0,242 millesimi da Marquez. Valentino Rossi è quarto.

Questa sessione, particolarmente tirata perché disegna la prima parte della nuova qualifica, non ha aiutato il pilota di Tavullia. A complicare le cose anche un leggero mal di testa che ha disturbato il nove volte iridato in questa seconda serata di prove in Qatar.

Il tempo di Valentino Rossi, 1’56.416, è a soli 0,332 millesimi da Marquez. Subito dopo Valentino Rossi c’é Andrea Dovizioso con la Ducati.

La moto lasciata dal campione di Tavullia alla fine di due anni di convivenza poco soddisfacente non è poi così lontana dalla Yamaha del “Dottore”.

Dovizioso ha chiuso questa sessione a solo un millesimo da Valentino, ovvero a 0,333 da Marquez. Se è vero che per ora non ci sono eclatanti novità tecniche per la moto di Borgo Panigale rispetto allo scorso anno, il merito di questo risultato sembra dunque essere tutto del pilota, che ha riconosciuto nel circuito di Losail una delle piste più favorevoli alla Ducati. Solo sesto il mattatore dei test, lo spagnolo Dani Pedrosa. Il pilota della Honda a questo punto appare abbastanza in difficoltà sulla pista del Qatar.

La situazione dell’asfalto, in effetti non è l’ideale. Molta la sabbia sull’asfalto che costringe tutti ad una attenzione in più, ma Pedrosa sta soffrendo più di tutti gli altri piloti ufficiali. Lontano (11º tempo assoluto) ha chiuso Andrea Iannone. Il pilota di Vasto in sella alla Ducati privata del Team Pramac ha 1,085s di ritardo da Marquez, un distacco non eccessivo per un debuttante in sella ad una moto così difficile.

Oggi, con il quarto turno di prove libere, si formeranno i gruppi che accederanno alle due qualifiche. Nella prima di queste, entreranno i piloti dall’11º tempo in giù, mentre nella fase finale scenderanno in pista anche i primi 10 per giocarsi la pole. Questo è il primo gran premio della storia della MotoGP nel quale si utilizzerà la nuova procedura di formazione della griglia di partenza.

Condividi: