Comites Hannover, il Console Ceprini incontra gli anziani

Pubblicato il 09 aprile 2013 da redazione

HANNOVER  – Il Club degli Over 60 di Hannover nella riunione mensile nella sede del Comites, alla presenza del Presidente Giuseppe Scigliano, sabato scorso 6 aprile, ha incontrato il Console Generale Gianpaolo Ceprini, per parlare con lui dei tanti problemi con i quali la terza età deve convivere. Problemi per i quali l’assistenza dei servizi consolari è importante, se non vitale in molti casi.

Questo gruppo è stato costituito nel 2005 dal Signor Luigi Gallinaro, attualmente presidente dell’associazione, e dal presidente del Comites Scigliano, attualmente presidente onorario. Quest’ultimo, grazie all’appoggio politico avuto da Raimund Nowack, è riuscito ad avere una stanza gratuita dal Comune di Hannover presso il centro culturale Freizeitheim Vahrenwald, dove tuttora ogni venerdì si incontrano non solo per aggiornarsi ma anche per passare del tempo insieme e solidarizzare reciprocamente.

In ogni caso, spesso, molti vengono aiutati ad uscire dall’isolamento e si appoggiano sia alla città di Hannover dove Gallinaro è riconosciuto come Seniorenbeirat (consiglio degli anziani) sia al Comites locale, di cui Gallinaro è membro attivo all’interno della commissione anziani.

Il Club anni 50, grazie all’ottimo lavoro del presidente, è sotto il patrocinio del Kommunal Seniorenservis del Comune di Hannover: ciò fa sì che i membri siano seguiti da una pedagogista che spesso si reca alle sedute per assisterli e consigliarli.

A fare gli onori di casa, sabato scorso, sono stati Gallinaro e Scigliano: quest’ultimo, in particolare, ha invitato i presenti a voler rappresentare al Console Generale le tante problematiche per le quali egli spesso si fa portatore presso gli uffici del Consolato.

Diversi i punti sollevati, spiega oggi Scigliano, tra cui quello dell’assistenza, divenuta negli anni essenziale per gli anziani, perché non sempre la pensione è sufficiente a fare fronte a tutte le esigenze quotidiane.

Purtroppo, per molti di loro la pensione non è elevata avendo lavorato in anni in cui, pur di avere lavoro, erano costretti ad assunzioni in nero e questo ha comportato versamenti contributivi insufficienti a costituire una buona pensione. Di conseguenza, ora non sempre riescono a sbarcare il lunario a fine mese.

La principale lamentela, riporta Scigliano, “è stata nei confronti della totale assenza di attenzione, spesso accompagnata da scortesia, da parte dell’addetto dell’ufficio consolare a queste loro richieste di aiuto”.

Il Console Generale, dopo aver ascoltato ogni singolo caso, ha assicurato il suo interessamento, spiegando nel contempo che a seguito delle note difficoltà di bilancio lo Stato italiano pur avendo aumentato il finanziamento per questa specifica voce non ha potuto tuttavia assegnare una somma sufficiente a poter coprire tutte le richieste che arrivano, tra cui quelle dei nuovi emigrati che si stanno facendo numerose e preoccupanti.

Il Presidente del Comites ha fatto notare che in passato è stato lo stesso consolato a chiedere somme insufficienti al fabbisogno del territorio al Ministero e quindi per i cittadini poveri della circoscrizione c’è stata una doppia penalizzazione. Scigliano ha quindi invitato il Console a chiedere, per il prossimo anno, almeno 50.000 Euro.

Si è parlato poi di assistenza ed anche di programmi formativi. Interessante l’iniziativa proposta dal Console Generale e che verrà sviluppata con la Città di Hannover per favorire l’utilizzo degli anziani presso le scuole sia per assistenza, sia per illustrare agli alunni i mestieri che essi hanno svolto durante gli anni passati. Mestieri che la tecnologia sta via via facendo sparire, ma che rappresentano tuttavia la storia della Germania.

Questa proposta è stata apprezzata sia da Scigliano che da Gallinaro perchè il Comites da anni sta cercando di realizzare tale iniziativa. Voglia di vivere e di essere ancora utili: “noi ci siamo ancora”, in sostanza, il messaggio che gli over 60 hanno voluto dare alle istituzioni. Numerose le proteste contro le procedure varate dall’INPS sulle dichiarazioni per l’esistenza in vita che li costringe a dover fare una serie di documenti per ricevere le magre pensioni italiane.

Gli anziani, sottolinea Scigliano, “hanno anche ringraziato il Console Generale per tutte le informative che ha diffuso e per aver favorito la creazione di uno sportello apposito per accelerare queste procedure. Malgrado ciò, però, alcuni presenti hanno fatto notare che l’addetto consolare a tali mansioni si è rifiutato di far loro un certificato di esistenza in vita spedendoli, spesso con toni poco garbati, agli appositi uffici tedeschi”. Il pranzo sociale al quale ha preso parte sia il Presidente del Comites che il Console Generale è proseguito con il canto dell’inno nazionale da parte degli over 60 dedicato al Presidente della Repubblica.

In chiusura, Scigliano ha reso partecipe dell’attuale situazione politica in Italia criticando duramente i partiti che ormai sono diventati “ciechi e fuori dalla realtà”.

Per Scigliano, i partiti “hanno perso completamente il contatto con le esigenze del popolo che dicono di voler rappresentare e specialmente con chi vive all’estero. I Comites sono in carica dal lontano 2004 e non si intravede nessuna volontà di farli rinnovare decretandone di fatto la morte. Nessun ricambio dunque e per risparmiare addirittura hanno pensato di far votare, alle prossime elezioni, solo per via telematica. Cosa assurda, scandalosa e contro ogni principio di democrazia”.

Concludendo, Scigliano sottolinea come quella di sabato sia stata “una giornata particolare nella quale, a loro dire, gli anziani presenti finalmente hanno avuto il piacere di non sentirsi dimenticati dal Console Generale che hanno sentito vicino ai loro problemi e forse, come ha detto Gallinaro, “è iniziata una nuova era qui ad Hannover perché grazie al Presidente del Comites ed al Console Generale qualcuno ci ascolta” ringraziando il primo per aver difeso a spada tratta le loro istanze in tutti questi anni ed il secondo che ha promesso di aprire le porte per favorire gli anziani nelle richieste amministrative”.

Ultima ora

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

19:55Agente immobiliare ucciso, vide in faccia l’assassino

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "Ho visto in faccia chi mi ha sparato". Sono le ultime parole pronunciate poco prima di morire agli agenti della Squadra Mobile da Giuseppe Sciannimanico, l'agente immobiliare ucciso a Bari il 26 ottobre 2015. Sciannimanico era già in ambulanza quando il poliziotto Simone Trentadue, giunto sul posto dell'agguato, gli si avvicinò facendogli tre domande. "Sai cosa ti è successo?". "Si" gli rispose lucidamente la vittima. "Hai visto in faccia chi è stato?". "Si". "Chi è?". "Non me lo ricordo" rispose Sciannimanico prima di perdere conoscenza. A riferire i dettagli di quella breve e tragica conversazione è stato lo stesso agente Trentadue, chiamato come testimone nel processo che si sta celebrando dinanzi alla Corte di Assise di Bari nei confronti di Roberto Perilli, ex collega della vittima, accusato di omicidio volontario premeditato in qualità di mandante. Per l'omicidio è già sto condannato a 30 anni di reclusione l'esecutore materiale Luigi Di Gioia.

19:54Yemen: Mosca chiude l’ambasciata a Sanaa

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - La Russia ha deciso di chiudere temporaneamente la sua ambasciata a Sanaa, nello Yemen: lo ha annunciato la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova. "Data la situazione a Sanaa - ha spiegato Zakharova - è stato deciso di sospendere temporaneamente la presenza diplomatica russa nello Yemen. Tutti gli impiegati dell'ambasciata russa hanno lasciato il paese. L'ambasciatore e una parte del corpo diplomatico russo accreditato nello Yemen - ha concluso la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca - continueranno a espletare le proprie funzioni da Riad".

19:48Pugliese segregata per 7 mesi in Egitto da marito, salvata

(ANSA) - BARI, 12 DIC - Una 22enne di Barletta, madre di un bimbo di 2 anni, è tornata a casa dopo circa sette mesi di segregazione in Egitto in casa dei suoceri. La fuga della ragazza, organizzata da un gruppo di italiani ed egiziani che erano riusciti a mettersi in contatto con lei, è avvenuta nella notte fra il 7 e l'8 dicembre. La ragazza, sposata dal 2015 con un egiziano che aveva conosciuto anni prima durante una vacanza con la famiglia a Sharm El Sheik, si era trasferita circa un anno fa con il marito e il figlio in un villaggio a poche centinaia di km da Il Cairo. Dopo alcuni mesi, il marito aveva abbandonato lei e il figlio per tornare in Italia, a Milano, lasciandoli soli con i suoi genitori che, stando alla denuncia della 22enne, l'avrebbero chiusa in casa senza cibo, e beni di prima necessità, compresi i pannolini per il bimbo. Un mese fa la ragazza è riuscita a contattare un'amica a Barletta e poi le autorità italiane. Poi, grazie all'aiuto di alcuni cittadini egiziani, è fuggita riuscendo a raggiungere l'aeroporto.

Archivio Ultima ora