Juve tenterà di sfondare il muro del Bayern

TORINO – “Ci crediamo e ce la giocheremo fino in fondo perché vogliamo uscire dal campo senza rimpianti”. La sintesi è di Giorgio Chiellini, ma il pensiero é di tutti.

La Juve si butta sul ritorno con il Bayern senza calcoli, “ma non scriteriatamente”, precisa ancora il difensore, convinta di potercela fare, e al tempo stesso che sia tremendamente difficile e stimolante. “Certo, dovremo fare una partita diversa da quella dell’ andata e sappiamo benissimo di poterci riuscirci”, precisa Conte. “C’é voglia, gioia e serenità – spiega – Non dimentichiamoci che siamo di nuovo qui a vivere certe vigilie dopo due settimi posti e questo quindi dovrebbe già esaltarci. Ma sappiamo che il Bayern ha lavorato tanto per essere dov’é: lui è il grattacielo, noi un terzo di edificio. E’ favorito per la conquista della Champions ma siamo sereni perché sappiamo che la distanza tra noi e loro non è quella dell’andata”. Conte non precisa, ovviamente, con quale strategia affronterà i tedeschi, ma spiega: “Dovremo giocare la stessa partita che i tedeschi hanno disputato contro di noi, con attenzione e cattiveria agonistica”. Aggiunge Chielini: “Abbiamo rivisto più volte la partita: il loro pressing alto ci ha messo in difficoltà, ma il problema più grande è stata la loro intensità”.

Conte non lesina elogi per i bavaresi e ringrazia Heynckes per le parole lusinghiere sulla Juventus e gli regala questa battuta: “Speriamo che domani sera (oggi per chi legge ndr) dica: ve l’avevo detto”. Ma ha un paio di sassolini da togliersi: “Speriamo di essere più fortunati che a Monaco, dove il secondo gol era in fuorigioco e Ribery non è stato espulso per il fallo su Vidal. Ma quando sento dire che erano tanti anni che non si vedeva una Juve così brutta come quella di Monaco, rispondo: ma se è soltanto un anno che disputiamo la Champions. Abbiamo bruciato le tappe e combinato qualcosa di straordinario e a volte qualcuno lo dimentica, ma sicuramente lo fa apposta”.

Chiellini torna sulla questione Buffon: “Non è stato particolarmente toccato dalla frase di Beckenbauer e anche il Bayern ha chiuso il discorso un po’ con tutti. Gigi sarà a mille, come tutti noi. Ci sono pressioni da gestire, ma noi siamo abituati. In città si vive un clima da voglia di impresa, toccherà a noi tradurlo in forza sul campo”.

Conte manda un altro messaggio a Vucinic: “Ribadisco quanto ho detto sabato: lui è una punta da venti gol e questo io mi aspetto”. E rimanda tutti alla gara di stasera così: “Cercheremo di fare una partita diversa da quella di Monaco. Il Bayern è forse il più forte di tutti i tempi ma non ci spaventa”.

Unica novità di formazione la presenza di Caceres al posto di Marrone, lievemente infortunato dopo il Pescara. Scontate le sostituzioni degli squalificati Vidal e Lichtsteiner rispettivamente con Pogba e Padoin. La coppia d’attacco iniziale dovrebbe essere Vucinic-Quagliarella.