Italia, rischio contagio. Il fisco aiuti la ripresa

Pubblicato il 10 aprile 2013 da redazione

BRUXELLES  – L’economia italiana stenta a riprendersi perchè è ancora agitata da gravi squilibri: debito elevato, banche deboli, competitività molto bassa rendono il Paese vulnerabile e riaccendono il rischio di contagio su tutta l’Eurozona, se dovesse tornare tensione sui mercati.

E’ la commissione europea che lancia un nuovo allarme mentre in Italia l’incertezza politica non riflette quello che Bruxelles vorrebbe vedere: vecchie riforme applicate e nuove riforme in cantiere, per snellire la pubblica amministrazione, rendere più efficiente l’istruzione e più libere di agire le imprese che non riescono a fare innovazione. E per rimettere in moto la crescita, la Ue chiede anche di rivedere il sistema fiscale perchè troppe tasse frenano i consumi.

Nel nuovo rapporto sugli squilibri macroeconomici la Commissione Ue spiega che quelli italiani sono soprattutto ”andamento dell’export, perdita di competitività e debito elevato”. Preoccupa in particolare quest’ultimo aspetto:

”Il debito elevato resta un grave problema dell’Italia, che è sempre vulnerabile ai repentini cambiamenti dei mercati e permane quindi il rischio di contagio al resto della zona Euro se si dovesse intensificare nuovamente la pressione sul debito”.

Occorre perciò metterlo su un percorso discendente, e dovrebbe farlo ”un’azione decisa” di chi governa, così come sempre chi governa dovrebbe applicare le riforme adottate dal governo Monti. L’Italia non dovrebbe perdere altro tempo, secondo la Ue, perchè ”la persistente debolezza strutturale ha ridotto la capacità di assorbire gli shock economici, la condizione finanziaria resta fragile e le prospettive di crescita a medio termine restano condizionate. Le banche da sole non ce la fanno a sostenere l’attività economica perchè ”sono deboli da metà 2011”, e le imprese sono poco competitive perchè, a causa di ”barriere normative e clima sfavorevole al business”, sono incapaci di innovare e puntano ancora sul ‘low-tech’. Perciò servono riforme in diverse aree, a partire da una ”revisione del sistema fiscale”, per renderlo più ”amico della crescita”, e una modernizzazione del sistema dell’istruzione e della pubblica amministrazione.

Ma nonostante l’attenzione ancora molto elevata sui rischi dell’economia italiana, il commissario agli affari economici Olli Rehn annuncia che l’uscita dalla procedura per deficit eccessivo è molto probabile: pagare i debiti della pubblica amministrazione peserà sui conti pubblici ma non metterà a rischio l’iter della procedura, e tra qualche settimana l’Italia dovrebbe essere fuori. Bisogna aspettare che il 22 aprile Eurostat confermi i dati del 2012, e poi ad inizio maggio le nuove previsioni economiche diranno se il deficit si manterrà sotto il 3% anche nel 2013.

– I 20 miliardi nel 2013 e 2014 – ha detto Rehn  – sono ‘uno stimolo significativo che l’Italia dà alle imprese, che porterà crescita, restando allo stesso tempo nelle regole del Patto di stabilità.

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora