Saggi, criteri aperti sulla Legge Elettorale

Pubblicato il 10 aprile 2013 da redazione

ROMA  – Accompagnato da costanti critiche e scetticismi, è alle ultime battute il lavoro dei ‘saggi’ che Giorgio Napolitano ha chiamato al Quirinale per spianare la strada ad un nuovo esecutivo.

Oggi l’ultima riunione plenaria dei Dieci e, domani a mezzogiorno, la consegna al capo dello Stato di un lavoro che i ‘faciliatori’ hanno svolto con tutto l’impegno, sollecitati fino all’ultimo dallo stesso Napolitano ad avere ”fiducia nell’utilita”’ dell’impresa.

Nonostante il totale riserbo imposto dal Colle, dal gruppo di lavoro istituzionale (Luciano Violante, Gaetano Quagliariello, Valerio Onida e Mario Mauro) è filtrata la quasi certa intesa su tagli ai costi della politica (ancora un 30% in meno sui rimborsi elettorali ai partiti), regolamenti parlamentari (con tempi di approvazione certi delle leggi), riduzione del numero dei parlamentari (da 630 a 470 i deputati, Senato delle Regioni formato dai consiglieri regionali con ulteriore ‘taglio’ di 315 senatori).

Davvero ancora in alto mare, invece – a prescindere dalle dichiarazioni di facciata – l’accordo su forma di governo (Quagliariello non demorde sul semipresidenzialismo) e legge elettorale, capitolo princeps della trattativa. Un’intesa non c’è: nè sulla reintroduzione del Mattarellum, riveduto e corretto, nè sulla modifica del Porcellum, altrettanto opportunamente modificato.

Ieri ancora una giornata di approfondimenti, oggi l’ultimo tentativo di sovrapporre le griglie delle diverse proposte. L’obiettivo è arrivare ad indicare criteri ‘aperti’ e di massima: un sistema a base proporzionale che blocchi le piccole forze con un’alta soglia di sbarramento, governabilità garantita attraverso la conferma del premio di maggioranza, possibilità per i cittadini di scegliere chi li rappresenta con preferenze o collegi uninominali per una parte degli eletti.

Anche la task force economica (Enrico Giovannini, Giovanni Pitruzzella, Salvatore Rossi, Enzo Moavero Milanese, Filippo Bubbico e Giancarlo Giorgetti) consegna domani il risultato del suo lavoro a Napolitano, puntando su crescita economica, liberalizzazioni, rimodulazione di fisco e welfare.

– Venerdì chiuderemo i nostri lavori. Napolitano vi dirà tutto – anticipa il senatore Pd Filippo Bubbico, lasciando intendere che lo stesso Capo dello Stato potrebbe annunciare i risultati del lavoro, mentre i saggi si limiteranno a spiegarne i dettagli.

Napolitano insomma mette ancora una volta la sua ‘faccia’ sulla scelta dei ‘saggi’, insediati a 7 giorni dal voto e nell’impossibilità di formare subito un governo per facilitare un’intesa politica.

Sulla nomina sono piovuti attacchi dei partiti che hanno ‘sconcertato’ il Capo dello Stato, costretto a precisare la durata limitata dell’incarico (8-10 giorni) e la natura ‘ricognitiva’ del mandato. Di fronte alle critiche del M5s, allo scetticismo del Pd e all’ultimatum del Pdl (che voleva ridurre al massimo a 72 ore la durata delle commissioni e chiedeva a Quagliariello di dimettersi), Napolitano aveva dovuto ricordare che i ‘facilitatori’ erano entrati in campo a causa della ”situazione politica irrigidita in posizioni inconciliabili”. A funestare il breve percorso dei ‘facilittori’ anche la telefonata di una ‘finta’ Margherita Hack a Valerio Onida, indotto ad ammettere l’inutilità dei ‘saggi’ e di un dibattito destinato a ”coprire lo stallo”. A chiudere l’incidente le scuse di Onida e la stretta di mano pubblica di Napolitano al Presidente emerito della Consulta, dopo il suo costernato chiarimento.

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora