Monserrat Caballè: 80 anni “superba” cantante

Pubblicato il 11 aprile 2013 da redazione

ROMA  – ”Quando un cantante sente e prova veramente ciò che la musica sia, le parole vengono e suonano automaticamente vere”, ha affermato più di una volta Montserrat Caballè, considerata una delle maggiori cantanti liriche del nostro tempo e soprannominata dai fans ‘La superba’, che domani compie 80 anni.

E’ la data per la quale aveva annunciato due anni fa il suo ritiro definitivo dalle scene, che un lieve ictus l’ha costretta ad anticipare sei mesi fa, a riprova di quello che viene definito un istinto musicale infallibile, che le ha permesso, per esempio, di cantare ancora nel 2009 alla cerimonia d’apertura del torneo di tennis Davidoff a Basilea, la città che vide i suoi esordi.

Nata a Barcellona il 12 aprile 1933, vi studia per 12 anni al Conservatorio di Musica del Liceu e nel 1956 viene chiamata nella compagnia dell’Opera di Basilea, dove ha il suo debutto ufficiale nel 1957 come Mimì nella ‘Boheme’. Vi resta vari anni, ma canta anche a Vienna e nella sua Barcellona, prima del grande concerto che segna la sua fortuna internazionale, un anno dopo aver sposato nel 1964 il tenore Bernabè Marti con cui ha avuto due figli, nel 1966 Bernabè Jr. e nel 1971 Montserrat.

E’ nel 1965 infatti che le capita di sostituire Marilyn Horne indisposta nella prima ripresa moderna della ‘Lucrezia Borgia’ di Donizetti in forma di concerto alla Carnegie Hall di New York, dove desta grande sensazione con la sua interpretazione, così che viene subito chiamata quello stesso anno al Festival di Glyndebourne e al Metropolitan per essere Margherita nel ‘Faust’ di Gounod diretta da Georges Pretre. Da allora la sua carriera è tutta costellata di successi in tutto il mondo e di una popolarità crescente: debutterà alla Scala nel 1970 proprio con quella ‘Lucrezia Borgia’, dopo aver conquistato tutti al Maggio fiorentino nel 67 col ‘Pirata’ di Bellini. Da ricordare infine la sua duttilità e apertura culturale che l’ha portata, per esempio, a essere grande interprete di canzoni popolari spagnole, senza contare che nel 1988 ha registrato con Freddie Mercury, in un connubio di virtuosismo vocale, un disco che conteneva tra l’altro ‘Barcelona’, canzone usata poi dalla città per l’apertura delle Olimpiadi del 1992.

Grazie alla bellezza della sua voce è considerata da molti l’ultimo soprano assoluto, per la purezza, il controllo dell’emissione (sono celebri i suoi filati, le sue progressioni di ‘pianissimi’ che paiono un soffio) e la duttilità. Ancora nei recital degli ultimi anni è riuscita a dimostrare la continuità stilitica ed espressiva di una vocalità capace di temperare al meglio ogni asprezza drammatica e ogni accensione emotiva con una straordinaria bellezza del timbro, eleganza e scioltezza del fraseggio per i momenti tragici come per quelli di assoluta, celestiale dolcezza.

Un suo biografo italiano ha contato oltre 90 diversi autori che fanno parte del suo repertorio dal 1700 ai giorni nostri, avendo interpretato in più di 50 anni di carriera circa 130 ruoli operistici diversi, grazie a un particolare padronanza degli stili anche piu’ diversi, anche se per i fans i suoi maggiori risultati li ha raggiunti con i personaggi di Donizetti e poi quelli di Strauss. La voce di tali interpretazioni riecheggerà nel giorno di questo importante compleanno nel ricordo di quanti non smettono di amarla.

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora