MoMa Ny demolirà il Folk Museo per i suoi programmi di espansione

NEW YORK  – Il pesce grande mangia il più piccolo: succede anche nel mondo dei musei. A New York il colosso dell’arte moderna MoMA si appresta a demolire il suo piccolo dirimpettaio, il Folk Art Museum, per far spazio ai suoi programmi di espansione. Quando fu inaugurato, 12 anni fa, la sede del museo del folklore sulla 53esima strada alle spalle di Fifth Avenue era stato salutato come un raggio di speranza dopo le stragi dell’11 settembre e complimentato per le sue eleganti soluzioni architettoniche. Finire sotto le ruspe dopo solo 12 anni di vita è un record da Guinness perfino in una città in continua trasformazione come New York: al posto della palazzina che il critico del New York Times Herbert Muschamp definì all’epoca ”un’icona di Midtown”, il MoMA conta di costruire una aggiunta al di là della strada: l’edificio disegnato da William e Billie Tsien passerà alla storia con il dubbioso merito di esser stato uno dei progetti architettonici a Manhattan dalla vita più corta.

– E’ raro che un edificio così recente venga demolito, specialmente un edificio dal distinto design, che proprio per quel design, quando venne costruito, ricevette tanta pubblicità – ha commentato Andrew Dolkart, direttore del programma di conservazione urbana della Columbia University.

Il MoMa sostiene che la scelta è stata obbligata: la facciata di bronzo del Folk Museum non si intona all’estetica basata sulla trasparenza del vetro del resto del complesso ristrutturato nel 2004 dal giapponese Yoshio Taniguchi.

– Non è un commento dispregiativo sull’opera dei Tsien – ha detto Glen Lowry, il direttore del museo. Lo stesso Lowry ha informato di persona gli architetti, un gesto che Billie Tsien ha detto di apprezzare:

– Tuttavia siamo profondamente delusi: un edificio è come un figlio. Ma questa è una questione personale. L’altro motivo di dispiacere è per la perdita per l’architettura, perchè questo è un edificio speciale, di piccole dimensioni e molto curato, in un momento in cui molte nuove costruzioni sono all’insegna del gigantismo.

Il Folk Art Museum ha venduto la proprietà al MoMA nel 2011 per pagare i debiti e ha aperto una sede più piccola a Lincoln Center. Per il MoMA l’espansione completerà il campus del museo che al termine del progetto comprenderà cinque edifici tra cui un grattacielo di 82 piani in parte residenziale ancora tutto da costruire disegnato dal francese Jean Nouvel.