Brilla la Ferrari in Cina, Massa davanti ad Alonso

SHANGHAI – Ferrari padrona delle libere con Felipe Massa ancora più veloce di Fernando Alonso.
Sul circuito di Shanghai il pilota brasiliano griffa il miglior tempo assoluto mettendo la sua F318 numero 4 davanti a tutti in 1’35”340, 1,52 decimi meglio del finlandese della Lotus Kimi Raikkonen e 4,15 decimi sul compagno di scuderia spagnolo.

“Ho fatto un tempone con le soft – ha detto il paulista al termine delle prove – ho avuto da subito un buon feeling con la macchina e anche se all’inizio non ero completamente soddisfatto per il comportamento della mescola media e non eravamo veloci come i nostri avversari, i tempi erano comunque buoni. Quando ho montato le soft la macchina è migliorata molto e questo mi ha permesso di segnare il miglior tempo della giornata”.

Oltre alla bella prestazione di Massa a stupire sulla pista di Shanghai anche il divario prestazionale fra le due mescole che ha fatto segnare tempi molto diversi, sia nelle prime prove che nelle seconde.

Nella prima sessione il brasiliano aveva fatto registrare, con le medie, 1’38”095, finendo al settimo posto.

“E’ stato impressionante – ha detto Massa – esattamente come guidare due macchine differenti. Come passo di gara siamo stati competitivi, la macchina si è comportata bene con entrambe le gomme e il degrado non è stato eccessivo, anche se la maggiore usura delle Soft rispetto alle Medium costituirà un fattore determinante nella scelta della strategia. Mi sento fiducioso e spero che il fine settimana continui in questa direzione”.

Per le gomme soft si è trattato del debutto stagionale, così come per alcuni accorgimenti tecnici sperimentati sulle Ferrari. Le due settimane di tempo dall’ultimo gran premio, quello di Sepang, ha permesso ai tecnici del Cavallino Rampante di mettere a punto alcune migliorie testate ieri.

“Abbiamo completato – ha detto ai giornalisti il direttore tecnico della Ferrari Pat Fry – il programma previsto senza particolari problemi, fatto estremamente positivo per il prosieguo del weekend. Al mattino ci siamo concentrati sull’analisi di alcune novità aerodinamiche portate qui a Shanghai. I primi dati ci dicono che abbiamo avuto ragione, ma dobbiamo valutare più attentamente tutti i risultati, per capire quali usare”.

Per Fry comunque l’incognita restano le gomme, dal momento che le soft hanno lasciato molti resti sulla pista, segno del degradamento veloce. Il direttore tecnico ha detto che Alonso è riuscito a trovare più tardi di Massa, ma che non ha problemi particolari. Già, Alonso. Non siamo ai livelli della querelle Vettel-Webber, ma l’asturiano sembra molto teso, per i risultati della sua vettura da quattro qualifiche dietro quella di Massa. Certo, si parla di qualifiche, è ancora presto per dare risultati definitivi. Ma la pressione su Alonso è parecchia. Giovedì ha detto sarcastico ai giornalisti che lui sta perdendo i capelli, non mangia e non dorme per la paura di Felipe. Il brasiliano dal canto suo ha detto che rispetta ordini di scuderia se sono intelligenti: cioé se non arrivano alla terza gara. Qualcuno potrebbe obiettargli che i punti per la vittoria del campionato si accumulano anche alla terza gara. Lo spagnolo è uscito di corsa dai box dopo la seconda sessione e si è chiuso negli uffici.

Oggi e domenica soprattutto, dovrà dimostrare di avere un altro feeling con la sua monoposto e di poter stare davanti anche al suo compagno di squadra ormai completamente ritrovato.

Condividi: