Potolicchio inizia una nuova stagione nel mondiale di Endurance

CARACAS – Si apre la stagione 2013 del grande endurance targato Le Mans con la 6 ore di Silverstone. Al via il mondiale endurance promosso dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) e la rinata European Le Mans Series.

Scatteranno questo week end dal circuito inglese i due campionati per sport-prototipi e GT; essi condivideranno l’apertura stagionale pur rimanendo divisi. La gara avrà come protagonista l’italo-venezuelano Enzo Potolicchio a bordo di una Ferrari 458 della categoria LMGTE-AM.

Il driver di origini siciliane difenderà i colori del team ‘8star MotorSport’, una scuderia esordiente con base in Florida, negli Usa, che lavora insieme alla ‘AF Corse Italia’, e con l’unica missione di andare all’assalto del titolo di campione del mondo. Il campionato a cui parteciperà Potolicchio è composto di otto tappe che si svolgeranno in Europa, Asia ed America.

Ricordiamo che nella passata stagione il pilota, di padre palermitano, ha ricevuto da parte della Fia il premio come miglior rookie della stagione 2012, grazie all’ottima prestazione nella categoria LMP, portando il suo team alla vittoria finale. Nel 2013, Potolicchio spera di bissare la vittoria della passata stagione e diventare il primo pilota che si laurea campione in due anni di seguito in categorie diverse.

Le gare saranno infatti due, e non una sola, come succedeva in passato, a causa dei differenti format ora in uso. Il mondiale FIA ammette al via anche le LMP1, oltre che alle LMP2 e alle GT e si disputa su gare di sei ore, mentre la Le Mans Series ha escluso i prototipi della classe top accorciando le gare a tre ore. Vi saranno dunque alcuni equipaggi che prendendo parte ad entrambi i campionati disputeranno due gare (per un totale di 9 ore) in un unico week end. A questa prova con l’Aston Martin figura anche l’ex pilota di F1 Bruno Senna, nipote del mitico Ayrton.

Nell’edizione 2012, il pilota caraqueño ed il suo team hanno tagliato il traguardo in seconda posizione alla 6 ore di Silverstone con un prototipo Honda HPD ARX-03b insieme allo scozese Ryan Dalziel e il francese Stephane Sarrazin. La categoria LMGTE Am combina piloti con una patente Silver, Gold e Platinium, a differenza della classe LMGTE Pro dove ci sono piloti della categoría maggiore.

“Abbiamo buone sensazioni per il nostro esordio nella classe GTE Am – spiega Potolicchio – Sono momenti emozionanti per il nostro team (8Star ndr) e siamo contenti anche per l’accordo che abbiamo raggiunto con l’Af Corse. Il nostro ingegniere è molto bravo e poi in squadra abbiamo degli ottimi piloti. Solo possiamo puntare alla vittoria, sono molto ottimista in vista della stagione che partirà questo weekend. Per me sarà un’esperienza diversa nella categoria GTE-Am, adesso dovremo stare attenti alle monoposto della LMP1 e LMP2 che sono molto veloci. Peró rispetto alla passata stagione, ho il vantaggio di conoscere i circuiti. La Ferrari 458 Italia è una macchina che mi piace molto ed ha una guida facile. Se non abbiamo inconvenienti dovremo salire sul gradino più alto del podio, anche se in questo 2013 la nostra meta è vincere a Le Mans”.

Potolicchio in questa stagione avrà come compagni di squadra il portoghese Rui Aguas e l’austriaco Phillipe Peter, specialisti della categoria Grand Turismo, questo tridente di piloti nei test svolti in Francia sul mitico tracciato di Paul Richard ha stupito tutti segnando il miglior tempo, dopo aver completato circa 1300 km.

La 6 ore di Silverstone partirà domenica a mezzogiorno, mentre le prove libere inizieranno oggi con due sessioni di 90 minuti. Per domani è attesa la prova ufficiale che durerà un’ora e servirà per stabilire la definitiva griglia di partenza.

Fioravante De Simone