Il Venezuela attende i risultati delle elezioni per il nuovo Presidente

Pubblicato il 14 aprile 2013 da redazione

CARACAS:- Una giornata importante, quella che si è svolta oggi in Venezuela, importante per la sua democrazia e importante per il suo futuro.

A pochi mesi dalle passate elezioni presidenziali che si sono svolte lo scorso 7 ottobre e che avevano riconfermato Hugo Chávez alla Presidenza, di nuovo i venezuelani sono stati chiamati alle urne a seguito della scomparsa del Presidente Chávez avvenuta lo scorso 5 marzo.

Due i candidati più importanti, Nicolás Maduro per il governo ed Henrique Capriles Radonsky per la coalizione dei partiti dell’opposizione, due candidati che hanno avuto solo 10 giorni per presentare le loro proposte elettorali. L’affluenza è stata molto alta, simile a quella delle elezioni dello scorso 7 ottobre, quando si era attestata ad un 80,56 per cento, e ancora una volta  il popolo venezuelano ha mostrato la sua grande voglia di democrazia e il suo senso civico. Nonostante ciò non sono mancati momenti di tensione a causa di gruppi che hanno cercato di seminare timore tra i votanti e in alcuni casi sono state denunciate irregolarità di diverso tipo. Secondo un’informazione data dal generale Wilmer Barrientos, Capo del Comando Strategico Operativo, 43 persone sarebbero detenute per essere incorse in delitti elettorali.

I seggi che non avevano persone in fila in attesa di votare avrebbero dovuto essere chiusi alle 18,30. In realtà quasi nessuno ha sospeso le proprie attività a quell’ora e a pochi minuti dalle 20 solo il 54 per cento dei seggi aveva trasmesso i dati alla sala di totalizzazione del Centro Nazionale Elettorale.

Nell’attesa dei primi risultati i responsabili della campagna dei due gruppi ha dato dichiarazioni in conferenza stampa. Entrambi hanno detto che avrebbero riconosciuto la vittoria dell’altro qualora fosse risultata anche per un solo voto di differenza, ma entrambi hanno anche detto che avrebbero difeso con ogni mezzo la propria vittoria. Intanto il portavoce del candidato Nicolás Maduro ha invitato gli elettori a dirigersi verso il Palazzo di Miraflores, sede della Presidenza, per aspettare il nuovo Presidente mentre gli altri chiedevano alle persone di restare davanti ai seggi per difendere la trasparenza del voto.

Nell’aria si respirava grande nervosismo e molta aspettativa da parte di tutti. Un’aspettativa particolarmente ansiosa dal momento che negli ultimi anni la spaccatura tra due diverse visioni del paese si è acuita enormemente seminando odi e rancori che toccherà al nuovo Presidente cercare di ricucire.

Alle 20,41 il Console Giuseppe Davoli ha lanciato un twitter invitando i connazionali a “restare in casa nel corso della serata e della notte e attenersi alla massima prudenza”.

Intanto alle 21,30, alcune fonti indicano che non sarà dato nessun bollettino ufficiale fino a che non saranno contati anche i voti dei venezuelani residenti all’estero. Questo dato lascia intendere che la differenza tra i due candidati è davvero molto scarsa tanto che i voti dei venezuelani all’estero potrebbero definire il risultato finale.

 

Ultima ora

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

Archivio Ultima ora