La Ferrari pensa già al Bahrain

SHANGHAI – Il tricolore torna a sventolare insieme alla bandiera della Ferrari su Maranello, ma per gli uomini in Rosso non c’é tempo di cullarsi sugli allori per il trionfo in Cina di Fernando Alonso. Incassati i complimenti del presidente Luca di Montezemolo, la Gestione sportiva della scuderia del Cavallino Rampante è già al lavoro per preparare il Gran Premio del Bahrain di domenica prossima.

“Complimenti a tutti per la bellissima vittoria conquistata con una macchina competitiva. Sono felice per tutti voi, che meritate un giusto premio per il lavoro fatto. Sappiamo dove migliorare, sappiamo che sarà un campionato lungo e difficile ma vogliamo essere protagonisti. Continuiamo così, con ancora più impegno e determinazione e arriveranno altre soddisfazioni. Grazie a tutti voi”.

Tra pochi giorni sarà già tempo di tornare in pista sul tracciato di Al Sakhir e tutti i meccanici della Ferrari hanno lavorato fino a notte inoltrata per la preparazione delle casse che trasportano le due F138, ora in viaggio verso il Medio Oriente. La buona prestazione nel Gp DI Cina – assicurano A Maranello – non ha fatto calare la concentrazione di tutti i componenti della squadra, ma è servita come un’ulteriore spinta motivazionale a dare sempre il massimo in vista dei prossimi impegni. Dopo le prime tre gare della stagione è emersa in modo chiaro l’elevata competitività generale del campionato. Classifiche alla mano, i numeri dicono che ben quattro squadre puntano al massimo risultato, una rosa più ampia rispetto ai valori visti sul campo nel 2012. La vittoria a Shanghai conferma la Scuderia Ferrari in questo gruppo, con la consapevolezza di poter lottare su tutti i fronti, ma anche di dover proseguire con la stessa concentrazione dimostrata in questo avvio di stagione mantenendo alto il ritmo di lavoro in pista e a Maranello.

“Domenica c’è il Bahrain e sarà una gara difficile – ricorda il responsabile della gestione sportiva della Ferrari, Stefano Domenicali – Diverse squadre hanno dimostrato continuità. Questa in Cina è stata solamente la terza gara e tra pochi giorni saremo già in pista per affrontare una nuova sfida in Bahrein. In questo inizio di campionato è più difficile che mai fare un’analisi precisa dei valori in campo: tra qualifica e gara abbiamo visto prestazioni altalenanti tra le varie squadre, dobbiamo quindi concentrarci al massimo per migliorare la vettura sul giro in qualifica e mantenere allo stesso livello il rendimento visto sulle lunghe distanze”.

Nessuno però vuole fare previsioni ne parlare degli altri, ma si guarda soprattutto alla Mercedes, alla sua regolarità e al suo sistema di sospensioni che in alcune situazioni aiutano nella migliore gestione delle gomme.

“Complessivamente – ha spiegato Pat Fry, direttore tecnico della Ferrari – le F138 hanno dimostrato di avere un buon ritmo e possiamo dirci soddisfatti. Ora però dobbiamo subito voltare pagina e concentrarci sulla gara in Bahrain, perché consapevoli del fatto di dover lavorare ancora molto sulla prestazione in qualifica se vogliamo sfruttare al massimo il passo in gara”.

Condividi: