La difficile ereditá del “comandante Chávez”

Pubblicato il 15 aprile 2013 da redazione

CARACAS:- Il mandato di Nicolás Maduro parte tra forti tensioni. La presidentessa del CNE, Tibisay Lucena lo ha proclamato Presidente nonostante la richiesta dell’altro candidato Henrique Capriles Radonsky di attendere il riconteggio delle schede. Non solo, durante la cerimonia di proclamazione, Tibisay Lucena ha pronunciato un duro discorso nel quale ha contestato Capriles, accusato dai chavisti di tramare ”un golpe” e definendo inoltre ”una ingerenza” la presa di posizione degli Usa, che avevano sostenuto la richiesta di una verifica indipendente delle schede. Ma un messaggio analogo era arrivato anche dall’Organizzazione degli Stati Americani (OSA),  a nome della quale il segretario generale  José Miguel Insulza, ha messo invano a disposizione di Caracas una ”squadra di esperti elettorali internazionali, dotati di prestigio e ampia esperienza”.

Nel suo intervento dopo la proclamazione, lo stesso Maduro ha accantonato gli inviti alla pacificazione del suo primo discorso e ha attaccato a muso duro Capriles, che – a suo dire – porterebbe avanti ”un progetto borghese di natura imperialista”.

Le reazioni non si sono fatte attendere. Prima é partito un “cacerolazo”, poi alcune persone sono scese in strada al grido di “frode, frode” e sono state respinte dai lacrimogeni della polizia.

Più tardi, alle 20, è partito un altro fortissimo cacerolazo che è durato più di un’ora in tutto il paese. I due leader, sia Capriles che Maduro, hanno esortato alla calma ma al tempo stesso hanno chiesto ai rispettivi simpatizzanti di partecipare a cortei e manifestazioni in programma per i prossimi giorni. Le accuse da una parte e dall’altra sono dure e la tensione è altissima. La rabbia potrebbe sfociare in violenza e ciò acuirebbe ulteriormente le divisioni tra venezuelani. La profonda mancanza di fiducia nell’imparzialità del Consiglio Nazionale Elettorale acuisce il senso di frustrazione nelle fila dell’opposizione e, come hanno detto anche alcuni osservatori internazionali. solamente una verifica dei voti può dirimere ogni dubbio e riportare la calma nel paese.

Nicolás Maduro avrebbe vinto con uno scarto dell’1,77 per cento di differenza sul suo contendente, il candidato dell’opposizione Capriles Radonsky.

Ma, secondo la coalizione dei partiti e movimenti dell’opposizione riuniti nella Mesa de la Unidad (MUD)  i conti non tornano e con toni energici e grande fermezza Capriles ha chiesto il riconteggio di tutti i voti scrutinati. In pratica si vuole verificare la corrispondenza tra il voto elettronico e quello cartaceo.

L’unico dato certo é che l’esito delle elezioni ha messo in evidenza la dolorosa lacerazione della societá venezuelana e il neo Presidente Maduro dovrá tener conto sia di questa spaccatura che delle crepe, sempre piú evidenti, all’interno del suo stesso schieramento. La sua candidatura, fortemente voluta da Chávez non era stata digerita facilmente da altri uomini forti del partito, in particolare dall’attuale Presidente dell’Assemblea Nazionale Diosdato Cabello.

Il futuro appare come una strada tutta in salita per Maduro che, finita la bagarre della campagna elettorale,  dovrá ora dimostrare di essere all’altezza della fiducia riposta in lui dall’estinto Capo di Stato.

I margini di errore che puó permettersi sono minimi perché un suo passo in falso potrebbe mettere in crisi l’intero impianto ideologico dell’ex Presidente e causare un’implosione all’interno del chavismo.

Il giornalista e saggista Angel Cañizales ha detto: “Ora bisogna capire se il socialismo “bolivariano” rappresenta un progetto fattibile nel paese a medio-lungo termine”. E ha aggiunto: “In passato l’opposizione aveva fatto importanti passi avanti ma non era mai era riuscita a penetrare nella base del chavismo. Questo é invece quanto é avvenuto domenica ed é chiaro che si tratta di una svolta. É un chiaro segnale che nel paese é in corso un mutamento politico significativo”.

M.B.

Ultima ora

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

Archivio Ultima ora