Obama: un atto atroce e codardo

Pubblicato il 16 aprile 2013 da redazione

NEW YORK. – Alla fine Barack Obama ha detto ció che fin dal primo momento era chiaro a tutti: le bombe di Boston sono un atto di terrorismo. Un atto ‘’atroce e codardo’’, ha scandito in diretta tv, rivolgendosi a un’America sconvolta. Ammonendo come ‘’gli americani non si faranno terrorizzare’’. Ma ammettendo anche come ancora si sappia poco: la matrice della strage resta incerta e si lavora incessantemente per avere le tante risposte che mancano. A piú di 24 ore dalle esplosioni che hanno insanguinato la piú antica maratona dell’era moderna – causando almeno tre morti tra cui Martin, un bimbo di 8 anni, e 176 feriti, di cui 9 bambini – è la stessa Fbi a sottolineare come sia ancora troppo presto per tirare delle conclusioni. Cosí le indagini vanno avanti a tutto campo. Si seguono tutte le piste, da quella interna a quella legata al terrorismo internazionale. O all’azione di un ‘lupo solitario’, di un folle alla Breivik.

Le uniche certezze che sembrano emergere sono il numero delle bombe – solo le due esplose a distanza di 12 secondi, senza altre inesplose come si era creduto in un primo momento – e il tipo di ordigni utilizzati: artigianali, realizzati con delle pentole a pressione e confusi con la spazzatura dentro zainetti o borsoni. Il loro effetto – come hanno raccontato i medici che hanno in cura i tantissimi feriti – sono stati devastanti. Almeno dieci le amputazioni alle gambe. Nei corpi delle tantissime persone colpite, almeno 17 in gravi condizioni, sono stati estratti decine di chiodi e schegge di metallo.
Alcuni simboli portano a una pista interna: gli anniversari pesanti di metá mese. 19 aprile 1993, il raid di Waco dell’Fbi contro la setta dei Brach Davidians che provocó almeno 75 morti tra cui 25 bambini. Due anni dopo lo stesso giorno Oklahoma City: 168 morti, 800 feriti nell’esplosione all’Alfred Murrah Federal Office provocata da Timothy McVeigh e Terry Nichols, due estremisti bianchi. E poi il 20 aprile 1999, la strage nella scuola di Columbine in Colorado: la data della sparatoria, forse solo una coincidenza, cadeva nel giorno del compleanno di Hitler. Lunedí scorso, mentre le due bombe artigianali esplodevano sulla finish line della Boston Marathon, negli Stati Uniti era Tax Day, il giorno della presentazione della denuncia dei redditi. E Boston, la cittá piú liberal d’America, è anche il luogo della ‘rivolta del te’ contro i balzelli imposti oltre due secoli fa da Sua Maestá britannica ai coloni.

Proprio lunedí in tutto il Massachusetts si celebrava il Patriot’s Day, la festa statale che ricorda gli anniversari delle battaglie di Lexington e Concord, le prime della rivoluzione americana. Una vacanza per tutti, che spiega il fatto che tra il pubblico della maratona ci fossero tanti bambini. Ed è forse anche un caso che l’ultimo miglio della gara fosse stato dedicato dagli organizzatori a Newtown, la cittadina del Connecticut teatro della strage a scuola dello scorso dicembre che ha rilanciato negli Usa il dibattito sulle armi facili: 26 morti tra cui 20 bambini nel primo massacro per il presidente Obama dopo la rielezione alla Casa Bianca.

Intanto anche la pista internazionale é seguita con grande attenzione e gli investigatori passano al setaccio tutti i video delle telecamere di sorveglianza della zona, nella speranza di trovare anche un solo dettaglio che possa imprimere una svolta alla caccia agli attentatori.

E in un Paese letteralmente sotto shock, si moltiplicano i falsi allarmi. All’aeroporto newyorkese di Laguardia è stata ordinata l’evacuazione del terminal centrale per un pacco sospetto. Mentre al Logan di Boston si è temuto per un bagaglio a bordo di un volo arrivato da Filadelfia. ‘’Ma non c’è alcuna indicazione di ulteriori minacce’’, assicura l’Fbi. Anche se il livello di allerta in tutte le principali cittá Usa – da New York a Washington e Los Angeles – resta elevatissimo. Restano a mezz’asta tutte le bandiere degli edifici pubblici, a partire dalla Casa Bianca, per una strage che fa ripiombare l’America nel terrore. Solidarietá per le vittime è arrivata da tutto il mondo. Da Roma, Giorgio Napolitano e Mario Monti hanno inviato messaggi di cordoglio e ‘’sdegno’’ al presidente Obama: l’attacco a Boston, ha scritto tra l’altro il capo dello Stato, è ‘’un potente monito’’ anche per l’Italia.

Ultima ora

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

Archivio Ultima ora