Troppa violenza nell’aria

Pubblicato il 16 aprile 2013 da redazione

CARACAS:-  Nicolás Maduro e Capriles Radonsky non conoscono tregua. Piovono le accuse da una parte e dall’altra in un dialogo tra muti. Intanto il clima si arroventa e la rabbia, la frustrazione degli sconfitti non si placa così come non accennano a placarsi la rabbia e la frustrazione di chi sente che ha vinto e vorrebbe che si riconoscessero i risultati elettorali.

Il Presidente Nicolás Maduro durante una trasmissione a reti unificate ha accusato Capriles di voler destabilizzare il paese, di cercare la violenza per ricreare il clima del 2002 e come allora tentare un colpo di stato. Con toni che non cercano nessun punto di incontro con il suo contendente, Maduro ha rivolto a Capriles parole minacciose e ha fatto anche tintinnare le manette. Il presidente eletto ha detto che Capriles e i suoi stanno ”attizzando fuochi di violenza, come in Siria e in Libia”, avvertendo che ”i responsabili di queste violenze finiranno in carcere”. Giá in mattinata Diosdato Cabello, Presidente dell’Assemblea Nazionale, aveva chiesto di perseguire penalmente Capriles per incitazione alla violenza e aveva lanciato pesanti accuse contro di lui via twitter: ”Capriles, fascista, mi assicureró personalmente che tu paghi per il danno che stai causando alla Patria e al nostro Popolo”, ha scritto e il ministro degli Esteri, Elias Jaua, ha rincarato la dose sostenendo che ”da ieri l’opposizione venezuelana ha cessato di essere democratica”.

La risposta di Capriles non si é fatta attendere. Dopo aver convocato una conferenza stampa con i giornalisti internazionali ha spiegato che l’unica sua richiesta é quella di un riconteggio dei voti. In pratica di controllare la corrispondenza dei voti elettronici con la ricevuta cartacea e di verificare le denunce di irregolaritá emerse durante il processo elettorale. Poi in maniera molto categorica ha chiesto ai suoi simpatizzanti di non cadere in provocazioni, di non uscire in strada a manifestare e ha annullato il corteo previsto per oggi a Caracas. D’altra parte il Presidente Maduro aveva giá detto che quel corteo, che avrebbe dovuto arrivare fino alla sede del Consiglio Nazionale Elettorale, non sarebbe stato permesso.

Nella giornata di ieri, in altre cittá del Venezuela molti simpatizzanti di Capriles si erano recati ai rispettivi uffici del CNE per chiedere la verifica dei voti delle passate elezioni. E oggi toccava ai seguaci di Capriles a Caracas.

Ma alla luce delle parole di Maduro, della violenza delle scorse ore e della mancanza dei permessi necessari per realizzare un corteo, il leader dell’opposizione si é rivolto con grande risolutezza ai suoi: “Il corteo di domani é sospeso. Nessuno deve uscire in strada a protestare. Chi lo fa non vuole aiutarmi ma fa il gioco del governo”. La conferenza stampa non era ancora finita quando é stata interrotta da un programma a reti unificate di Nicolás Maduro.

La totale mancanza di comunicazione tra i due leader rende la situazione molto complicata e pericolosa.

Se dal canto suo Maduro ha la possibilitá di bloccare indiscriminatamente i programmi televisivi per mandare in onda sue trasmissioni, Capriles ha convocato per due sere consecutive il “cacerolazo” che alle 20 in punto é rimbombato dalle finestre, dai balconi e dalle strade non soltanto nelle zone di classe alta e media ma anche in quelle più popolari. Il “cacerolazo” in America Latina é diventato un segno di protesta che non ha colore nonostante la sua triste nascita, in Cile, quando ha anticipato la fine di Allende e l’avvento dei militari con Pinochet. E’ una sorta di catarsi collettiva che in un certo senso aiuta a scaricare tensioni e a dare un’immagine “sonora” dello scontento di fette di popolazione.

Rappresentano forse la protesta più “pacifica” anche se significativa. Ma sono un sintomo di rabbia e quando la rabbia scende in strada allora la situazione diventa pericolosa.

E’ quanto é accaduto in Venezuela lo scorso lunedi, primo giorno dopo le elezioni. Secondo i dati emessi dal Procuratore generale della Repubblica le proteste avrebbero lasciato il macabro saldo di 7 morti, 61 feriti e 135 detenuti. Ecco perché Capriles, il giorno seguente ha esortato tutti a restare in casa pur chiedendo di protestare ancora una volta battendo sulle pentole il proprio malcontento.

M.B

 

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora