La fine amara di un settennato durissimo

Pubblicato il 17 aprile 2013 da redazione

ROMA – Un’uscita di scena felpata, come tutti si aspettavano da un presidente mai sopra le righe, scrupoloso nel lavoro e garbato nei modi; un uomo tutto d’un pezzo del novecento, merce rara per questo sguaiato inizio millennio. Giorgio ‘l’inglese’ – un comunista d’esportazione, volto ideale per sdoganare all’estero il vecchio Pci – lascia in questi giorni il Quirinale dopo sette anni durissimi, tra il plauso ovvio degli amici e la stima costruita nel tempo degli avversari. E lo fa con il consueto stile che ne ha caratterizzato il settennato: ”tutto quello che avevo da dare l’ho dato”, ha detto con semplicitá nei giorni scorsi. ”Sette anni al Colle bastano e avanzano e un bis non é stato pensato dai padri costituenti”, ha risposto Giorgio Napolitano a quanti ancora reclamavano la sua permanenza salvifica al Quirinale, quasi a voler cristallizzare il tempo ed esorcizzare i troppi problemi da affrontare. Primo dirigente comunista ad ottenere il visto per gli Stati Uniti, ammiratore della cultura anglosassone, ottima padronanza dell’inglese, Napolitano lascia un Quirinale che si erge sulle macerie della politica, forte e rispettato come mai nel passato, autorevole nella sua proiezione internazionale. Un anziano presidente aperto al nuovo, attento ai diritti civili, progressista e convinto dell’universalitá dell’etica e della morale. Un laico, seppure interessato ai problemi dell’anima come spiegó cercando di definire il profondo rapporto che costruí con papa Ratzinger. Si é battuto per la dignitá dei detenuti nelle carceri e si é speso per valorizzare il ruolo delle donne. Ha rischiato personalmente nel delicatissimo caso Englaro, resistendo alle spallate del centrodestra e agli anatemi degli ambienti cattolici piú conservatori. Pragmatico, ha di recente lodato il ”coraggio” di Berlinguer nell’aprirsi al compromesso storico del 1976, proponendolo come modello di larga intesa al Pd di oggi. ‘Re Giorgio’, come lo definí il New York Times accostandolo – per la sua strenua difesa della Costituzione – a Giorgio VI, il sovrano divenuto simbolo della resistenza britannica ai nazisti. Il presidente di Napoli a giorni lascia per tornare alla sua vita, sempre in compagnia della moglie Clio. Lui cosí poco ‘napoletano’ nel senso popolare del termine: un presidente riservato che al Colle – al di lá del suo stretto entourage – quasi non conoscono. Né ciarliero né estroverso, ‘Giorgio il migliorista’ quasi volava nei corridoi del Quirinale dove – in veritá – di rado appariva. E quando appariva molti lo temevano, per la sua scrupolositá che a tratti sconfinava in una pignoleria incapace di delegare. Primo presidente comunista, ha iniziato il settennato grazie all’astensione del Pdl tra le perplessitá dei suoi ‘compagni’. Una partenza difficile. Ma Napolitano ha impresso un ritmo da fondista, bipartisan, senza sbavature. Tanto da guadagnarsi l’attenzione dell’opposizione. Seppe, lentamente, conquistare anche i cittadini interpretandone i sentimenti piú genuini, come quando lo si vide a Berlino gioire – sempre con quel suo understatement tutto british – per la vittoria degli azzurri. Certo, re Giorgio non é stato quella forza della natura che fu Sandro Pertini. Il presidente che fece impazzire il Paese con uno scopone giocato con Bearzot, Causio e Zoff sull’aereo che riportava a casa gli indimenticabili campioni del mondo del 1982. Il suo carattere riservato non gli ha impedito peró di ingaggiare durissime battaglie, come nel 2011 con Berlusconi messo alle corde dalla speculazione e gli scandali sessuali. Un braccio di ferro che costrinse il cavaliere a fare un passo indietro lasciando palazzo Chigi a Mario Monti. I critici parleranno di Repubblica presidenziale e di interpretazione estensiva delle sue prerogative. I sostenitori la giudicheranno una mossa determinante per evitare il collasso del Paese. Nonostante questo, é stato spesso criticato proprio a sinistra, dove in tanti non hanno gradito il suo ‘via libera’ a provvedimenti Pdl quali, ad esempio, il lodo Alfano. Filo conduttore della sua azione è stato il dialogo fra le forze politiche. I primi due anni li ha passati curando il traballante governo Prodi. Fino alla sua caduta e al ritorno del Cavaliere a palazzo Chigi. I successivi tre anni si consumano nel tentativo di arginare l’attivismo di Berlusconi. In realtá non fece grossi ‘sconti’ al centrodestra, ma preferí l’arma della ‘moral suasion’ a quella del rinvio dei provvedimenti alle Camere. Paradossalmente é proprio con la nascita del Governo tecnico (considerato il suo capolavoro politico) che si apre la fase piú difficile: evitato il burrone della crisi, l’Italia non riesce a schivare quello della recessione. L’immagine del governo ‘tecnico’ a poco a poco si sbriciola. Il Pdl lo molla e Monti si dimette, contro il parere del presidente. Non solo, decide di ‘salire in politica’. Napolitano, inutilmente, lo sconsiglia. I loro rapporti personali escono incrinati. Poi, i risultati elettorali, lo stallo politico e le critiche per l’iniziative dei saggi, regalano a Napolitano una conclusione ”amara”. Ma tutto ció é stato nulla in confronto allo sgomento provato quando fu coinvolto nei veleni della trattativa tra Stato e mafia. ”Una campagna violenta e irresponsabile”, disse quando Loris D’Ambrosio, uno dei suoi piú stretti consiglieri morí per un infarto. Era stato intercettato mentre parlava con l’ex presidente del Senato, Nicola Mancino, imputato dalla procura di Palermo. Intercettazioni arrivate fino allo stesso Napolitano che a quel punto decise di aprire un inedito conflitto di attribuzione – poi vinto – contro i giudici di Palermo”.

Ultima ora

06:52Usa: elezioni Alabama, vince democratico Jones

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Doug Jones vince le elezioni in Alabama per un seggio al Senato americano. La vittoria del democratico e' uno schiaffo per il presidente Donald Trump, che aveva appoggiato il candidato Roy Moore nonostante la controversia sollevata dalle accuse di molestie sessuali. Duro colpo anche per il partito repubblicano che perde un prezioso voto al Senato, dove deteneva una maggioranza gia' limitata a 52 seggi su 100. "Il popolo dell'Alabama ha piu' in comune di cio' che lo divide. Abbiamo mostrato non solo all'Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti", ha dichiarato Jones dopo la vittoria. Trump reagisce su Twitter all'esito del voto, mostrando fair play e congratulandosi con Jones: "I repubblicani avranno un'altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!".

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

Archivio Ultima ora