I Borghi autentici dell’Abruzzo

L’Abruzzo è una regione dell’Italia peninsulare, compresa tra l’Adriatico e l’Appennino centrale. Suo capoluogo è L’Aquila. Occupa una superficie di 10.763 km² e ha una popolazione di 1.342.366 abitanti. È diviso in quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara eTeramo. Confina a nord con le Marche, ad est con il mare Adriatico, ad ovest con il Lazio e a sud con il Molise. L’Abruzzo conta 250 piccoli comuni pari all’ 82% dei 305 comuni abruzzesi. I residenti nei p.c. sono 363.546, pari al 27,2% della popolazione regionale.

Campo di Giove Aquila
Apprezzata soprattutto per la posizione naturale e come località turistica, Campo di Giove tradisce già nel nome un’origine antichissima. E’ una delle maggiori realtà turistiche di montagna nel territorio della Comunità Montana Peligna e in Abruzzo.

Campo di Giove sorge a ridosso del valico tra la Majella e il Morrone e deve la sua fortuna ad una posizione geografica invidiabile e ad una buona struttura di collegamenti. Dotato di impianti di risalita e piste per gli sport invernali, comprende nel suo territorio anche magnifici ambienti montani da visitare durante il periodo estivo: vasti boschi di faggi, aceri, lecci, pini, betulle e frassini. Un territorio intriso di gole e balze rocciose, di valloni scoscesi e di altipiani sconfinati.

E’ un centro molto aperto e soleggiato che consente nelle giornate serene una ottima visibilità del Gran Sasso, del Monte Sirente, del Monte Velino e della Valle Peligna.

Il territorio è ricompreso nel Parco Nazionale della Majella ed è caratterizzato dalla presenza di lussureggianti faggete secolari che in autunno si dipingono dei tipici colori autunnali, da boschi profumati in cui si possono raccogliere funghi, frutti di bosco, fragoline e nocciole e da percorsi pianeggianti che si prestano a passeggiate, equitazione, mountain bike, escursioni guidate nel parco organizzate dal Centro di Escursionismo Montano.

Canistro Aquila
La Valle Roveto contiene elementi gelosamente custoditi da una natura pressochè incontaminata, preservata come tale dalla sapienza dei nostri avi. Un attento osservatore saprebbe cogliervi, all’interno, tutti quei componenti necessari alla costruzione, una tessera via l’altra, di un quadro denso di storia, cultura, tradizioni, costumi, animato infine dallo stile di vita della gente di Canistro.

Canistro è il Comune più settentrionale di Valle Roveto, la sua posizione geo-morfologica è dovuta ai sistemi di difesa che si era soliti adottare nel Medioevo.

Ricchezza del paese sono le sorgenti di acqua, note sul mercato come “Acqua Santa Croce” che rendono il Parco Sponga un angolo di terra incantato, dove molti amano trascorrere del tempo immersi in una miscela di colori, profumi, aria salubre e fra lo scroscio tranquillo e senza tempo delle acque. Canistro è circondato dal verde e da folti boschi di castagneti con piante secolari i cui frutti sono di una qualità superiore, la cosiddetta castagna roscetta.