“Re Giorgio” giura e bacchetta i partiti

Pubblicato il 22 aprile 2013 da redazione

ROMA – Giorgio Napolitano giura da presidente della Repubblica e lancia un pesantissimo j’accuse ai partiti ”sordi” e incapaci di collaborare nell’interesse del Paese. Bacchettate che il Parlamento accoglie con gli applausi di chi dovrebbe sentirsi ferito da quelle accuse (Pd e Pdl in particolare) e dall’indifferenza di quanti quegli appelli li hanno fatti diventare i loro slogan elettorali (i ‘grillini’ rimasti ostentatamente in piedi per deferenza, ma immobili). Un paradosso spiegabile solo nel marasma in cui versa la politica, costretta ad incoronare per la seconda volta ‘Re Giorgio’.

Il presidente della Repubblica legge un discorso fitto di critiche e allarmi, ma anche di auspici e di una (seppur flebile) speranza. Si ferma spesso per la commozione. Spiega di aver accettato controvoglia e costretto dallo ”stallo fatale” in cui la politica ha cacciato il Paese. Sottolinea come sia arrivata l’ora di trovare ”intese condivise”, superando le ”sordità” del passato. Altrimenti, aggiunge minaccioso, ”non esiterò a trarne le conseguenze dinanzi al Paese”. Un implicito, ma chiarissimo, riferimento a quell’arma che ora, dopo la rielezione, ha di nuovo nella fondina: il potere di scioglimento anticipato delle Camere, vissuto come un incubo da molti parlamentari.

L’analisi di come si sia arrivati allo stallo è impietosa: parla di ”guasti, chiusure e irresponsabilità”. Cita ”l’omissione” che gli brucia di più perchè ”imperdonabile”: la fallita riforma della legge elettorale. Non fa sconti a nessuno: nemmeno ai parlamentari di M5S che invita a cercare il confronto in Parlamento e non nelle piazze. Perchè la Rete, pur offrendo enormi potenzialità, non può sostituire ”partiti o movimenti”. Con gli altri partiti Napolitano non è meno duro. Anzi…

– Basta tatticismi e proteste sterili – avverte facendo trasparire l’urgenza del momento a causa della crisi economica. Parole che sembrano dirette soprattutto ai parlamentari del Pd, i più incerti sull’appoggio ad un governo con il Pdl.

Larghe intese che invece Napolitano ritiene necessarie perchè ”è ora di fare i conti” con i risultati del voto che ”indicano tassativamente la necessità di far nascere un governo”, rigettando la tentazione di considerare un ”orrore” ogni ipotesi di ”convergenza”. Ovviamente Napolitano non pone limiti al suo settennato. Se non un accenno tutto da interpretare. Si limita a dire:

–  Resterò fino a quando la situazione del paese e delle istituzioni me lo suggerirà e comunque le forze me lo consentiranno.

I partiti, tutti ad eccezione dei grillini, plaudono alle parole del capo dello Stato.

– Un discorso di una efficacia eccezionale – dice Pier Luigi Bersani, mentre il capogruppo Speranza assicura che il Pd farà la sua parte.

– Il discorso più ineccepibile e straordinario che io abbia mai sentito in 20 anni – afferma un Silvio Berlusconi gongolante davanti alle telecamere.

– Parole che inchiodano le forze politiche alle loro responsabilità – afferma Mario Monti.

Fuori dal coro, ma con toni notevolmente diversi, Sel e M5S: Nichi Vendola, pur manifestando affetto e stima per Napolitano, conferma il suo ‘no’ alle larghe intese preferendo andare all’opposizione. Mentre i ‘grillini’, nonostante il richiamo di Napolitano, a temi cari anche M5S come la disoccupazione e il disagio sociale, lo attaccano aspramente.

– Ha fatto un discorso politico, in barba al ruolo di garanzia – dicono i capigruppo Crimi e Lombardi, aggiungendo di non voler accettare lezioni sull’”uso del Parlamento”. E Grillo denuncia la ‘morte della Repubblica’ con il ‘Napolitano reloaded’.

Ma i tanti apprezzamenti per il presidente della Repubblica non attenuano le difficoltà di formare un governo. Soprattutto per il Pd alle prese con una difficilissima direzione. L’agenda del Quirinale ha però tempi strettissimi: martedì consultazioni e incarico forse giovedì o comunque entro la settimana. Il Colle vuole Amato, ma i partiti propongono una figura più digeribile ai propri elettorati: spuntano quindi i nomi di De Rita e Grasso. Ma dopo oggi, c’è da crederci, Napolitano non accetterà più nessuna condizione.

 E lo spread torna sotto 280
La rielezione di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica lascia sfumare l’ipotesi di elezioni anticipate e ridà fiducia ai mercati, tanto da far scendere lo spread tra Btp e Bund ai minimi da febbraio.

Nel primo giorno di scambi dopo il rinnovo dell’incarico al Capo dello Stato, il differenziale è sceso a 279 punti base, segno della scommessa dei mercati sulla possibilità della nascita a breve di un nuovo governo.

Ultima ora

16:01Coniugi morti in casa a Viterbo, si cerca il figlio

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Una coppia di anziani coniugi è stata trovata senza vita sul letto della loro abitazione a Viterbo. Per il duplice omicidio è sospettato e ricercato il figlio della coppia, un uomo di 44 anni. A scoprire i cadaveri una figlia che si è insospettita quando, dopo avere chiesto al fratello notizie de genitori che non riusciva a contattare,questi le ha detto che i due erano ricoverati in clinica. Non riuscendo però a dire quale struttura sanitaria fosse. I corpi di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83 anni, erano avvolti nel cellophane.

15:53Nuoto: Paltrinieri in finale nei 1500 sl

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tre pass per le semifinali, quattro per le finali e un primato personale per l'Italia nella seconda giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. Gregorio Paltrinieri si è qualificato per la finale di domani dei 1500 sl con il terzo crono in 14'34"81. Accede alla finale dei 200 sl Fabio Lombini con l'ottavo tempo Elena Di Liddo e Ilaria Bianchi entrano in semifinale dei 50 farfalla, rispettivamente con il 14/o e 15/o tempo. Eliminati nelle batterie dei 200 rana Nicolò Martinenghi e Luca Pizzini. Erika Ferraioli - decimo crono - e Federica Pellegrini - tredicesimo - accedono alle semifinali dei 100 sl. Nei 100 dorso Simone Sabbioni strappa il pass per la semifinale con il secondo tempo, avanza con il 16/o crono anche Lorenzo Mora. Ilaria Cusinato - già quarta nei 400 misti - si qualifica per la semifinale dei 100 misti. Federico Turrini accede alla finale dei 400 misti con il settimo tempo. Qualificazione in finale con l'ottavo tempo per la staffetta 4x50 mista mista.

15:50Evasione fiscale e truffe, eseguite 14 misure nel cosentino

(ANSA) - COSENZA, 14 DIC - Beni per oltre 33 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Cosenza nell'ambito dell'operazione Matassa, coordinata dalla Procura di Paola, che ha smantellato un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato ed alla commissione dei reati fiscali. Quattordici le misure cautelari eseguite (12 in carcere e due ai domiciliari di donne con figli minori). Tra i beni sequestrati due parchi acquatici, ville, auto, società e opere d'arte. Il sistema era basato su società, tutte fittizie, operanti nei settori della pubblicità, dell'immobiliare o delle ricerche di mercato e consulenza amministrativa che creavano crediti falsi da utilizzare a compensazione per il pagamento di contributi e imposte. Diecimila i modelli F24 analizzati per ricostruire il meccanismo, molti con importi di 0,1 centesimo per evitare il blocco delle procedure di compensazione, attraverso l'utilizzo dell'home banking.(ANSA).

15:48Calcio: Mondiale Club, Fifa, Real? Var giusta

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Fifa non condivide le critiche del Real Madrid sulla Var entrata in azione due volte nel match vinto dai blancos 2-1 contro l'Al Jazira nella semifinale del Mondiale per club giocata ieri. La prima per annullare un gol a Benzema nel primo tempo, la seconda sulla possibile rete del 2-0 per la formazione araba non convalidata per un leggero fuorigioco. Una protesta quella delle merengues che - come riporta il quotidiano spagnolo As - il massimo organo del calcio mondiale "non condivide né capisce, perché pensa che nei due episodi siano state prese le decisioni giuste".

15:31Calcio: Donnarumma, tifosi Milan contro Raiola

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Da San Siro ai social network, monta la contestazione dei tifosi contro Gianluigi Donnarumma per aver messo in discussione il rinnovo con il Milan firmato a luglio per presunte pressioni psicologiche. Secondo chi lo ha visto allenarsi in mattinata a Milanello, l'umore del portiere è piuttosto negativo, in linea con quanto è apparso ieri durante la partita contro il Verona, quando ha reagito ai fischi e agli insulti scuotendo la testa sconsolato, fin quasi alle lacrime. Dopo la partita il ds rossonero Massimiliano Mirabelli ha criticato ("Sappiamo da dove viene il male") l'agente del portiere, Mino Raiola, senza mai nominarlo, e c'è lo stesso obiettivo nel mirino dei tifosi, che sui social network stanno rilanciando l'hasthag #gigiomollalo, esortando il calciatore a prendere posizione e scaricare il procuratore.

15:09Migranti:sbarcati in 41 in porto Crotone, erano su veliero

(ANSA) - CROTONE, 14 DIC - Quarantuno migranti sono sbarcati stamani al porto di Crotone a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza che li ha intercettati ad un miglio al largo di Capo Colonna. I migranti, tutti irakeni, viaggiavano a bordo di un veliero. Sono in corso, nel porto di Crotone, le operazioni di accoglienza dei profughi come previsto dal sistema coordinato dalla Prefettura che prevede anche delle visite mediche e tutti gli accertamenti relativi alla loro provenienza. I migranti verranno ospitati nel Centro di accoglienza di Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto.(ANSA).

15:02Calcio: Torino, Petrachi ds per altri due anni

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Gianluca Petrachi sarà il direttore sportivo del Torino per altri due anni, fino al 2020. Il club granata, sul proprio sito, ha infatti annunciato di avere prolungato il rapporto con il dirigente. "Dopo otto anni di proficua collaborazione - si legge - ed un importante lavoro svolto insieme, il presidente Urbano Cairo comunica di aver rinnovato il contratto" del direttore sportivo. L'accordo mette fine alle voci sull'addio di Petrachi, che ha molti estimatori, anche all'estero.

Archivio Ultima ora