Il picnic: Le Ricette di Mangiare Bene

Picnic deriva dal verbo francese piqueniquer che significa mangiare
all’aperto. Etimologicamente piquer corrisponde a pizzicare mentre nique vuole dire roba di poco conto.
Significa l’arrivo della bella stagione, il plaid, la tovaglia a quadretti, il profumo dei fiori, dell’erba, gli amici, l’eccitazione dei preparativi, le formiche, la siesta mentre i bambini urlano ed i cani si rincorrono….
Per la perfetta riuscita di un picnic oltre al bel tempo, che non dipende da voi, a del mangiare sfizioso ed ad alcuni miei consigli dovete essere certi di non dimenticare quanto segue:
-sale e pepe
-apribottiglie
-un coltello affilato per tagliare il pane, salami e formaggi
-un piccolo tagliere
-bicchieri, piatti e posate di plastica, possibilmente rigida in modo che potete riadoperarli all’ infinito. Altrimenti scegliete posate, piatti e bicchieri in materiale biodegradabile al 100% come per esempio quelli prodotti dalla Yes green in polpa di cellulosa o in foglia di palma.
-Tovaglia e tovaglioli
-Acqua e altre bibite, caffè compreso
-Repellente contro gli insetti
-Sacchetti di plastica per riportare a casa la “pattumiera” lasciando più pulito di prima il posto prescelto.
Troverete inoltre quello che non deve mancare in un picnic classico. E, a seconda del luogo prescelto, troverete delle altre ricette. Ognuno di voi poi sceglierà quelle che preferisce tenendo presente che il bello di questo tipo di scampagnata è proprio il potere spizzicare fra tante golosità.

Condividi: