25 aprile 1945, l’Italia libera dal nazifascismo

Pubblicato il 24 aprile 2013 da redazione

ROMA  – Si apriranno con la deposizione da parte del capo dello Stato Giorgio Napolitano di una corona all’altare della Patria a Roma le celebrazioni oggi del 68/0 anniversario della Liberazione. Ma la cerimonia, a cui saranno presenti anche i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, come di consueto sarà solo la prima delle tante manifestazioni che si terranno in tutta Italia per ricordare il giorno del 1945 in cui i partigiani, con il sostegno degli Alleati, entrarono vittoriosi nelle principali città del nord Italia. Manifestazioni a cui parteciperanno anche politici, compresi i parlamentari del M5S, che hanno però deciso di essere presenti alle cerimonie come semplici cittadini, non in prima fila e sui palchi.

Giorgio Napolitano subito dopo essere stato all’altare della Patria, sarà a via Tasso a Roma per l’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo storico della Liberazione. A Marzabotto, teatro della strage che si consumò nel settembre del 1944 con l’uccisione da parte delle milizie nazifasciste di circa 800 persone per rappresaglia contro i partigiani della Brigata Stella Rossa, la cerimonia vedrà la partecipazione di Grasso, della leader della Cgil Susanna Camusso e di Cecilia Strada, ma anche della madre di Federico Aldrovandi, Patrizia Moretti, e del sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini. A Milano il tradizionale corteo da porta Venezia a piazza Duomo e la successiva manifestazione saranno chiusi dall’intervento di Boldrini, che terrà un’orazione commemorativa anche a Genova. Il 25 aprile ”non è solo memoria, ma attualita”’, sottolinea  l’Arci, che assieme all’Associazione nazionale partigiani ha organizzato iniziative in tutta Italia.

 

Ex partigiana: “Si stanno perdendo il valori della resistenza”

– Certo che la nostra è proprio una generazione di ferro – sorride l’ex staffetta partigiana Marisa Ombra, ma è un sorriso amaro il suo, mentre parla degli ultimi sviluppi politici del Paese, del ruolo centrale giocato da Giorgio Napolitano nel cercare di farlo uscire dal pantano.

C’e’ appena un mese e mezzo di distanza tra la sua data di nascita, il 30 aprile 1925, e quella del presidente della Repubblica ed ”è terrificante – dice  – che si debba ricorrere ancora a quella generazione per rimettere in piedi questo Paese”.

– E per fortuna – afferma sorridendo – che abbiamo un signor Napolitano che molto severamente ha detto ai partiti: ‘attenzione, avete abdicato al vostro dovere’. Speriamo che quello che è successo l’altro giorno alla Camera abbia un seguito. Abbiamo dovuto scalare le montagne per insegnare alla gente il primo abc della democrazia – commenta con un pizzico di amarezza – E oggi, anche se non si può parlare di regime, si sta perdendo tutto. In giro – denuncia la vice presidente nazionale dell’Anpi – ci sono idee molto confuse e anche un po’ inquietanti.

Il dito è puntato contro il Movimento 5 stelle.

– Quando sento parlare di marcia su Roma, quando vedo un gruppo di passanti fermarsi davanti a un ristorante dove un signore (Dario Franceschini, ndr) sta cenando, e lo indica a dito, io mi impressiono – sostiene con un filo di voce -. Tra quelle parole e il manganello non c’è poi tanta differenza. Quando vedo che Fassina esce dal Parlamento dopo avere esercitato il suo dovere e viene assalito con parole truculente, che differenza c’è tra questo e il primo squadrismo?.

Quindi ammonisce:

– Basta che emerga un tipo carismatico, mitico, e la gente si fa trascinare – ammonisce – sono turbata e spaventata.

Per questo, spiega, è ”fondamentale” conservare la memoria del fascismo, della Resistenza, per questo bisogna celebrare ancora il 25 aprile. Ma agganciando “questa memoria al presente, e soprattutto dando una scossa alle nuove generazioni”.

– Noi siamo stati obbligati a una scelta – dice – ma c’era un senso del futuro. Oggi tra i giovani c’è solo il vuoto, o al massimo un senso di rivolta che resta individuale, non organizzata, non civile.

Con amarezza conclude

– Bisogna ricostruire tutto.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora