Buenos Aires: Colombo è nostro e non si tocca

Pubblicato il 26 aprile 2013 da redazione

BUENOS AIRES – Non appena è girata voce che le autorità argentine avevano intenzione di spostare la storica statua di Colombo per portarla a Mar del Plata la collettività di Buenos Aires si è attivata per impedirlo. Il monumento di Cristoforo Colombo è dal 1921 davanti alla Casa Rosada in una piazza che, in onore al grande navigatore si chiama proprio “plaza Colòn”.

I dirigenti del Comites di Buenos Aires insieme ad altri Comites del paese e con il sostegno di associazioni importanti come FEDITALIA, FEDIBA, ed altre federazioni hanno indetto una manifestazione che ha riunito molti connazionali davanti alla cancellata che circonda la piazza e che impedisce l’accesso al monumento. Dopo aver ascoltato gli inni argentino e italiano, tutti i presenti si sono dati la mano e, in un gigantesco girotondo hanno di fatto “abbracciato” il monumento, in segno di riconoscenza e affetto verso il dono fatto nel 1810 dalla collettività italiana.

“Non si tratta di dividerci su chi merita di più un omaggio”, hanno detto i dirigenti presenti, “ma di accogliere tutti quanti hanno un significato importante per la storia e la cultura argentina. Quindi non escludiamo Juana Azurduy, eroina dell’Indipendenza argentina, semplicemente sosteniamo che per innalzarle un monumento, non è necessario spostare quello di Colombo, così carico di significati storici e culturali, legati alla presenza italiana nel Paese”.

Due lunghissime bandiere tricolori ondeggiavano tra i connazionali, oltre alle bandiere argentine e agli stendardi di numerosi sodalizi. La risposta è stata così immediata e compatta che il Comites di Buenos Aires ha ringraziato e si è definito: “orgoglioso e lieto di tutto l’appoggio che ha ricevuto da tante persone della nostra collettività e addirittura anche di altre, per esempio la spagnola.

“Ci provoca tanto dolore la decisione di traslocarlo in un´altra città”, scrivono da Buenos Aires. “Abbiamo alzato le nostre bandiere dell’Italia e nell’aria si respirava un sentimento di melanconia e impotenza. Molti nonni raccontavano che quando sono sbarcati a Buenos Aires la prima cosa che si sono trovati davanti è stato Cristoforo Colombo, e pensare che non ci sarà più fa male al cuore. Ci sentiamo smarriti e questo sentimento trascende fino alle ultime generazioni, come si é potuto notare durante la manifestazione”.

Ultima ora

18:03Calcio: Napoli, controllo ok su condizioni ginocchio Milik

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il calciatore del Napoli Arek Milik si è sottoposto oggi a una visita di controllo a Roma per valutare l'evoluzione della sua convalescenza dopo l'intervento di ricostruzione del legamento crociato. L'esito della visita è definito "positivo" in una nota del Napoli. "Milik oggi a Villa Stuart: positivo l'esito della visita di controllo. La riabilitazione procede nel migliore dei modi". Milik dovrebbe tornare ad allenarsi all'inizio del prossimo anno, ma nel mercato di gennaio il Napoli dovrà decidere, d'intesa con l'attaccante polacco, se cederlo in prestito per dargli la possibilità di giocare di più e ritrovare la forma migliore.

17:53Doping: Zaytsev, squalifica Russia decisione forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Le sanzioni del Cio nei confronti della Russia? È stata una decisione forte, supportata dai vari rapporti di studio e indagine. È una decisione complicata da gestire a livello politico. Vedremo gli atleti russi partecipare alle Olimpiadi sotto una bandiera anonima". Così il pallavolista azzurro Ivan Zaytsev a margine della presentazione dell'accordo di partnership tra Coni, Cip e Toyota. Un'occasione per parlare anche di Nazionale. "Il Mondiale in Italia si avvicina - precisa lo schiacciatore della Sir Safety Umbria - ci stiamo preparando tutti tra quelli papabili per la Nazionale. Aspettiamo con ansia questo bellissimo evento, perché l'Italia merita di ospitarlo e, come Nazionale, meritiamo di fare bella figura. Potrebbe darci nuova fiducia dopo una bellissima Olimpiade del 2016, noi ci faremo trovare pronti".

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

Archivio Ultima ora