Dudamel, il condottiero della Vinotinto mondiale

Pubblicato il 29 aprile 2013 da redazione

CARACAS – Rafael Dudamel, il suo nome è già scritto negli almanacchi del calcio venezuelano: prima come giocatore ed adesso come condottiero della vinotinto Under 17.

L’anno scorso, precisamente nel mese di maggio, la Federación Venezolana de Fútbol (FVF) gli ha messo in mano le redini della nazionale giovanile U17. Sin dal primo giorno l’ex portiere della nazionale ha detto che avrebbe portato al mondiale la ‘selección’. La sua grinta e forza di volontá erano il motore che spingeva questi ragazzi verso l’ambita meta.
“Sento un’enorme felicità, per la forma come abbiamo ottenuto la qualificazione al mondiale di categoria”, confessa Dudamel ai microfoni di una delle emittenti televisive che ha trasmesso il campionato.

Il giocatore – nato 39 anni fa nello stato Yaracuy – ha più volte vestito la maglia della nazionale, e sa cosa significa indossarla, difenderla e farla diventare come una seconda pelle. L’ex portiere durante la sua carriera l’ha indossata per ben 17 anni.

Dudamel ha esordito come professionista all’età di 15 anni con la maglia dell’ULA FC, ed è stato l’inizio di una straordinaria carriera, durante la quale ha vestito le maglie di compagini venezuelane e straniere. Il giocatore è stato anche uno di quei portieri con il fiuto del gol: durante la sua carriera ne ha segnati addirittura 22 (una cifra notevole se parliamo di un portiere), uno di questi nientemeno che all’Argentina, durante le qualificazioni per Francia ’98.

L’estremo difensore ha vestito le maglie di Santa Fe (Colombia), Quilmes (Argentina), Atlético Zulia, Deportivo Calí (Colombia), Millonarios (Colombia), Estudiantes de Mérida (in tre occasioni), Cortuluá (Colombia), Deportivo Táchira, Mamelodi Sundowns (Sudafrica) ed América de Calí (Colombia).

Nel suo palmares troviamo una ‘Copa Merconorte’ con il Millonarios nel 2001 e la finale della ‘Copa Conmebol’ nel 1996 con il Santa Fe. Con l’América de Calí, nel 1999, è arrivato in finale, arrendendosi dopo i calci di rigore contro i brasiliani del Palmeiras. Con la vinotinto ha partecipato a quattro edizioni della Coppa America, a tre qualificazioni per i Mondiali, più le diverse amichevoli; in totale ha collezionato 54 presenze.

Dudamel è anche l’unico giocatore ‘criollo’ ad aver vinto due scudetti in due continenti diversi (Africa e Sudamerica). Durante la sua carriera è stato vittima di diversi infortuni, ma si è sempre ben ripreso, dimostrando carattere e passione per il calcio.

Carattere che lo ha aiutato a staccare il pass per il mondiale degli Emirati Arabi alla prima esperienza. Tutto il merito va all’allenatore che è riuscito a trasmettere alla squadra la mentalità vincente. Dopo aver ottemuto la qualificazione, Dudamel va ad aggiungere il suo nome al lato di Roberto Cavallo (due mondiali alla guida della nazionale di beach soccer), César Farías (con l’U20) e Kenneth Szeremeta (con l’U20 femminile).

“E’ stato molto positivo vedere giocare la squadra allenata da Dudamel. Lui, ha saputo trasmettere alla nazionale tutta la sua esperienza. – spiega Roberto Cavallo – E’ stato incredibile vedere la giocata eseguita da Eduardo Maceiras con ‘sombrero’ incluso e poi il cross chirurgico con cui ha servito Ponce per segnare il definitivo 1-1 contro l’Uruguay. Se una giocata del genere l’avesse fatta Messi, sicuramente ancora la farebbero vedere in tv” – l’italo-venezuelano conclude dicendo – “Il mio consiglio per Dudamel è che giochi altre amichevoli e che riesca a controllare l’ansietà che potrebbe incidere nella prestazione nel torneo e nel futuro”.

Per creare questa macchina vincente, Dudamel ha provato diversi giocatori e diversi schemi, fino ad arrivare alla conclusione che la miglior soluzione era una difesa a tre e due ali. Durante i diversi test ha poi aggiunto nuovi ingranaggi che poco a poco sono diventati fondamentali per il funzionamento della squadra. Talenti del calibro di Beyker Velázquez, Franko Díaz, José Caraballo, Reinaldo Peña, Andrés Ponce e l’italo-venezuelano Francisco La Mantia.

Dopo aver scovato questi gioiellini, il seguente passo è stato potenziare a livello fisico questi ragazzi, lavoro svolto da Joseph Cañas. Durante, la preparazione, Cañas ha simulato con i giocatori lo sforzo che avrebbero sostenuto durante la fase a gironi. Questo lavoro ha aiutato la nazionale a segnare 5 delle sei rete realizzate in questa prima fase durante i primi 35 minuti dei match.

Dudamel a poco a poco aveva colmato un tasello importante, ne mancavano altri, ed alla fine ha aggiunto la pedina vincente: lo psicologo Jeremias Álvarez che ha lavorato per aiutare i ragazzi a tirar fuori il meglio di sè stessi e superare le diverse avversità che si sono presentate via via durante il percorso; uno di questi, forse il principale, saper rimontare un risultato avverso senza mai tirarsi indietro.

La Vinotinto targata Dudamel ha raggiunto il primo obbiettivo: arrivare ad un mondiale. L’ex portiere ha già iniziato a collezionare i primi risultati positivi anche fuori dal rettengalo verde. Adesso si vede un Dudamel in giacca e cravatta urlando e dando istruzioni ai suoi, così come armava le barriere durante le punizioni durante la sua epoca di calciatore.
Durante quasi un mese, i suoi ragazzi hanno fatto sognare una nazione facendo dimenticare i problemi interni ed unendola ottorno alla sfera a macchie bianco-nere. Il prossimo appuntamento per questi ragazzi sará il 26 agosto, giorno in cui conosceranno le tre rivali della prima fase del torneo che si svolgerà negli Emirati Arabi Uniti dal 17 ottobre all’8 novembre 2013.

Fioravante De Simone

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora