Finale di lusso tra Benfica e Chelsea

ROMA – Dalla finale, con vittoria a sorpresa, di Champions League alla finale di Europa League. Il Chelsea fa un passo indietro nella aristocrazia calcistica continentale ma resta comunque ai vertici, limitando la delusione di una stagione altalenante con una convincente prestazione nella doppia semifinale del secondo torneo continentale contro il Basilea.
Il 15 maggio, ad Amsterdam, la squadra di Benitez, sfiderà un’altra squadra di grande tradizione, il Benfica, che eliminato il Fenerbahce e che punta a portare a casa un trofeo internazionale oltre 50 anni dopo le coppe Campioni vinte da Eusebio e compagni.

A Londra, forte del 2-1 dell’andata, il Chelsea ha affrontato l’incontro senza la necessaria determinazione e alla fine del primo tempo ha subito la rete di Salah che ribaltava il risultato. Benitez deve aver catechizzato i suoi nell’intervallo, e in nemmeno un quarto d’ora Torres, Moses e David Luiz – splendido il suo sinistro dalla distanza – hanno portato i Blues sul 3-1 annullando le residue speranze del Basilea.

Anche l’altra semifinale di ritorno, nell’enorme Estadio da Luz di Lisbona, si è conclusa 3-1. I portoghesi sono andati subito in vantaggio con Gaitan, ma un rigore per i turchi – vittoriosi 1-0 all’andata – è trasformato da Kuyt e ha rimesso tutto in gioco.

L’uomo partita per i rossi di Jorge Jesus è stato Cardozo, che al 35’ pt ha realizzato il 2-1 e raddoppiato al 22’ st con il gol che valeva il passaporto per la finale, anche se gli ultimi minuti sono stati una sofferenza per i tifosi di casa. Brividi anche per il difensore turco Gokhan Gonul: durante un’azione difensiva, è stato colpito con un calcio al volto da Gaitan del Benfica ed è crollato a terra senza coscienza, preoccupando compagni e avversari e facendo ammutolire il pubblico. Portato fuori in barella, si è ripreso qualche minuto e quindi è stato sottoposto a controlli clinici.