Lavorare per morire

Pubblicato il 03 maggio 2013 da redazione

Il primo maggio é trascorso da poco e in molti paesi, non in tutti, si é celebrata la festa dei lavoratori. Anche la nostra costituzione dice che l’Italia é una repubblica fondata sul lavoro. Giá, termine importante é il ‘lavoro’, etimologicamente derivante dal latino labor, ovvero faticare. Occorre quindi faticare, stancarsi, sudare per poter parlare di lavoro. E’ la nostra natura umana che ce lo impone, come condizione necessaria, anche dal punto di vista morale e persino religioso, per portare a casa il cibo e la giusta ricompensa; appunto, una ricompensa giusta e meritata, equilibrata e proporzionata alle responsabilitá, ai requisiti ed ai rischi che ciascun lavoro comporta.

Non sempre nella gestione del lavoro si obbedisce ai canoni della giustizia. Proprio la settimana scorsa, a nord di Dhaka, in Bangladesh, é crollato il Rana Plaza, un edificio in cui erano ammassate centinaia di persone, intente a lavorare indirettamente per le grandi griffe occidentali. Purtroppo, non meno di sei mesi fa un incendio aveva provocato la morte di oltre cento lavoratori che producevano vestiti per il colosso americano WalMart.

Piú o meno tutte le catene ed i grandi colossi del tessile affermano di essere molto dispiaciuti e di non essere a conoscenza dell’esistenza di tale fabbriche. Pur non volendo dubitare della veridicitá di tali affermazioni, é certo che tali gruppi conoscono bene i meccanismi di supply-chain, ovvero tutte le tappe della catena di produzione di un prodotto, nel dettaglio (almeno quello finanziario, che é quello che ahimé conta di piú). Pertanto, se ben é certo che nessun manager occidentale conosca personalmente neppure uno solo degli impiegati che sono morti mentre lavoravano in Bangladesh, essi sanno bene il ruolo essenziale che ricoprono gli intermediari: aziende sub-appaltatrici che spingono tantissimo sulla competitivitá, tenendo incredibilmente bassi i costi, per poter offrire al mondo occidentali prezzi d’occasione e permettendo, in virtú della vendita massiva su larghissima scala, a tali multinazionali del tessile, haute-couture e non, di fare profitti spaventosi.

Il sistema del capitalismo selvaggio si muove proprio su questa linea sottile del diritto, della giustizia e della necessitá di generare la parola magica di cui tanto si parla: il lavoro. Infatti, si ritiene che sia colpa dei singoli governi e non delle case produttrici di beni di abbigliamento, se le aziende sub-appaltatrici non obbediscono e non rispettano le regole in materia di sicurezza e prevenzione; in fondo,essi sono come dei benefattori, che generano lavoro in terre in cui il lavoro non c’é. Purtroppo, occorre anche ricordare che il sistema é (mai piú opportunamente di adesso) un abito tagliato su misura per favorire i grandi gruppi multinazionali, rendendo perfettamente legale le doppie fatturazioni, il tanto celebrato e incravattato outsourcing, che permette sostanzialmente ed effettivamente a chiunque di poter operare dove piú gli convenga; in buona sostanza di delocalizzare su scala globale.

Si rischia, scrivendo su certi temi, di sfociare nel qualunquismo e nella generalizzazione e, perché no, in molta ipocrisia. E’ vero che qualsiasi imprenditore ha il legittimo e giustissimo diritto di fare profitto con la propria azienda, avvantaggiandosi di leggi che gli permettono di farlo; dico di piú, é obbligato a farlo se vuole rimanere competitivo in una logica di libera concorrenza e di libero mercato. Tuttavia non si possono rimuovere le barriere etiche che esistono tanto per i singoli individui quanto per le aziende. Tutti gridiamo allo scandalo quando succedono fatti come quelli in Bangladesh, quando bimbi e operai lavorano e muoiono per una paga indegna, quasi, anzi, sempre accettata per disperazione. Pochi di noi, peró, riescono a fare a meno di comprare per il gusto di comprare, di fare shopping per attenuare lo stress quotidiano e, magari, per ostentare la propria ascesa sociale. Se é vero che per una fabbrica che crolla in Bangladesh molte altre ne nascono in altrettante o peggiori condizioni, é anche vero che tutto questo non succederebbe se si staccasse la spina a ció che davvero alimenta questo sistema perverso: la richiesta di beni superflui da parte di noi occidentali. Un mea culpa doveroso, in una giornata cosí importante.

Andrea De Vizio

andreadevizio@hotmail.com
Twitter: @andreadevizio

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora