Michelin lanza el Primacy 3 para latinoamerica y el Caribe

Pubblicato il 06 maggio 2013 da redazione

CARACAS-El lanzamiento del Michelin Primacy 3 en América Latina es una consecuencia del trabajo continuado de los ingenieros de Michelin durante 3 años. El desarrollo de diversos prototipos garantiza el rendimiento del producto final y reduce el número de accidentes, con lo que se crea el caucho más seguro, más duradero y con mayor eficiencia energética.

Primacy 3 fue validado por dos institutos independientes especialistas en procesos de producción y certificación. Según las pruebas realizadas por el instituto alemán TÜV SÜD Automotive, el Michelin Primacy 3 alcanzó los mejores resultados en comparación con sus competidores de marcas premium, debido a que frena hasta 3 metros antes en superficie seca y hasta 4 metros antes en superficie mojada. A su vez, presenta más adherencia en curvas sobre superficie mojada y en condiciones peligrosas, y 10% menos resistencia al rodaje con un ahorro de 2% del consumo de combustible.

Por su parte, el instituto alemán DEKRA comprobó que tras haber recorrido más de 22.000 Km en 44 días, los cauchos presentan una durabilidad 16% mayor que sus competidores.

Michelin Primacy 3 incorpora dos novedosas tecnologías para crear un nuevo estándar de seguridad en el tránsito: STABILIGRIP que aumenta la superficie de contacto y la adherencia sobre suelos mojados, y FLEXMAX, que combina un nuevo compuesto de caucho más flexible Micro Adaptive+ y bloques de caucho con aristas recortadas a 45 grados, que aumenta la adherencia y se adapta a las irregularidades en terrenos secos.

“El neumático es el único punto de contacto del vehículo con el suelo y, por ende, un producto como el neumático Michelin Primacy 3 puede contribuir sólidamente para reducir el número de accidentes”, afirmó el director comercial de neumáticos de turismo y camionetas para Michelin América del Sur, Marco Moretta.

En la región el neumático estará disponible en aros de 16, 17 y 18 pulgadas. La mayor parte de la producción se concentrará en la fábrica brasileña de Itatiaia, en Río de Janeiro.

Crecimiento de la marca
Ante la fuerte caída de los mercados europeos, los mercados emergentes se presentan con buenas perspectivas a futuro. Tal es el caso de América Latina, donde Brasil –país estratégico para la marca- presentó una inflexión favorable en la segunda mitad del 2012.

La empresa tiene actividades en siete países latinoamericanos en Sur América y Centro América, a saber: Brasil, Venezuela, Chile, Perú, Ecuador, Argentina y Panamá. Michelin entiende la enorme fortaleza y potencialidad de estos mercados, sobre todo en segmentos asociados a áreas claves de desarrollo en la región, en los que Michelin genera además un proceso de capacitación y reclutamiento de personal local asociado a sus acciones comerciales, adaptando sus actividades para dar respuesta a las necesidades de cada país.

En ese contexto de inversión en la región, Michelin inauguró a mediados de septiembre de 2012 su nueva fábrica de cauchos para autos y camionetas en Rio de Janeiro, Brasil, con una capacidad de producción actual de 5 millones de cauchos al año y una inversión de 300 millones de euros. La nueva planta ha permitido ampliar la red de distribución en la región y generar más de 300 empleos directos y más de 1.500 indirectos.

Esta nueva fábrica permite ampliar la red de distribución en la región, situación particularmente ventajosa para Venezuela tras su entrada como miembro pleno del Mercosur, con lo que se incentivan y aumentan aún más los vínculos comerciales entre los países de América Latina.

Michelin América del Sur cuenta en la actualidad con 6 mil empleados distribuidos en 4 unidades industriales y 6 agencias comerciales. Posee dos fábricas en Brasil (Río de Janeiro) y dos en Colombia (Cali y Bogotá) que pretenden abarcar el mercado regional.

Para el presidente mundial de Michelin, Jean Dominique Senard, “América del Sur es una de las áreas prioritarias en la estrategia mundial del Grupo Michelin. Tras haber conquistado el mercado de neumáticos radiales para ómnibus y camiones y el mercado de neumáticos de minería e ingeniería civil, empezamos a ingresar sólidamente al segmento de neumáticos para vehículos de turismo y camioneta”.

Ultima ora

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

21:53Maltempo: Toti, ‘Le prossime ore sono le più critiche’

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - "La nostra è una situazione di preoccupazione e di attenzione perché si tratta di una perturbazione molto complessa, sia da seguire che da capire. E' stata una tempesta perfetta, un fenomeno estremo per il variegato modo in cui si è presentato. Le prossime ore saranno quelle che danno maggiore preoccupazione". Così il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ha commentato la situazione meteo. "Abbiamo avuto mareggiate con onde fino a 7 metri, vento fino a 160 km orari, precipitazioni fino a 300 mm, freddo molto intenso nell'entroterra con neve nel savonese con il fenomeno del gelicidio che ha provocato non pochi problemi ai trasporti ferroviari e stradali". Restano sorvegliati speciali l'Entella, il Magra e il Vara. "Adesso sarà importante vedere nelle prossime ore - continua Toti - quando le piogge intorno a mezzanotte caleranno, come reagiranno i bacini".

21:49Gerusalemme: razzi da Gaza, Israele risponde al fuoco

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - Razzi sono stati lanciati da Gaza verso Israele ma per ora non si conosce il luogo dell'impatto, né eventuali conseguenze. Lo ha riferito il portavoce militare aggiungendo che, in risposta al lancio, l'esercito ha sparato tre colpi di artiglieria verso la zona della Striscia da cui si presume siano parti i razzi. Non si hanno altre notizie al momento. Oltre l'artiglieria - ha in seguito aggiunto il portavoce - è intervenuta anche l'aviazione israeliana che ha colpito postazioni di Hamas nel sud della Striscia. Israele - ha spiegato - considera Hamas responsabile "per ogni attacco da Gaza".

21:48New York: ‘Vendetta per raid Israele a Gaza’

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - L'attentatore di Manhattan parlando con gli investigatori avrebbe legato il suo gesto alle azioni di Israele contro la popolazione di Gaza: lo riporta la Cnn citando fonti investigative.

21:46Trump firma direttiva, ‘torniamo sulla Luna, poi Marte’

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Donald Trump firma oggi una direttiva per far tornare gli americani sulla luna ed eventualmente su Marte. Lo rende noto la Casa Bianca. Il presidente è pronto a firmare la "Space Policy Directive 1" che ordina alla Nasa di "guidare un programma di esplorazione spaziale innovativo per far tornare gli astronauti americani sulla Luna ed eventualmente farli andare su Marte", ha riferito il portavoce Hogan Gidley. Una mossa, ha spiegato, basata sulle raccomandazioni del National Space Council. "Cambierà la nostra politica sui viaggi umani nello spazio per aiutare l'America a diventare la forza trainante dell'industria spaziale, ottenere una nuova conoscenza del cosmo e sollecitare una tecnologia incredibile", ha sottolineato Gidley.

21:41Egitto: firmati accordi con Russia per centrale atomica

(ANSA) - IL CAIRO, 11 DIC - Egitto e Russia hanno firmato accordi per la costruzione della prima centrale nucleare egiziana, quella progettata a Dabaa, sul Mediterraneo a ovest di Alessandria. "Firmati accordi tra l'Egitto e la Russia", ha annunciato in sovrimpressione la tv di Stato egiziana mostrando, come riferito da un telecronista, "i ministri dell'Elettricità" dei due paesi firmare documenti con, alle spalle, il presidente russo Vladimir Putin e quello egiziano Abdel Fattah Al Sisi. Che gli accordi alla firma oggi riguardassero la centrale di Dabaa era stato ampiamente anticipato dai media prevedendo ora che i suoi quattro reattori di costruzione russa dovrebbero entrare in funzione fra il 2022 e il 2026. "Dopo l'accordo di Dabaa l'Egitto otterrà la tecnologia più moderna e più sicura", ha detto Putin in un discorso tenuto dopo la firma e trasmesso in diretta tv dall'emittente di notizie Nile News.

21:41Maltempo: traghetti nord Sardegna fermi sino a domani

(ANSA) - OLBIA, 11 DIC - Collegamenti marittimi semiparalizzati nel nord Sardegna. A causa del forte vento di libeccio che soffia da questa mattina, le navi che sarebbero dovute arrivare da Genova e Civitavecchia sono rimaste ferme in porto. Il traghetto Bithia della Tirrenia stasera non ha lasciato lo scalo laziale, come previsto, ma partirà alle 8 di domani mattina per arrivare a Olbia solo alle 14. Problemi anche per la nave Tommy della Moby che non potrà rispettare la partenza da Olbia per Civitavecchia alle 22.30 ma mollerà gli ormeggi alle 4 di stanotte attendendo un miglioramento delle condizioni meteo-marine. Stesso problema per il traghetto Janas della Tirrenia in partenza da Genova per Porto Torres, che invece di partire questa sera lascerà il molo ligure domani mattina per arrivare alle 17. Tutto regolare, invece, per il traghetto Moby Aki che stasera affronterà la traversata Olbia-Livorno. "I forti ritardi nei collegamenti marittimi fra la Sardegna e la Penisola - spiega la Capitaneria di porto di Olbia - sono dovuti alle condizioni proibitive in mare aperto dove le onde sono alte sino a quattro metri e il vento è forza sette con raffiche di 33 nodi, cioè oltre 60 km orari". Il forte vento di libeccio ha creato disagi anche a terra, dove i vigili del fuoco di Sassari e Olbia hanno effettuato oltre trenta interventi per tralicci e alberi divelti. Secondo le previsioni ci sarà una attenuazione del fenomeno a partire da domani pomeriggio.(ANSA).

Archivio Ultima ora