Cosa fa la nostra Ambasciata per aiutare i connazionali vittime di espropri?

Pubblicato il 08 maggio 2013 da redazione

CARACAS – “Le nostre autorità dilomatico-consolari sono a conoscenza dei casi di espropri riguardanti nostri Connazionali”? “Hanno potuto monitorare lo stato di avanzamento delle procedure espropriative”? Queste le richieste dell’On. Fabio Porta al Ministro degli Esteri, contenute in un’interrogazione parlamentare che ha come co-firmatari i deputati del Partito Democratico Gianni Farina, Marco Fedi, Laura Garavini e Francesco La Marca. Così, l’On. Porta si fa interprete delle preoccupazioni della nostra comunità che vede come trascorrono i giorni, i mesi, gli anni senza che si dia una soluzione ad un problema che colpisce tante famiglie italo-venezolane.

Nell’interrogazione parlamentare, in un breve preambolo, l’On. Porta spiega che “negli ultimi anni, a seguito degli orientamenti assunti dal Governo Bolivariano in Venezuela si sono moltiplicate le azioni di esproprio di proprietà immobiliari, molte delle quali appartengono a immigrati di origine italiana residenti nel Paese da oltre mezzo secolo”.

Quindi sottolinea:

“Le proprietà in questione sono in genere di piccola e media dimensione, frutto di sacrifici e risparmi di decenni, spesso utilizzate per avviare e consolidare attività economiche recanti beneficio sia alla condizione familiare dei protagonisti che al tessuto economico e sociale delle località nelle quali sono ubicate”

Nell’interrogazione parlamentare spiega ancora che “nella maggior parte dei casi gli indennizzi, erogati, per altro con grande ritardo, sarebbero minimi”. E ciò comporterebbe un “danno irreversibile per le attività interessate dagli espropri e per le condizioni di vita dei legittimi proprietari”.

Per dar forza alla sua interrogazione parlamentare, l’On. Porta illustra il caso della signora Rosetta Chiappardi; uno dei tanti, dato che sono molti i connazionali che hanno visto improvvisamente distrutti i sogni di una vita e il frutto di anni e anni di sacrifici.

“A Maiquetia, nei pressi dell’aeroporto internazionale di Caracas, ad esempio – riferisce il deputato Pd -, la Sig.ra Rosetta Chiappardi, vedova di un nostro connazionale, ha ricevuto un avviso di esproprio del terreno industriale nel quale opera un’officina meccanica, gestita dal figlio, che in conseguenza sarebbe costretta a chiudere privando dell’unica fonte di reddito le famiglie di chi vi lavora”.

Nella sua interrogazione parlamentare l’On. Porta, insieme agli altri deputati Pd, chiede al Ministro degli Esteri “se le nostre autorità diplomatico-consolari siano a conoscenza dei casi di esproprio riguardanti nostri connazionali e, in caso affermativo, se hanno potuto monitorare l’entità del fenomeno, la sua distribuzione sul territorio e lo stato di avanzamento delle procedure espropriative;” e “se il Ministro interrogato non ritenga di sollecitare i rappresentanti diplomatici italiani presenti nel Paese a stabilire gli opportuni contatti con le autorità venezuelane, al fine di sottolineare la provenienza da lavoro dei beni oggetto degli atti di esproprio e di cercare ogni utile iniziativa, nel rispetto dell’autonomia decisionale delle istituzioni centrali e locali del Venezuela, volta alla preservazione delle proprietà legittimamente acquisite e destinate ad attività economiche consentite”.

– Tutti quelli che guardano con interesse alle vicende dei Paesi dell’America Latina non possono in questi giorni non augurarsi che una realtà importante e per noi di riferimento come il Venezuela, trovi al più presto un suo equilibrio interno e una sua stabilità – commenta l’On. Porta per poi sottolineare preoccupato:

– Intanto, però, non possiamo perdere di vista la condizione concreta in cui versano i cittadini venezolani, tanto più se si tratta di persone di origine italiana che condividono ormai da decenni le vicende del Paese.

E’ partendo da questo presupposto che l’On. Porta ha presentato l’interrogazione rivolta al ministro degli Esteri, Emma Bonino, per avere informazioni sulla delicata situazione che si trascina da troppo tempo e che interessa non pochi nostri connazionali. Siamo sicuri che la sua richiesta troverà ascolto presso la Ministro Bonino, ben conosciuta per la sua sensibilità e rettitudine.

Come è noto, negli ultimi anni in Venezuela, a seguito dell’indirizzo dato alle politiche economiche, sociali e di sviluppo, i casi di espropri si sono moltiplicati ed hanno coinvolto anche nostri connazionali a Caracas, nei centri urbani della provincia e negli Stati tradizionalmente poli di sviluppo. È proprio in risposta alle tante segnalazioni che gli sono pervenute che l’on. Porta ha deciso di occuparsene e di presentare l’interrogazione.

Il deputato Pd spiega che sulle proprietà espropriate loro, i connazionali, dopo una vita di lavoro e sacrifici, erano riusciti a sviluppare attività imprenditoriali; attività che rappresentavano “una insostituibile fonte di sopravvivenza” per le loro famiglie.

– Si tratta – sottolinea il parlamentare – di una vera e propria distruzione di ricchezza, dal momento che gli indennizzi, peraltro di scarsa entità, non sono corrisposti o sono erogati con molto ritardo

Per tale motivo, l’On. Porta ha voluto richiamare l’attenzione del ministero degli Esteri. D’altronde, senza una reale azione diplomatica e politica, ai livelli più alti, diventano assolutamente sterili gli sforzi di chi è stato colpito dai provvedimenti di esproprio, e inefficace ogni  azione di reclamo  presso gli uffici competenti.

Ultima ora

19:29Inter: Spalletti “Abbiamo sbagliato la ripresa”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Dispiace sicuramente aver perso, un po' di più perché è passato un po' di tempo dall'ultima e non eravamo più abituati". E' amareggiato il tecnico dell'Inter, Luciano Spalletti, dopo il primo ko stagionale, contro l'Udinese. "Ma ce la siamo un po' andati a cercare - le sue parola a Premium - perché nel 2/o tempo abbiamo sbagliato troppo, siamo stati timidi e poi loro sono stati bravi, hanno fatto valere la loro fisicità. Oggi non ci è girata tanto bene". Spalletti esclude che il ko possa essere 'figlio' di un calo fisico: "No, assolutamente. L'aspetto fisico mi è sembrato a posto ma nella ripresa abbiamo sbagliato molto tecnicamente e dove abbiamo aumentato la distanza tra i reparti. La differenza l'ha fatta la gestione errata della palla. Il gruppo in testa ha fatto un girone d'andata tutto in volata, è stato uno sprint continuo. Ora chiaramente chi si siede un attimo rischia di essere superato. Noi non volevamo questo, eravamo convinti di fare un'altra prestazione che evidenziasse la nostra crescita".

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

Archivio Ultima ora